Comunicati

Comunicato Md su dichiarazioni premier

"Il solito attacco, sorprende silenzio su magistrati 'fuori ruolo' coinvolti in malaffare"

ROMA - Siamo di fronte al solito attacco unilaterale. Certe affermazioni tradiscono una visione della democrazia refrattaria all’indipendenza della funzione giudiziaria e insensibile alle procedure di legge tra cui il sindacato di costituzionalità delle norme. Immaginare l’intera giurisdizione nazionale e persino la Corte Costituzionale come orchestrate da un gruppo di pubblici ministeri, è semplicemente stravagante. E sorprendono gli strali contro magistrati che fanno il loro dovere, a fronte del silenzio verso magistrati “fuori ruolo” coinvolti in inchieste sul malaffare. 

Nel pieno rispetto della separazione dei poteri, Magistratura democratica ritiene sia un dovere istituzionale, per ogni magistrato, intervenire nelle sedi competenti per segnalare eventuali profili di non compatibilità delle leggi ordinarie con la Carta Costituzionale e con le Carte internazionali. E considera fisiologico per la democrazia e un servizio al cittadino, la partecipazione dei magistrati al dibattito pubblico su riforme che riguardano la giustizia.


Piergiorgio Morosini (segretario generale di Magistratura democratica)

01/07/2011

Articoli Correlati

Comunicati

Garanzia o interferenza?


La giornata delle cronache del mondo giudiziario si apre con la notizia di un ulteriore episodio di voto decisivo del Vice presidente del CSM, questa volta ago della bilancia nella nomina del Presidente della Corte d’Appello di Reggio Calabria.

Comunicati

Carcere e gravidanza


È di questi giorni la notizia di una giovane donna tunisina, tratta in arresto a novembre per possesso di stupefacente, sottoposta a custodia cautelare presso la Casa circondariale di Sollicciano, in stato di gravidanza e costretta dopo quattro mesi ad abortire per motivi di salute.

Giornata internazionale delle donne in magistratura, 10 Marzo 2024

MEDEL celebra la Giornata del 10 Marzo, sottolineando ancora una volta l'impegno delle donne per la giustizia e per lo Stato di diritto.


Ovunque, le donne hanno portato un cambiamento democratico all'interno dei sistemi giudiziari: una nuova idea di uguaglianza che ha favorito il progresso della cultura dei diritti; una nuova concezione dell'apertura e della rappresentatività - e una maggiore legittimità democratica - dei sistemi giudiziari in tutto il mondo.

Comunicati

Sulla designazione del Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura, guardando avanti


La designazione dei componenti del Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura da parte del CSM giunge con ritardo rispetto alle scadenze fissate dal calendario istituzionale ed è stata preceduta da forti rilievi critici sulla trasparenza della procedura seguita. Le preoccupazioni espresse in corso di procedura – che erano alla base delle critiche – non hanno trovato adeguate risposte nelle motivazioni della delibera poi approvata a maggioranza dal Plenum (soprattutto per quanto riguarda la delibera relativa ai componenti provenienti dalla magistratura, che è stata approvata a maggioranza, con sei voti contrari e due astensioni).

Comunicati

Libertà costituzionali e ordine pubblico


Ieri mattina, a Pisa, reparti della Polizia di Stato in assetto antisommossa hanno impedito a un corteo di studenti riunitosi in via San Frediano, davanti al liceo artistico Russoli, per una manifestazione di solidarietà nei confronti della popolazione palestinese, di accedere a piazza dei Cavalieri, adottando la cosiddetta “carica di alleggerimento” nel corso della quale diversi manifestanti sono stati colpiti con manganellate e  hanno subìto lesioni personali.