Candidature per il Congresso

Candidature per il Congresso

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Md Milano propone Mannucci Pacini, Poniz e Gandolfi

MD - Sezione di Milano

 

MD OGGI. MD ha ancora un ruolo essenziale nella società e nella giurisdizione. Come luogo di sviluppo della cultura dei diritti, di elaborazione di idee e progetti, di movimento propulsivo della giurisprudenza. MD è in grado attrarre interesse verso l’esterno, per la sua storia, per le sue idee, per le persone che ne fanno parte.

E’ necessaria però oggi un’idea politica ed un progetto che indichi la direzione su cui proseguire, uscendo definitivamente da quel conflitto interno al gruppo che lo ha fortemente indebolito negli ultimi anni.

Due sono i grandi temi sui quali MD nel futuro dovrebbe concentrarsi, rinnovandosi e rilanciando la propria azione: la tutela dei diritti e l’anticorporatismo, perché l’aggravio del carico del nostro lavoro quotidiano ed il peggioramento delle condizioni di lavoro ha indotto larga parte della magistratura ad avere un atteggiamento difensivo, a volere una magistratura sindacalizzata e protettiva e quindi un’associazione tesa a questo scopo, mettendo in crisi il modello di magistrato progressista.

 

MD E AREA. AREA nasce per la crisi dei gruppi tradizionali. Nasce per aggregare ed attrarre altri colleghi. E’ la prospettiva verso il futuro, della quale MD deve tenere conto e nella quale MD deve continuare a garantire una presenza forte ed attenta a tutti i livelli.

Perché AREA rischia di diventare una federazione di gruppi locali. Perché in AREA manca ancora un’elaborazione di contenuti su molte tematiche essenziali per MD.

AREA è una risorsa, perché permette la contaminazione di idee e la possibilità di elaborazione di progetti innovativi e di migliorare la giurisdizione nel suo complesso.

AREA può raggiungere grandi risultati soprattutto sull’autogoverno e sull’associazione, concentrandosi su tre grandi questioni: le valutazioni di professionalità; le nomine dei direttivi e semidirettivi; il sistema disciplinare.

MD è fondamentale per AREA, come elaborazione, iniziativa politica e portatrice di contenuti.

MD deve andare nei luoghi dove AREA si fa e portare le sue idee, impegnandosi sempre di più alla sua crescita e stimolandone lo sviluppo.

Occorre però, anche in questo ambito, un progetto che indichi lo sbocco finale di questo percorso.

 

LA PREGIUDIZIALE ETICA. Quanto accaduto negli ultimi mesi ha costituito lo stimolo per rilanciare il tema dell’iter procedimentale per le nomine agli incarichi direttivi e semidirettivi.

L’abolizione dell’anzianità ha fatto venir meno regole prefissate, rendendo meno intellegibili le scelte del CSM ed aumentando in modo esponenziale la discrezionalità. Questo rende necessario un procedimento amministrativo ancora più improntato ai canoni di legalità e trasparenza, dove il ricorso alle fonti di conoscenze, quali esse siano, sia sempre documentato e documentabile, dove non vi siano spazi per meccanismi di premio nei confronti di chi sia iscritto o simpatizzante alle correnti.

Il congresso deve discutere ed affrontare il tema di un autogoverno svincolato dalla logica dell’appartenenza. MD deve assumersi la responsabilità di un cambio di passo.

 

LA SCUOLA DELLA MAGISTRATURA. La scuola superiore della magistratura ha iniziato le sue attività tra enormi problemi, dovuti anche alla mancanza di collaborazione del CSM, che è apparso a tratti ostruzionista verso la nuova istituzione.

Occorre perciò, a partire dal Congresso, una riflessione del gruppo sul tema della formazione, uno degli snodi principali per il futuro della nostra professione, che affronti da un lato gli obiettivi del percorso formativo – anche sotto il profilo della formazione dei dirigenti – e dall’altro  dei rapporti reciproci tra Scuola e CSM di modo da garantire i migliori risultati per tutta la magistratura.

 

 

La sezione propone come candidati al Consiglio Nazionale: Ilio Mannucci Pacini, Luca Poniz e Paola Maria Gandolfi

 

 

(Deliberato all’assemblea di MD Milano il 29 gennaio 2013)

30/01/2013

Articoli Correlati

Penale

A margine di un processo per tortura


Il 20 aprile 2022  il Giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Torino ha disposto il rinvio a giudizio di ventidue persone, tra essi numerosi operatori dell’amministrazione penitenziaria accusati tra l’altro del delitto di tortura, commesso, stando all’accusa, in danno di persone detenute nel carcere di Torino; 

Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.

Le riflessioni di Magistratura democratica

Manifestazioni degli studenti: non solo ordine pubblico


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni che accadono e di dare voce ai conflitti sociali, prima che si trasformino in processi, proprio al fine di evitare che il processo si traduca solo in luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.


Ed allora, alla notizia degli scontri in piazza, tra giovani e giovanissimi e le forze dell’ordine, ci è sembrato giusto interrogarci in modo composito e non solo tra di noi.

Comunicati

Magistratura democratica aderisce alla manifestazione contro la guerra


Ci uniamo ai pacifisti italiani e di tutto il mondo

Referendum e CDC

ANM: la responsabilità della rappresentanza


Magistratura democratica esprime profondo rammarico per gli esiti del CDC dell’ANM del 5 e 6 febbraio 2022.

Comunicati

Il sollecito di Mattarella


La dirigenza di Magistratura democratica guarda con rispetto e attenzione alle indicazioni che il Presidente della Repubblica ha riservato al mondo della giustizia.

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.

Comunicati

La testimonianza di David Sassoli

"L'Europa deve ritrovare l'orgoglio del suo modello democratico. Dobbiamo fermamente desiderare che questo modello di democrazia, di libertà e di prosperità si diffonda, che attiri, che faccia sognare e non solo i nostri stessi concittadini europei, ma anche al di là delle nostre frontiere."