Evasione fiscale, l'intervento del presidente

Evasione fiscale, l'intervento del presidente

"Fallimento delle politiche passate, condono per opportunisti"

ROMA - Anche il presidente di Magistratura Democratica, Luigi Marini, è intervenuto nel dibattito di questi giorni sulle misure vagliate dal governo per la manovra economica. Al centro dell'intervento, indirizzato agli organi di informazione e riportato di seguito, le politiche degli ultimi anni in materia di evasione fiscale e l'ipotesi di un nuovo condono:

LA LETTERA:

Egregio direttore,

Condivido le affermazioni di chi vede nella prevenzione lo strumento principe della lotta all’evasione, ma sono convinto che possa avere una funzione attiva solo a tre condizioni: che sia accompagnata da una cultura diffusa della partecipazione ai costi sociali, che sia seguita da una ragionevole repressione degli illeciti e che risulti inserita in un sistema equilibrato e razionale. Se guardiamo alle politiche pubbliche attuate e proclamate per lunghi periodi di tempo, si deve rilevare che i segnali dati al Paese vanno in direzione diversa. Sarebbe troppo lungo anche solo accennare alle scelte che per decenni hanno fatto della “doppia morale”, del sommerso e del “nero” il vero motore della nostra crescita e voglio fermarmi a pochi e chiari segnali degli ultimi dieci anni.

Nel 2001-2006 e, ancora, nel 2008-2010 la maggioranza di Governo ha adottato provvedimenti che vanno dall’abolizione dell’elenco fornitori delle imprese all’innalzamento della soglia di tracciabilità del contante, dalla depenalizzazione di fatto del falso in bilancio all’abrogazione dei decreti Prodi-Bersani del 2006 in tema di pagamento delle prestazioni professionali, fino allo “scudo” per i fondi illecitamente esportati, per non dire dei condoni fiscali, edilizi, ambientali. Non solo, dunque, provvedimenti tranquillizzanti per gli evasori attuali e potenziali, ma chiari messaggi culturali che rafforzano nei cittadini l’idea che evadere, e in genere violare le regole, è alla fine pagante e che per ogni violazione si trova sempre una buona giustificazione (commenti del tutto simili potremmo fare per il fenomeno della corruzione).

Se a questo aggiungiamo il fatto che la riforma del 2000 ha ridotto i casi di illecito fiscale, abbreviato i termine di prescrizione dei reati e, nel complesso, resa più difficile la loro repressione, possiamo concludere che la classe dirigente che ci governa ha imboccato per lungo tempo strade contrarie a qualsiasi indicazioni di sostegno ad una corretta ed equa politica fiscale. Analoga valutazione può darsi dei continui tentativi di depotenziare lo strumento delle intercettazioni telefoniche, di grande utilità agli accertamenti dei casi di frode, o di introdurre prescrizioni abbreviate e processi “lunghi”. In questo contesto non possiamo considerare sicuramente efficace l’inversione di tendenza contenuta nel decreto di agosto, e l’affacciarsi di ipotesi di un nuovo condono favorirà comportamenti opportunistici attuali e futuri.

Un sistema fiscale equo e basato su soluzioni che favoriscano la lealtà dei contribuenti ha bisogno di politiche pubbliche ben orientate e coerenti nel lungo periodo, di una classe dirigente che non consideri la spesa sociale un peso e la frode una furbizia, di messaggi culturali responsabili accompagnati da sanzioni proporzionate ed efficaci. Quanto sta accadendo mi chiama, invece, alla mente le parole che lo storico Manacorda dedicò alla crisi del sistema di potere e agli scandali di fine ottocento: “La catastrofe era completa, ed era catastrofe economica, politica e morale.” Ripartire dalla realtà del fallimento delle politiche fin qui tenute è la premessa per creare un sistema economico e fiscale che ponga il bene comune al fondo delle scelte politiche e con esso ritrovi la centralità della dignità di ogni persona, a partire da quelle meno fortunate.


