Dove ci porteranno le accuse di parzialità rivolte alla magistratura?

Magistratura e antifascismo

Dove ci porteranno le accuse di parzialità rivolte alla magistratura?

di Mariarosaria Gugliemi
Segretaria generale di Magistratura democratica
Le accuse di parzialità rivolte ai magistrati minano alle basi la fiducia riposta dalla collettività nella Giustizia e spianano, così, la strada a riforme finalizzate a sottoporre la magistratura al controllo dell’esecutivo e degli autocrati di turno. È questa la direzione, molto pericolosa, che si intraprende quando si decide di fare terra bruciata intorno ad un'Istituzione della democrazia, accusandola di agire contro la democrazia.

È comparso ieri sul quotidiano “Il Giornale” un articolo che ha attaccato pesantemente il collega Eugenio Albamonte in quanto Pubblico Ministero che conduce le indagini sull’occupazione abusiva di un immobile da parte di CasaPound.

Nell’articolo si riportano dichiarazioni virgolettate di esponenti di CasaPound che lanciano esplicite accuse di “parzialità” al magistrato, di cui si chiede la sostituzione con altro PM, perché “simpatizzante dei partigiani”: le sue opinioni “politiche” lo avrebbero quindi indotto ad un uso strumentale delle proprie funzioni e ad attivare indagini per attaccare un “avversario politico”.

Oggi le dichiarazioni dell’Onorevole Gasparri, sullo stesso quotidiano, preannunciano una interrogazione parlamentare, rilanciando l’attacco: l’accusa al collega, tanto grave quanto generica, è di essere stato “negligente” nel trattare una denuncia presentata dall’Onorevole per i numerosi messaggi di insulti ricevuti sui social, e di avere questa volta omesso di fare quanto dovuto sempre per finalità politiche, non essendo l’Onorevole Gasparri un appartenente “all’associazione partigiani”.

All’Onorevole Gasparri e a chi accusa giudici e PM di essere parziali perché “antifascisti” dobbiamo ricordare che tutti i magistrati hanno giurato sulla nostra Costituzione, nata dalla resistenza e dalla sconfitta della dittatura fascista, e che la nostra Associazione, costretta a sciogliersi dal fascismo che perseguitò i suoi dirigenti, rinacque e si ricostituì dopo la fine della dittatura fascista.

All’Onorevole Gasparri e a chi accusa giudici e PM di essere parziali perché “antifascisti”, dobbiamo ricordare che la nostra democrazia è viva perché sono vivi nella coscienza collettiva, nella coscienza dei singoli e nelle Istituzioni, tutti i valori della nostra Costituzione democratica antifascista.

Ma lanciare accuse gravi di “parzialità”, pretendendo di ridurre ad un interesse di parte o personale persino la condivisione dei valori fondanti della nostra democrazia antifascista, mira non solo a screditare il lavoro dei PM e, inevitabilmente, dei giudici che decidono sulle loro richieste. L’obiettivo è delegittimare le funzioni che sono assegnate alla magistratura in ogni Stato di diritto. Sull’esempio di quello che è accaduto e sta accadendo in altri paesi europei, come la Polonia e la Bulgaria, i magistrati sono accusati di perseguire finalità politiche e di asservire a queste finalità le loro funzioni.

L’obiettivo è togliere legittimazione alle loro decisioni perché prive del requisito primo del giudicare rappresentato dall’imparzialità, e spianare la strada alle riforme finalizzate a sottoporre la magistratura al controllo dell’esecutivo e degli autocrati di turno.

È una direzione molto pericolosa quella che si intraprende quando si decide di far terra bruciata intorno ad un’istituzione della democrazia, accusandola di agire contro la democrazia.

È una via senza ritorno quella che oggi rischiamo di imboccare trasformando il necessario dibattito pubblico sui fatti emersi dalle indagini perugine, e la sacrosanta richiesta alla magistratura di rendere conto delle degenerazioni accertate, in un regolamento di conti che può travolgere l’equilibrio democratico del nostro paese.

