Tutti gli ospiti e i relatori

Congresso 2013

Tutti gli ospiti e i relatori

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Attesi Severino, Vietti, Lupo, Ciani, Sabelli, Onida, Camusso, Orlando

GIOVEDI' 31 AL VIA IL CONGRESSO DI MD: TRA GLI OSPITI SEVERINO, VIETTI, SABELLI, ONIDA, CIANI, LUPO, ORLANDO, CAMUSSO, ANGELETTI 

ROMA, 28 Gennaio 2013 - Mancano tre giorni al XIX Congresso nazionale di Magistratura Democratica "La giustizia al tempo della crisi", che si terrà a Roma (Centro Frentani) dal 31 Gennaio al 3 Febbraio.

Quattordici documenti congressuali al centro dei lavori, con riflessioni su carcere; economia, diritti e lavoro; pm; magistratura e politica; Europa; formazione, autogoverno, immigrazione; e organizzazione degli uffici giudiziari. Non mancheranno diversi momenti di confronto con la società e la politica, grazie all'intervento di ospiti e relatori esterni.  

Nella prima giornata dei lavori - che sarà aperta alle 17.30 dalla relazione introduttiva del Comitato Esecutivo Nazionale - interverranno il Ministro della Giustizia Paola Severino, il Procuratore Generale della Corte di Cassazione Gianfranco Ciani, il Responsabile Giustizia del Partito Democratico Andrea Orlando, il Segretario Generale di Unicost Marcello Matera, il Segretario Generale della Uil Luigi Angeletti.

Due i temi principali al centro della seconda giornata: lavoro e carcere. Al dibattito generale che si terrà dalle 10.30 alle 13.30, parteciperanno il Vicepresidente del CSM Michele Vietti, il Segretario Generale della Cgil Susanna Camusso, il Presidente della Scuola Superiore della Magistratura Valerio Onida, il Presidente dell'Unione Camere Penali Avv. Valerio Spigarelli, il Presidente dell'Anm Rodolfo Sabelli . 

Il pomeriggio, dalle 15 alle 17, sarà dedicato a due tavole rotonde: "Economia, lavoro e diritti" e "Diritto penale, pena, carcere". Nella prima interverranno: Stefano Rodotà, giurista e accademico; Silvana Sciarra, Docente di Diritto del Lavoro - Università di Firenze; Pier Virginio Dastoli, Presidente Consiglio Italiano Movimento Europeo (CIME); NinoGalloni, economista; Roberto Rordorf, magistrato. Nella seconda prenderanno la parola: Luigi Pagano, Vicecapo Dipartimento Amministrazione Penitenziaria (DAP); Mauro Palma, Vicepresidente del Consiglio Europeo per la cooperazione nell'esecuzione penale; Mario Marazziti, Comunità Sant'Egidio; Franco Corleone, già Sottosegretario alla Giustizia e Garante dei diritti dei detenuti; Franco Maisto, magistrato; Patrizio Gonnella, Presidente Antigone. Nel dibattito successivo ha assicurato un suo intervento Luigi Ferrajoli, giurista e accademico.

All'ultima sessione pubblica dei lavori (sabato 2 febbraio) parteciperanno: Carlo Smuraglia, Presidente ANPI; Ernesto Lupo, primo presidente della Corte dei Cassazione; Laura Liberto, Cittadinanza Attiva; Nicola Di Grazia, Segretario Generale Movimento per la Giustizia Articolo 3; Leopoldo Grosso, vicepresidente Gruppo Abele: Danilo Chirico, presidente associazione Da Sud. 

I lavori proseguiranno nella giornata di Domenica 3 febbraio con l'elezione dei componenti del nuovo Consiglio Nazionale di Magistratura Democratica.          

