Md su sentenza Eternit

Comunicato

Md su sentenza Eternit

di Esecutivo di Magistratura Democratica

La vicenda Eternit lascia sgomenti non tanto per l'esito processuale, quanto per l’infinita lista dei morti di amianto e per la tragedia delle tante famiglie coinvolte.

Tre gradi di giudizio, celebrati con una velocità esemplare, considerando la complessità e il numero delle persone coinvolte come parti civili, non sono serviti per arrivare a una sentenza che dia risposte e risarcimenti adeguati alle tante vittime e ai loro familiari.

Anche oggi abbiamo avuto la conferma che il processo penale non è sempre lo strumento più adeguato per l'accertamento di condotte sicuramente gravissime, che, in questo caso hanno devastato e continuano a devastare intere comunità per dissennate politiche industriali.

I magistrati della Cassazione chiariranno i passaggi fondamentali del percorso logico che li ha portati alla decisione e che verrà esplicitata nella successiva motivazione. Così come è giusto attendere l’esito delle ulteriori indagini per accertare eventuali responsabilità penali.

Ma l’esigenza di giustizia dei lavoratori esposti all’amianto non riguarda soltanto i procedimenti penali. Spetta al giudice civile e al giudice previdenziale garantire l’applicazione delle regole di giudizio per risarcire le vittime e le loro famiglie.

Spetta alle autorità amministrative e di controllo evitare che le ragioni della produzione e dello sviluppo economico prevalgano sulla tutela della salute individuale e collettiva.

Spiace, infine, che la politica si accorga solo oggi e solo dopo il clamore destato dalla sentenza, dell’importanza della riforma in materia di prescrizione nonostante le ripetute sollecitazioni della magistratura associata in questi ultimi anni.


Il Comitato Esecutivo di Magistratura democratica


(20 novembre 2014)

20/11/2014

Articoli Correlati

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.

Nota della Presidente di Magistratura democratica

Gli effetti dell’allargamento dell’elenco dei “Paesi sicuri”


La Presidente di Magistratura democratica, Silvia Albano, ha diffuso una nota in cui si spiegano gli effetti pratici del decreto ministeriale 7 maggio 2024 con il quale è stato allargato l’elenco dei Paesi sicuri a ulteriori Paesi (indicati all’inizio del testo), includendo così i Paesi di origine da cui proviene la maggioranza dei migranti.

Comunicati

Il carcere: tra dignità umana e rieducazione


Il tasso di sovraffollamento, il numero di suicidi, le criticità nell’assistenza sanitaria espongono le persone detenute e quelle che in carcere lavorano a una quotidianità che rischia di porre in discussione i diritti fondamentali della persona e compromettere la funzione di reinserimento sociale che la Costituzione indica come coessenziale all’esecuzione delle pene.  

Comunicati

25 Aprile, Costituzione, giurisdizione


Il fascismo fu anche giurisdizione.


Fu il Tribunale speciale per la difesa dello Stato istituito nel 1926 (e ricostituito nella Repubblica sociale italiana) che inflisse agli antifascisti decine di migliaia di anni di reclusione, confino, sorveglianza speciale di polizia.


Fu il “servile e osannante conformismo” (parole di Umberto Terracini, presidente dell’Assemblea Costituente) condiviso da una parte della magistratura e da buona parte delle “alte magistrature” immortalate nella cronaca dell’apertura dell’anno giudiziario del 1940 mentre acclamano il duce che riceve i capi degli uffici giudiziari a Palazzo Venezia.


La democrazia costituzionale esige che il quadro normativo che regola lo svolgimento della funzione giusrisdizionale non diventi lesione del ruolo costituzionale della giurisdizione; e che, nell’intera loro attività, i magistrati riescano a “essere la Costituzione” rifiutando il conformismo, non nelle sue ultime e drammatiche esternazioni ma sin dalle sue prime manifestazioni.