Nostra risposta a "Il Giornale"

Errani

Nostra risposta a "Il Giornale"

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Copione visto e inaccettabile"

ROMA (18 AGOSTO) - E' comparso ieri su Il Giornale un articolo(foto) che, con riferimento alla richiesta di rinvio a giudizio del governatore Vasco Errani sollecitata dalla procura bolognese, ha attaccato senza mezzi termini Bruno Giangiacomo, il gip assegnatario del fascicolo secondo i normali meccanismi automatici di individuazione del giudice competente.

L'attacco si concentra sul fatto che Giangiacomo è definito un leader di Md, dunque una"toga rossa", dunque ... uno che non potrà non assolvere Errani.

E' evidente il tentativo di screditare anticipatamente il lavoro del collega e di condizionarne la decisione. E' evidente il tentativo di delegittimare nello stesso tempo Magistratura democratica.

Come Presidente del gruppo non posso fare a meno di ricordare che si tratta di un copione già visto e inaccettabile.

L'Anm bolognese è già intervenuta e altri interventi di esponenti associativi e di singoli magistrati certamente seguiranno. Ma è ora che non siano solo i magistrati a farsi carico di quanto sta accadendo. Il progressivo imbarbarimento del linguaggio e delle idee fa male all'intera giustizia e ostacola il lavoro di tutti i soggetti che operano negli uffici giudiziari, in condizioni difficilissime, per dare risposte ai diritti e agli interessi che richiedono tutela.

Credo sia ora, ad esempio, che anche l'avvocatura prenda atto della gravità dei metodi che una parte dell'informazione utilizza, a Bologna come a Taranto, a Palermo come a Milano, nel tentativo di creare un clima di conflitto e di sospetto che non può essere tollerato.

Se coordinare un gruppo di studio sui temi di ordinamento giudiziario o sottoscrivere un appello in difesa della Costituzione sono condotte che consentono di denunciare preventivamente il giudice come non imparziale nel singolo processo, che nulla a che vedere con tutto questo, è l'intero sistema costituzionale che viene messo a rischio, sono le regole minime di pacifica convivenza che finiranno per soccombere.

Luigi Marini (presidente Magistratura Democratica)

17/08/2012

Articoli Correlati

Comunicati

Lettera aperta a Magistratura indipendente


Il comunicato di Magistratura Indipendente diffuso il 4 novembre 2022 segna, a nostro avviso, un punto molto importante nel dibattito associativo tra le diverse sensibilità della cultura giuridica, perché individua in modo chiaro le due diverse filosofie basilari che possono ispirare, e orientare, l’esercizio della giurisdizione.

Comunicati

Una pericolosa truffa delle etichette


Costituzione della Repubblica italiana - articolo 17


I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz'armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

 

Adesione di Magistratura democratica

Europe for Peace - Manifestazione nazionale 5 novembre


Magistratura democratica aderisce alla manifestazione nazionale per la pace indetta da Europe for peace per il 5 novembre 2022

Adesione di Magistratura democratica

Accordo con la Libia #Nonsonodaccordo


Magistratura democratica aderisce alla manifestazione del 26 ottobre indetta da oltre 40 organizzazioni della società civile per la revoca del Memorandum con la Libia.