Dialogare non è un <i>optional</i>, ma un dovere

Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
segretaria generale Md
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie

Nel confronto paziente e costante si realizza una comune assunzione di responsabilità verso la collettività rispetto alle carenze e alle disfunzioni della Giustizia, che purtroppo da tempo riscontriamo.

Il dialogo è, oggi, un percorso obbligato contro i rischi della deriva populista, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie.

È il metodo della democrazia, il riconoscimento della reciproca legittimazione ad essere interlocutori credibili sui temi della giurisdizione e non può essere relegato ad un “fatto” di sensibilità culturale o di maggiore apertura di alcuni settori della magistratura e dell’avvocatura.

Il dialogo ed il confronto sono ciò che strutturalmente richiede il nostro ruolo.

Ecco perché sorprende e preoccupa la decisione dell’avvocatura di reagire alle esternazioni del consigliere Davigo sul processo e sulle garanzie, espressamente definite “posizioni ideologiche”, non con argomenti e contenuti, ma invocando improponibili reazioni sul piano istituzionale e disciplinare.

Ci auguriamo che questa posizione da contrapposizione “strutturale” inaugurata dalla Camera Penale di Milano resti isolata nell’avvocatura.

Per quanto ci riguarda, difenderemo sempre il diritto di ognuno di esprimere liberamente il proprio pensiero, anche quando non lo condividiamo.

Ci auguriamo, però, che la magistratura sia consapevole di quanto la deriva neocorporativa e populista rischi di rafforzare questa linea di non-dialogo.

Prima ancora dell’avvocatura, dovrebbe essere infatti la magistratura ad evitare che nell’opinione pubblica si consolidi la visione di “alcuni” sulle garanzie, su processo penale e pena, sul ruolo stesso dell’intervento giudiziario come fosse il “vero punto di vista” o “il punto di vista di tutti”.

Il pluralismo culturale che rivendichiamo serve anche a questo: ad immettere nel dibattito pubblico una visione delle garanzie processuali e della difesa diversa da quella che tende a banalizzarne il valore e che rischia di delegittimarne la funzione; la consapevolezza dei limiti del nostro ruolo contro l’immagine del magistrato unico ed infallibile portatore della verità e del bene; l’attenzione ad un linguaggio corretto;  la capacità di autocritica rispetto alle pretese di autarchia, alle chiusure corporative e a tutti i rischi del populismo giudiziario.

L’arrendevolezza che da tempo caratterizza le posizioni della magistratura progressista rispetto a posizioni assunte e rappresentate nel dibattito pubblico e nel confronto con l’avvocatura in nome di tutta la magistratura da chi ha ruoli rappresentativi o istituzionali, e che avrebbero richiesto un’esplicita e netta correzione di rotta, non rappresenta solo un ostacolo sul percorso del dialogo.

A lungo andare, da strategia comunicativa o elettorale rischia di trasformarsi in vera subalternità culturale.

L’indulgenza verso chi sa ben comunicare non deve distrarci dai contenuti di ciò che si comunica.

 

31/01/2020

Articoli Correlati

Eventi

XXIII Congresso Nazionale - Magistrati e polis. Questione democratica, questione morale

MAGISTRATI E POLIS
QUESTIONE DEMOCRATICA, QUESTIONE MORALE
XXIII CONGRESSO NAZIONALE
Firenze, 9-11 luglio 2021
Palazzo dei Congressi, Piazza Adua 1

 

Processo Civile Telematico

Una proposta di metodo

Le recenti, gravi disfunzioni nei servizi informatici legati al PCT rendono evidente la necessità di un cambio di paradigma nella programmazione e verifica degli aggiornamenti di sistema, da perseguire mediante una gestione più partecipata dal basso e tramite un maggiore coinvolgimento degli Uffici da parte della DGSIA.

Libia

Il dramma sotto gli occhi

In occasione dell'imminente voto parlamentare sulla cooperazione con la Libia, riteniamo doveroso porre attenzione alle proposte che oggi verranno lanciate nei presidi delle associazioni non governative, riunite sotto lo slogan «Libia, una benda per non vedere?». Ce lo impongono le immagini dei militari libici che inseguono i migranti, sparando colpi di mitraglia ad altezza d'uomo, e le parole spese nelle sentenze dell'autorità giudiziaria italiana sugli orrori subiti dai trattenuti nei centri di detenzione libici.