Eventuali variazioni al programma saranno tempestivamente comunicate     

---------------

Si ricorda ai giornalisti che le richieste di accredito dovranno pervenire all'indirizzo congresso@magistraturademocratica.it 

La sede del congresso è: CENTRO CONGRESSI FRENTANI - VIA DEI FRENTANI, 4 ROMA

 

Contatti Ufficio Stampa

Pasquale Notargiacomo

+39.320.86.03.957

Mauro Grande

+39.329.25.07.631

stampa@magistraturademocratica.it

congresso@magistraturademocratica.it

 

 

28/01/2013

Articoli Correlati

Intervento al Consiglio nazionale di Md

L'affanno della giustizia

Una giustizia in affanno è quotidianamente impegnata, senza risorse adeguate, nel rendere il proprio servizio, molto spesso in uffici che vivono grandi disagi in termini di carenza di organico e di arretrato storico, anche in territori difficili. Una giustizia composta anche da magistrati giovani e in prima linea, che fanno quotidianamente fronte alle carenze ataviche del sistema giustizia. È nostra responsabilità rappresentare all’opinione pubblica questa realtà ed evidenziare un rischio: non ci sarà riforma del processo, penale e civile, valorizzazione dei meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie, o ufficio del processo che potrà produrre il risultato sperato, finché la situazione dei carichi di lavoro, del numero dei magistrati togati e del personale amministrativo non sarà modificata in modo tangibile e non sarà operata una seria razionalizzazione della geografia giudiziaria. Occorrono interventi di riforma ambiziosi e audaci, in grado di consegnare realmente a questo paese una giustizia efficiente, capace di conciliare tempi congrui con un’adeguata tutela dei diritti e delle persone. Cambiare sì, ma in questa direzione.

Politica e processi

I danni dell'«individualismo penale»

Riforma della giustizia, toghe 'star' e referendum: dal protagonismo di alcuni procuratori, che ne ha penalizzato il compromesso finale, alla proposta di riforma del processo penale, quale grande occasione persa. Ne parlano, in un'intervista, la nuova presidente e il nuovo segretario generale di Magistratura democratica.

Su improcedibilità, criteri di priorità e nuovo volto della pena

Processo penale: cambiare sì, ma come?

La norma sulla improcedibilità contenuta nella proposta di riforma 'Cartabia', oltre a stridere con l'articolo 112 della Costituzione, è potenzialmente irragionevole, perché 'colpisce' con un'unica e rigida sanzione processuale situazioni e processi molto diversi tra loro, trascurando la diversa gravità dei reati e la diversa complessità degli accertamenti da svolgere. L'improcedibilità così concepita, inoltre, diminuisce la qualità delle garanzie delle persone sottoposte a giudizio e rischia di sacrificare i diritti delle persone offese. Né risponde a pretese esigenze del diritto europeo, ove non si richiede che un processo finisca 'entro un certo termine', ma piuttosto che finisca 'utilmente', ossia con un accertamento del fatto.

La riforma cd. "Cartabia"

Dibattito sulla proposta di riforma della giustizia penale

A partire dalle ore 10:00 di sabato 24 luglio 2021, sull'applicativo Teams, si è tenuta la riunione del Consiglio nazionale di Magistratura democratica, convocato per discutere della proposta di riforma della giustizia penale cd. Cartabia.

mercoledì 9 giugno 2021, ore 17:00/19:00

La Palestina, i Palestinesi: giustizia, pace e libertà

A partire dalle ore 17:00 di mercoledì 9 giugno 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Palestina, tra giustiziapacelibertà.

venerdì 14 maggio 2021, ore 16:30/18:30

"Il nocchiere... in gran tempesta": il giudice e la giustizia del lavoro fra testo normativo e contesto culturale

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 14 maggio 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica e Questione Giustizia, dedicato ai temi del giudice e della giustizia del lavoro.

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.

Giornata dell'otto marzo

L’eguaglianza di genere: un test per la democrazia

La giornata dell’otto marzo ci richiama ad una riflessione non formale sui diritti e sulla democrazia.