L'immigrazione che verrà

Seminario di Area

L'immigrazione che verrà

di Esecutivo di Magistratura Democratica

















Gli eventi accaduti negli ultimi giorni nel Canale di Sicilia confermano la necessità di riflettere sull'adeguatezza dell'operazione TRITON a rispondere alla grave emergenza umanitaria in atto e a garantire un'efficace azione di contrasto alle organizzazioni criminalitransazionali che lucrano sul bisogno di migrare di intere moltitudini umane, mettendone in pericolo la vita.

La situazione in LIBIA, le violenze sui migranti da parte di uomini armati, la minaccia alle forze di soccorso da parte di organizzazioniche potrebbero avere anche matrice terroristica pongono nuove epreoccupanti sfide. Il Seminario "L’IMMIGRAZIONE CHE VERRÀ. DAL RESPINGIMENTO A MARE NOSTRUM. DALL'ITALIA ALL'EUROPA", che si svolgerà a CATANIA il 20 e 21 febbraio 2015, organizzato da MAGISTRATURA DEMOCRATICA e MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA-ART.3, che nell'ambito della magistratura associata compongono il gruppo "AREA", affronterà questi temi, a partire dall'esperienza di MARE NOSTRUM e coinvolgendo tutticoloro che hanno concretamente operato nella repressione deitrafficanti, nel salvataggio di vite umane e nell'accoglienza di decinedi miglia di migranti.La sede del seminario è paradigmatica delle difficoltà che affrontano oggi le zone più esposte del Paese.

Nell'ultimo anno e mezzo, infatti,il comprensorio della Sicilia sud-orientale ha dovuto improvvisamenteaffrontare un flusso di immigrazione imprevedibile, perché in passato riversatosi (e in dimensione minore) sulla Sicilia occidentale e sulla Calabria. Il fenomeno ha comportato una radicale modificazionedell'approccio operativo nelle indagini e nuove problematiche giuridiche nei relativi procedimenti penali.

Lo scopo del seminario è quello di valorizzare lo sforzo compiuto nel corso degli ultimi tempi nel soccorso in mare, nella repressione delle organizzazioni dedite al traffico di migranti e nella prima accoglienza,ma allo stesso tempo di valutare tale fenomeno in un'ottica più ampia,e di metterne in luce le criticità e la crescente difficoltà per i territori più esposti a sostenere la gestione di flussi massicci e ad assicurare al contempo il rispetto della dignità umana dei migranti.

Tutto ciò nell'auspicio di potere pervenire a proposte migliorative del sistema, che permettano di bilanciare l'esigenza di "governare" il fenomeno migratorio con quella di assicurare condizioni di viaggio e diaccoglienza per i migranti dignitose e sicure.

Al seminario parteciperanno importanti attori istituzionali, come il ministro dell'InternoANGELINO ALFANO, il Sottosegretario di Stato - Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica MARCO MINNITI, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, SANDRO GOZI,  il deputato KHALID CHAOUKI, la parlamentare europea MICHELA GIUFFRIDA, il funzionario della Commissione Europea, specializzato nelle politiche di asilo,GIULIO DI BLASI, il capo Dipartimento centrale per le libertà civili del ministero dell'Interno MARIO MORCONE, il procuratore nazionale antimafia FRANCO ROBERTI, il Presidente della VI Commissionedel Consiglio Superiore della Magistratura, PIERGIORGIO MOROSINI,  l'ammiraglio della Marina militare italiana FILIPPO MARIA FOFFI, il segretario generale di Magistratura democratica ANNA CANEPA, l'avvocato generale, capo dell'Ufficio della Cooperazione della Procura Generale egiziana KAMEL SAMIR KAMEL, oltre a rappresentanti delle associazioni e degli enti impegnati nell'accoglienza ai migranti (Comunità di Sant'Egidio, Centro Astalli, Caritas, Croce Rossa, Medici Senza Frontiere, Emergency, Comunità Islamica Siciliana).


In allegato il programma dei lavori

(19 febbraio 2015)

19/02/2015

Articoli Correlati

Eventi

Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione


Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione
Mercoledì 6 aprile 2022, ore 16.30
Sede Associazione "Volere la Luna", Via Trivero 16 Torino

Sarà possibile seguire l’incontro in diretta streaming sul canale Youtube di Magistratura democratica (https://www.youtube.com/user/MagistraturaDem

Iniziativa della dirigenza nazionale di Magistratura democratica

La gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale


Le problematiche, giuridiche e operative, della gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale, sia nella fase cautelare che in quella processuale - problematiche efficacemente riassunte e argomentate nella recente sentenza della Corte costituzionale n. 22 del 27 gennaio 2022 - sono ampiamente note a tutti gli operatori del diritto. 

Eventi

Lavoro povero e salario minimo


Lavoro povero e salario minimo


Venerdì 25 marzo 2022, ore 15.00


Corte di cassazione, Aula Giallombardo, 2° piano

Dialoghi sulla giustizia

A proposito di Referendum

Sono nove, ad oggi, le richieste di referendum al vaglio della Cassazione e della Corte costituzionale: sei di questi in particolare riguardano argomenti in materia di giustizia, pur molto eterogenei tra loro. La possibilità della sottoscrizione telematica ha ovviamente incentivato il ricorso al mezzo, e con ogni probabilità, si ripeteranno in futuro le occasioni di consultazione popolare sui temi più svariati. Diviene essenziale un’informazione capillare ed una discussione franca che possa evidenziare i risvolti effettivi di un voto che si può esprimere solo con un sì o con un no. Magistratura democratica non si sottrae al dovere di fornire il suo contributo.

In-sicurezza: giustizia, diritti e informazione

Parole di Giustizia

L'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge e la tutela dei diritti di tutti sono il banco di prova delle democrazie contemporanee. Ciò sta scritto nelle Costituzioni del Novecento (a cominciare da quella del nostro Paese) ma spesso – troppo spesso – resta un obiettivo irrealizzato. Così la giustizia sembra talvolta ridursi, da orizzonte di vita decorosa e serena per tutti, a insieme di procedure per risolvere controversie e conflitti.

In questo contesto è nata l’idea di un appuntamento annuale teso a recuperare la consapevolezza del carattere etico e politico oltre (e prima) che tecnico della questione giustizia. Un appuntamento che, dopo nove edizioni a La Spezia, quest’anno si trasferisce a Urbino e a Pesaro, grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino 'Carlo Bo', l’Associazione studi giuridici 'Giuseppe Borrè' e Magistratura democratica, con il coinvolgimento dell’Ordine degli avvocati di Pesaro e di Urbino e di tre istituti superiori: l’istituto Raffaello di Urbino, i licei Mamiani e Marconi di Pesaro.

Al centro della riflessione di questa edizione di “Parole di giustizia” è il senso di in-sicurezza che attraversa la società. Magistrati, avvocati, docenti universitari, giornalisti ed esperti di comunicazione – attraverso dibattiti, lezioni magistrali e interviste – ne analizzeranno sia le ragioni sia gli effetti sulla politica, sui diritti, sulla legislazione, sul modo di amministrare la giustizia.    

Il festival Parole di Giustizia 2021 si aprirà a Urbino venerdì 22 ottobre a Palazzo Battiferri con la lectio magistralis di Ilvo Diamanti e si concluderà domenica 24 ottobre a Palazzo ducale con quella di Tomaso Montanari. Sabato 23 ottobre si trasferirà a Pesaro e vedrà protagonisti, tra gli altri, Vera Gheno, Donatella Di Cesare, Yvan Sagnet, Umberto Ambrosoli.