Eletti nuovi vertici di Md

Consiglio nazionale

Eletti nuovi vertici di Md

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Guglielmi segretaria generale, De Vito presidente

Il Consiglio Nazionale di Magistratura democratica, oggi a Roma, ha eletto i nuovi vertici dell’associazione. Mariarosaria Guglielmi, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma, è la nuova segretaria generale. Il nuovo presidente è Riccardo De Vito, magistrato di sorveglianza a Nuoro.

Compongono il Comitato Esecutivo, oltre al segretario generale: Letizio Magliaro, giudice del Tribunale di Bologna, Daniela Galazzi, giudice del Tribunale di Palermo, Rocco Maruotti, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Rieti, Giulia Marzia Locati, giudice del lavoro del Tribunale di Milano e Gabriele Fiorentino, magistrato addetto all’Ufficio studi del Csm.

(3/12/2016)

03/12/2016

Articoli Correlati

Comunicati

Lettera aperta a Magistratura indipendente


Il comunicato di Magistratura Indipendente diffuso il 4 novembre 2022 segna, a nostro avviso, un punto molto importante nel dibattito associativo tra le diverse sensibilità della cultura giuridica, perché individua in modo chiaro le due diverse filosofie basilari che possono ispirare, e orientare, l’esercizio della giurisdizione.

Comunicati

Una pericolosa truffa delle etichette


Costituzione della Repubblica italiana - articolo 17


I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz'armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

 

Adesione di Magistratura democratica

Europe for Peace - Manifestazione nazionale 5 novembre


Magistratura democratica aderisce alla manifestazione nazionale per la pace indetta da Europe for peace per il 5 novembre 2022

Adesione di Magistratura democratica

Accordo con la Libia #Nonsonodaccordo


Magistratura democratica aderisce alla manifestazione del 26 ottobre indetta da oltre 40 organizzazioni della società civile per la revoca del Memorandum con la Libia.