Chi parla per noi?

Comunicati

Chi parla per noi?


Lo scorso 19 aprile si è tenuta, nell’Aula Magna del Palazzo di giustizia di Milano, una partecipatissima assemblea dell’A.N.M. locale, nella quale molte magistrate e magistrati milanesi, e gli stessi dirigenti dei principali uffici giudiziari del distretto, hanno espresso seria preoccupazione per l’iniziativa disciplinare avviata dal Ministro della giustizia nei confronti di tre giudici della Corte d’Appello di Milano nel noto caso Uss.


Tutti, dirigenti compresi, hanno approvato all’unanimità un documento nel quale si sottolinea a chiare lettere  come l’iniziativa del Ministro costituisca un inedito, e quanto mai pericoloso, uso strumentale dell’iniziativa disciplinare per intaccare le prerogative di autonomia e di indipendenza della magistratura, affermando un inammissibile sindacato politico su provvedimenti giudiziari fisiologici e motivati, la cui eventuale impugnazione e correzione è, e deve restare, interna alla giurisdizione e sottratta al potere politico, vieppiù in casi in cui il Ministero è parte del procedimento e ben può ivi fare sentire la sua voce.


La presenza ieri, 27 aprile, nella stessa Aula Magna, del Ministro della Giustizia nel corso di un evento dedicato all’auspicabile prossima istituzione a Milano della terza sede del Tribunale unificato dei brevetti, rappresentava una giusta e doverosa occasione di puntualizzazione di quanto accaduto e di riaffermazione, da parte della magistratura milanese, della sua dirigenza e della sua rappresentanza associativa, delle ragioni di preoccupazione e di protesta nei confronti di  quell’iniziativa disciplinare, così convintamente espresse pochi giorni prima, visto che è stato lo stesso Ministro ad affrontare la questione in quella sede.


Senza nulla togliere all’importanza dell’evento, la presenza del Ministro non poteva e non doveva essere esautorata dal peso della rappresentanza politica di quella pericolosa iniziativa disciplinare, soprattutto alla luce del fatto che, nella settimana intercorsa tra l’assemblea del 19 aprile e l’evento di ieri, il Ministro ha ribadito in diverse sedi, istituzionali  e mediatiche, la propria convinzione in merito, senza muovere alcun passo indietro e anzi assumendo a tratti, in particolare nel corso della relazione al Parlamento, un atteggiamento persino irridente nei confronti dei giudici attinti dall’iniziativa disciplinare in questione.


Le immagini dell’evento di ieri e le dichiarazioni fatte dallo stesso Ministro, e da alcuni dirigenti, vogliono invece restituirci il quadro di una quasi esibita ed eccessiva cordialità, spinta oltre i protocolli di visita istituzionale, per accompagnare una narrazione di composizione e di rassicurazione che, crediamo, non corrisponde alla realtà percepita dall’intera Magistratura.


Non possiamo “sentirci rassicurati” dalle generiche petizioni di principio del Ministro sul rispetto dell’autonomia e dell’indipendenza della magistratura, quando l’azione politica si muove in senso contrario: nessun ripensamento, e anzi convinta insistenza, sul procedimento disciplinare e, negli stessi giorni, l’annuncio di un nuovo disegno di legge che vuole perseguire l’esiziale progetto di separare le carriere di giudici e pubblici ministeri, colpendo il cuore della nostra cultura giurisdizionale e del sistema di equilibri  costituzionali, per inseguire il disegno, fortemente voluto anche da una parte dell’avvocatura associata, di politicizzazione (e di un conseguente maggiore controllo)  della magistratura requirente.


Di fronte a tutto questo la domanda che viene spontanea è chi parla per noi? I dirigenti di uffici di eccellenza come quelli milanesi (rispetto, peraltro,  alle poche risorse riversate sul resto degli uffici giudiziari italiani)  o la voce corale ‒ ma forse ingenua a questo punto? ‒ di un popolo di magistrate e di magistrati che, attraverso la sua associazione, non guarda al colore del Ministro o alla sua provenienza dalle nostre stesse file per denunciare pericolose derive verso una Magistratura sempre più condizionata dalla politica e quindi verso una cittadinanza sempre meno garantita e libera?


L’abbassamento della voce spesso costituisce un segnale di un malessere più occulto e grave; non lasciamola cadere nel vuoto e torniamo a farla sentire.


L’esecutivo di Magistratura democratica

28/04/2023

Articoli Correlati

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.

Nota della Presidente di Magistratura democratica

Gli effetti dell’allargamento dell’elenco dei “Paesi sicuri”


La Presidente di Magistratura democratica, Silvia Albano, ha diffuso una nota in cui si spiegano gli effetti pratici del decreto ministeriale 7 maggio 2024 con il quale è stato allargato l’elenco dei Paesi sicuri a ulteriori Paesi (indicati all’inizio del testo), includendo così i Paesi di origine da cui proviene la maggioranza dei migranti.

Comunicati

Il carcere: tra dignità umana e rieducazione


Il tasso di sovraffollamento, il numero di suicidi, le criticità nell’assistenza sanitaria espongono le persone detenute e quelle che in carcere lavorano a una quotidianità che rischia di porre in discussione i diritti fondamentali della persona e compromettere la funzione di reinserimento sociale che la Costituzione indica come coessenziale all’esecuzione delle pene.  

Comunicati

25 Aprile, Costituzione, giurisdizione


Il fascismo fu anche giurisdizione.


Fu il Tribunale speciale per la difesa dello Stato istituito nel 1926 (e ricostituito nella Repubblica sociale italiana) che inflisse agli antifascisti decine di migliaia di anni di reclusione, confino, sorveglianza speciale di polizia.


Fu il “servile e osannante conformismo” (parole di Umberto Terracini, presidente dell’Assemblea Costituente) condiviso da una parte della magistratura e da buona parte delle “alte magistrature” immortalate nella cronaca dell’apertura dell’anno giudiziario del 1940 mentre acclamano il duce che riceve i capi degli uffici giudiziari a Palazzo Venezia.


La democrazia costituzionale esige che il quadro normativo che regola lo svolgimento della funzione giusrisdizionale non diventi lesione del ruolo costituzionale della giurisdizione; e che, nell’intera loro attività, i magistrati riescano a “essere la Costituzione” rifiutando il conformismo, non nelle sue ultime e drammatiche esternazioni ma sin dalle sue prime manifestazioni.