 25 Agosto 2011                                                                                         Luigi Marini

                                                                                           Presidente di Magistratura democratica

25/08/2011

Articoli Correlati

Intervento al Consiglio nazionale di Md

Tracciare una strada

Relazione scritta dell’intervento tenuto da Fabrizio Filice al Consiglio nazionale di Md dell’11 dicembre 2021. 

Intervento al Consiglio nazionale di Md

Quale Magistratura democratica

Esiste una saldatura ineliminabile tra un autogoverno legittimato, efficace, virtuoso e trasparente, l’organizzazione degli uffici e la tutela dei diritti, la capacità della giurisdizione di fare giustizia.
Questa saldatura non può essere ignorata, o sottovalutata, anzi, va tenuta ben presente per scegliere quale magistratura vogliamo essere.
Oggi, in particolare, per scegliere quale Magistratura democratica vogliamo essere.

 

Intervento al Consiglio nazionale di Md

L'affanno della giustizia

Una giustizia in affanno è quotidianamente impegnata, senza risorse adeguate, nel rendere il proprio servizio, molto spesso in uffici che vivono grandi disagi in termini di carenza di organico e di arretrato storico, anche in territori difficili. Una giustizia composta anche da magistrati giovani e in prima linea, che fanno quotidianamente fronte alle carenze ataviche del sistema giustizia. È nostra responsabilità rappresentare all’opinione pubblica questa realtà ed evidenziare un rischio: non ci sarà riforma del processo, penale e civile, valorizzazione dei meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie, o ufficio del processo che potrà produrre il risultato sperato, finché la situazione dei carichi di lavoro, del numero dei magistrati togati e del personale amministrativo non sarà modificata in modo tangibile e non sarà operata una seria razionalizzazione della geografia giudiziaria. Occorrono interventi di riforma ambiziosi e audaci, in grado di consegnare realmente a questo paese una giustizia efficiente, capace di conciliare tempi congrui con un’adeguata tutela dei diritti e delle persone. Cambiare sì, ma in questa direzione.

Politica e processi

I danni dell'«individualismo penale»

Riforma della giustizia, toghe 'star' e referendum: dal protagonismo di alcuni procuratori, che ne ha penalizzato il compromesso finale, alla proposta di riforma del processo penale, quale grande occasione persa. Ne parlano, in un'intervista, la nuova presidente e il nuovo segretario generale di Magistratura democratica.

Su improcedibilità, criteri di priorità e nuovo volto della pena

Processo penale: cambiare sì, ma come?

La norma sulla improcedibilità contenuta nella proposta di riforma 'Cartabia', oltre a stridere con l'articolo 112 della Costituzione, è potenzialmente irragionevole, perché 'colpisce' con un'unica e rigida sanzione processuale situazioni e processi molto diversi tra loro, trascurando la diversa gravità dei reati e la diversa complessità degli accertamenti da svolgere. L'improcedibilità così concepita, inoltre, diminuisce la qualità delle garanzie delle persone sottoposte a giudizio e rischia di sacrificare i diritti delle persone offese. Né risponde a pretese esigenze del diritto europeo, ove non si richiede che un processo finisca 'entro un certo termine', ma piuttosto che finisca 'utilmente', ossia con un accertamento del fatto.

La riforma cd. "Cartabia"

Dibattito sulla proposta di riforma della giustizia penale

A partire dalle ore 10:00 di sabato 24 luglio 2021, sull'applicativo Teams, si è tenuta la riunione del Consiglio nazionale di Magistratura democratica, convocato per discutere della proposta di riforma della giustizia penale cd. Cartabia.

mercoledì 9 giugno 2021, ore 17:00/19:00

La Palestina, i Palestinesi: giustizia, pace e libertà

A partire dalle ore 17:00 di mercoledì 9 giugno 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Palestina, tra giustiziapacelibertà.

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.

Tecnologia e processo

Continuando a discutere: i prossimi incontri nazionali telematici

Un confronto nazionale condotto in videoconferenza e aperto a tutti. Per discutere su come le tecnologie possano influenzare la giurisdizione, la cultura del giudice, il suo modo di approcciare il lavoro e i paradigmi del processo penale e civile.