Le accuse di parzialità che oggi riguardano i PM, domani travolgeranno i giudici, minando alle basi la fiducia della collettività nella Giustizia: accuseremo di essere “fascisti” i giudici che assolveranno persone indagate dai PM accusati di essere “antifascisti”? Dietro ogni decisione ci sarà un giudice o un PM condizionato dalle sue opinioni, incapace di svolgere le sue funzioni nel rispetto assoluto del proprio dovere di imparzialità?

E quando nessun giudice sarà più legittimato ad emettere sentenze in nome del Popolo Italiano, perché dietro le sue decisioni vedremo sempre un interesse personale o convincimento di parte; quando la Giustizia non si potrà più amministrare nei Tribunali perché non ci saranno più giudici e PM legittimati a farlo, chi deciderà sui diritti e sulla libertà delle persone?

Come per qualsiasi rogo acceso in piazza, sia essa fisica o mediatica, il rischio è che prima o poi nessuno sarà in grado di domarlo.

E che a bruciare, insieme ai Tribunali, sarà tutta la città.

07/06/2020

Articoli Correlati

Pubblico ministero e Costituzione

Il documento delle Procure e la necessità di un confronto

Il recente documento siglato tra alcuni Procuratori e l'UCPI costituisce un'occasione preziosa per riflettere sui cambiamenti culturali che hanno interessato la magistratura requirente e che ne hanno determinato il progressivo allontanamento dal suo progetto costituzionale di potere diffuso, in favore di un modello individualistico e verticistico, improntato alla logica della performance, della burocrazia e dei numeri.

Associazione Nazionale Magistrati

Unità associativa e rinnovamento

L’unità associativa non è un’insegna utile a celare pratiche consociative o ripiegamenti corporativi, ma un valore da perseguire attraverso la condivisione di un progetto di rinnovamento, che porti avanti una riflessione sulle ragioni più profonde della crisi della magistratura, aprendo una nuova fase per l’associazionismo giudiziario. In uno sforzo di riflessione collettiva, critica ed autocritica, che superi atteggiamenti di autoreferenzialità e preoccupazioni tattiche o di parte.

Il DDL di riforma “Bonafede”

Contrastare la deriva carrieristica con la normalizzazione burocratica?

Il recente DDL “Bonafede” non segna la svolta in funzione del cambiamento culturale richiesto: quello volto a disegnare una magistratura “senza carriera” e una dirigenza non intesa come corpo separato all'interno della magistratura, ma come esperienza diffusa e come funzione reversibile. La riforma delineata dal DDL “Bonafede”, al contrario, rischia di allontanare la magistratura dalla sua fisionomia costituzionale e, al contempo, di trasformare il CSM in un organo di amministrazione e di governo del personale: un primo passo, questo, verso una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario e, dunque, verso la perdita del suo assetto funzionale ad una giurisdizione indipendente.

Una recente decisione del Tribunale di Napoli

Giudici e immigrazione, diritto e non pregiudizio

Un quotidiano attacca la decisione che riconosce la protezione umanitaria per l'emergenza sanitaria nel paese d'origine e accusa il tribunale di Napoli di usare la pandemia come una scusa per "spalancare i porti ai migranti". E la stessa sorte tocca alla nota che commenta il provvedimento. I diritti, però, non possono piegarsi a logiche politiche o di propaganda.

Il progetto di Magistratura democratica

Verso il Congresso

Ritrovare le ragioni dell’unità associativa, ricostruendo un'identità collettiva e plurale; chiamare tutti i magistrati ad un’assunzione di responsabilità per la difesa dei valori della giurisdizione e dell’esperienza unica del nostro associazionismo, vero e proprio motore di democratizzazione della magistratura e baluardo della sua indipendenza; avviare un percorso di riflessione comune sui valori fondamentali dell’etica, della deontologia e della professionalità; condurre un'analisi severa dei cambiamenti culturali che sono alla base di una caduta della tensione ideale, denunciando i punti oscuri ove si annidano i germi delle degenerazioni. Sono questi i tasselli di cui si compone il progetto di Magistratura democratica, per trovare una via di uscita dalla crisi.