Candidature per il Congresso

Candidature per il Congresso

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Md Milano propone Mannucci Pacini, Poniz e Gandolfi

MD - Sezione di Milano

 

MD OGGI. MD ha ancora un ruolo essenziale nella società e nella giurisdizione. Come luogo di sviluppo della cultura dei diritti, di elaborazione di idee e progetti, di movimento propulsivo della giurisprudenza. MD è in grado attrarre interesse verso l’esterno, per la sua storia, per le sue idee, per le persone che ne fanno parte.

E’ necessaria però oggi un’idea politica ed un progetto che indichi la direzione su cui proseguire, uscendo definitivamente da quel conflitto interno al gruppo che lo ha fortemente indebolito negli ultimi anni.

Due sono i grandi temi sui quali MD nel futuro dovrebbe concentrarsi, rinnovandosi e rilanciando la propria azione: la tutela dei diritti e l’anticorporatismo, perché l’aggravio del carico del nostro lavoro quotidiano ed il peggioramento delle condizioni di lavoro ha indotto larga parte della magistratura ad avere un atteggiamento difensivo, a volere una magistratura sindacalizzata e protettiva e quindi un’associazione tesa a questo scopo, mettendo in crisi il modello di magistrato progressista.

 

MD E AREA. AREA nasce per la crisi dei gruppi tradizionali. Nasce per aggregare ed attrarre altri colleghi. E’ la prospettiva verso il futuro, della quale MD deve tenere conto e nella quale MD deve continuare a garantire una presenza forte ed attenta a tutti i livelli.

Perché AREA rischia di diventare una federazione di gruppi locali. Perché in AREA manca ancora un’elaborazione di contenuti su molte tematiche essenziali per MD.

AREA è una risorsa, perché permette la contaminazione di idee e la possibilità di elaborazione di progetti innovativi e di migliorare la giurisdizione nel suo complesso.

AREA può raggiungere grandi risultati soprattutto sull’autogoverno e sull’associazione, concentrandosi su tre grandi questioni: le valutazioni di professionalità; le nomine dei direttivi e semidirettivi; il sistema disciplinare.

MD è fondamentale per AREA, come elaborazione, iniziativa politica e portatrice di contenuti.

MD deve andare nei luoghi dove AREA si fa e portare le sue idee, impegnandosi sempre di più alla sua crescita e stimolandone lo sviluppo.

Occorre però, anche in questo ambito, un progetto che indichi lo sbocco finale di questo percorso.

 

LA PREGIUDIZIALE ETICA. Quanto accaduto negli ultimi mesi ha costituito lo stimolo per rilanciare il tema dell’iter procedimentale per le nomine agli incarichi direttivi e semidirettivi.

L’abolizione dell’anzianità ha fatto venir meno regole prefissate, rendendo meno intellegibili le scelte del CSM ed aumentando in modo esponenziale la discrezionalità. Questo rende necessario un procedimento amministrativo ancora più improntato ai canoni di legalità e trasparenza, dove il ricorso alle fonti di conoscenze, quali esse siano, sia sempre documentato e documentabile, dove non vi siano spazi per meccanismi di premio nei confronti di chi sia iscritto o simpatizzante alle correnti.

Il congresso deve discutere ed affrontare il tema di un autogoverno svincolato dalla logica dell’appartenenza. MD deve assumersi la responsabilità di un cambio di passo.

 

LA SCUOLA DELLA MAGISTRATURA. La scuola superiore della magistratura ha iniziato le sue attività tra enormi problemi, dovuti anche alla mancanza di collaborazione del CSM, che è apparso a tratti ostruzionista verso la nuova istituzione.

Occorre perciò, a partire dal Congresso, una riflessione del gruppo sul tema della formazione, uno degli snodi principali per il futuro della nostra professione, che affronti da un lato gli obiettivi del percorso formativo – anche sotto il profilo della formazione dei dirigenti – e dall’altro  dei rapporti reciproci tra Scuola e CSM di modo da garantire i migliori risultati per tutta la magistratura.

 

 

La sezione propone come candidati al Consiglio Nazionale: Ilio Mannucci Pacini, Luca Poniz e Paola Maria Gandolfi

 

 

(Deliberato all’assemblea di MD Milano il 29 gennaio 2013)

30/01/2013

Articoli Correlati

Riforme e autogoverno

CSM: una legge elettorale in funzione del suo ruolo costituzionale

Garantire rappresentatività alle diverse idee e visioni che si hanno della giurisdizione, abbandonando le logiche personalistiche; restituire il potere di scelta al magistrato elettore; allargare la partecipazione, smarcandola dall’ipoteca delle correnti; dare cittadinanza alle diverse professionalità, introducendo meccanismi di riequilibrio che assicurino una risposta alla questione, non più eludibile, della corretta rappresentanza di genere. Sono queste le proposte di Magistratura democratica per la riforma del sistema elettorale del CSM, elaborate all’esito di un percorso di riflessione collettiva avviato con il seminario del 3 giugno e proseguito nel Consiglio nazionale dell’11 giugno.

Tecnologia e processo

Continuando a discutere: i prossimi incontri nazionali telematici

Un confronto nazionale condotto in videoconferenza e aperto a tutti. Per discutere su come le tecnologie possano influenzare la giurisdizione, la cultura del giudice, il suo modo di approcciare il lavoro e i paradigmi del processo penale e civile.

Tecnologia e processo

Non si stravolga il principio dell’oralità e immediatezza: il processo vero si fa in aula

La tecnologia può assicurare efficienza, ma i nuovi strumenti devono essere governati e non subiti. È necessario investire sul processo penale telematico, favorendo l’accesso digitale agli atti e la circolazione dei documenti. Occorre smaterializzare le carte, non le persone.

Tecnologia e processo

I rischi dell’udienza telematica

La democrazia non può tollerare che la giurisdizione resti sospesa, neppure nell’attuale fase emergenziale. Ma una volta cessata l’emergenza, bisognerà tornare alla pienezza di tutte quelle regole processuali che sono state previste in funzione dell’effettività del diritto di difesa e del ruolo di garanzia della giurisdizione.

Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo suo bel ritratto di Walter.

Sulla proposta di riforma

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente

Ricordando Walter

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia

L'articolo del Presidente di Medel Filipe Marques

Parliamo di Europa!

Il presidente Marques presenta il ciclo di conferenze di Medel del mese di marzo, la prima a Roma

Dichiarazione dell’Esecutivo nazionale

Né Rosso né bigio ma giusto

È gravissimo che su quotidiani on line, incredibilmente ripresi da testate nazionali, sia stato pubblicato (con nomi cognomi e qualifiche professionali) un elenco di oltre 6.000 magistrati che prestano servizio presso gli uffici giudiziari italiani i quali sarebbero, incredibilmente, tutti iscritti a Magistratura Democratica