Discrezionalità e regole: quale peso per gli indicatori attitudinali specifici?

Comunicati

Discrezionalità e regole: quale peso per gli indicatori attitudinali specifici?


Riflessioni a margine della nomina del Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma.


Nella seduta del 7 febbraio 2024, il Plenum del Consiglio Superiore della Magistratura ha approvato numerose delibere assunte con una maggioranza che tende a stabilizzarsi (la maggior parte dei componenti laici e i componenti eletti per Magistratura indipendente).


Nulla di patologico, quando il consolidarsi delle maggioranze avviene nel legittimo esercizio del potere discrezionale attribuito al Consiglio Superiore della Magistratura. Il potere discrezionale deve essere però esercitato nel rispetto delle regole vigenti.


Così non è avvenuto il 7 febbraio 2024, nel conferimento dell’incarico di Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma, ufficio caratterizzato da un elevato tasso di specializzazione e connotato da ulteriori specificità; è, infatti, l’unico Tribunale d’Italia che concede le misure alternative ai collaboratori di giustizia e, soprattutto, decide sui reclami contro l’applicazione del regime penitenziario differenziato previsto dall’art. 41-bis dell’ordinamento penitenziario.


È in ragione della specializzazione che l’art. 19 del Testo Unico sulla dirigenza giudiziaria ha dettato regole ulteriori per questo genere di uffici, individuando puntuali criteri di indirizzo per le scelte discrezionali del CSM, prevedendo che la nomina dei direttivi negli uffici di Sorveglianza avvenga valorizzando lo svolgimento di attività in quel tipo di uffici per almeno “…quattro anni negli ultimi quindici…”.


Ciò nonostante, per il conferimento dell’incarico di Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma, nel voto del 7 febbraio 2024 non è stata data prevalenza all’indicatore attitudinale specifico della professionalità ed esperienza acquisite nel relativo settore, ritenendo che l’esercizio della discrezionalità del Consiglio potesse fare prevalere gli indicatori professionali generici.


La vicenda solleva, ancora una volta, preoccupazione per un certo modo di esercitare la discrezionalità da parte del Consiglio Superiore della Magistratura e impone di mettere al centro della riflessione il tema delle regole.


Pur essendo evidente che in questo caso è stata disattesa la regola cardine per una nomina in funzioni direttive con specificità così accentuate, è parimenti necessario rilevare che nell’attuale assetto del Testo unico della dirigenza giudiziaria si sovrappongono una pluralità di indicatori eterogenei, che si prestano ad essere combinati in geometrie variabili, condizionabili a seconda dei casi e, purtroppo, delle appartenenze.


Le decisioni del CSM sono quindi esposte all’arbitrio delle maggioranze del momento (sempre meno contingenti); sono sempre meno comprensibili dal corpo della magistratura e, per ciò, sempre meno accettate, con pregiudizio per la credibilità del governo autonomo e con il rischio di rimettere di fatto la designazione dei dirigenti degli uffici giudiziari alla giustizia amministrativa.


Non è questa la strada affinché il CSM recuperi l’autorevolezza necessaria a restituire a tutta la magistratura la dignità e l’affidabilità perdute, dopo le note vicende investigate dalla Procura di Perugia.

 

L’Esecutivo di Magistratura democratica

12/02/2024

Articoli Correlati

Comunicati

25 Aprile, Costituzione, giurisdizione


Il fascismo fu anche giurisdizione.


Fu il Tribunale speciale per la difesa dello Stato istituito nel 1926 (e ricostituito nella Repubblica sociale italiana) che inflisse agli antifascisti decine di migliaia di anni di reclusione, confino, sorveglianza speciale di polizia.


Fu il “servile e osannante conformismo” (parole di Umberto Terracini, presidente dell’Assemblea Costituente) condiviso da una parte della magistratura e da buona parte delle “alte magistrature” immortalate nella cronaca dell’apertura dell’anno giudiziario del 1940 mentre acclamano il duce che riceve i capi degli uffici giudiziari a Palazzo Venezia.


La democrazia costituzionale esige che il quadro normativo che regola lo svolgimento della funzione giusrisdizionale non diventi lesione del ruolo costituzionale della giurisdizione; e che, nell’intera loro attività, i magistrati riescano a “essere la Costituzione” rifiutando il conformismo, non nelle sue ultime e drammatiche esternazioni ma sin dalle sue prime manifestazioni.

Comunicati

La riforma del Testo unico sulla dirigenza giudiziaria: un’opportunità da cogliere senza esitazioni


Magistratura democratica, ad esito di una elaborazione collettiva del gruppo, maturata nel tempo, offre alla riflessione delle istituzioni, della magistratura associata e di tutti i magistrati e i giuristi, una riflessione sull’attuazione del decreto legislativo n. 44 del 2024.


I compiti che il CSM dovrà svolgere per attuare la riforma della dirigenza giudiziaria consentono, se lo si vorrà, di dare strumenti per la trasparenza e la leggibilità delle scelte, che valorizzando la scelta di criteri generali piuttosto che di criteri sulla singola nomina, può consentire di combattere l’indispensabile battaglia contro il carrierismo e il clientelismo da troppo tempo rimandata.

Comunicati

Garanzia o interferenza?


La giornata delle cronache del mondo giudiziario si apre con la notizia di un ulteriore episodio di voto decisivo del Vice presidente del CSM, questa volta ago della bilancia nella nomina del Presidente della Corte d’Appello di Reggio Calabria.

Comunicati

Carcere e gravidanza


È di questi giorni la notizia di una giovane donna tunisina, tratta in arresto a novembre per possesso di stupefacente, sottoposta a custodia cautelare presso la Casa circondariale di Sollicciano, in stato di gravidanza e costretta dopo quattro mesi ad abortire per motivi di salute.

Giornata internazionale delle donne in magistratura, 10 Marzo 2024

MEDEL celebra la Giornata del 10 Marzo, sottolineando ancora una volta l'impegno delle donne per la giustizia e per lo Stato di diritto.


Ovunque, le donne hanno portato un cambiamento democratico all'interno dei sistemi giudiziari: una nuova idea di uguaglianza che ha favorito il progresso della cultura dei diritti; una nuova concezione dell'apertura e della rappresentatività - e una maggiore legittimità democratica - dei sistemi giudiziari in tutto il mondo.