Prescrizione e attenzione a giudici civile

Giunta Anm

Prescrizione e attenzione a giudici civile

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Il comunicato dopo la riunione del 27 aprile
Riforma della prescrizione e attenzione "alle gravi condizioni di lavoro che vivono quotidianamente i giudici del settore civile". Sono queste le priorità indicate dalla Giunta dell'Associazione nazionale magistrati all'esito della riunione del 27 aprile, di cui pubblichiamo di seguito il comunicato finale.

"L’Associazione Nazionale Magistrati, in relazione al dibattito emerso negli ultimi giorni, nell’affermare il proprio ruolo collegiale di interlocutore istituzionale, ribadisce la necessità di intervenire sui temi della giustizia e rifiuta ogni tentativo di strumentalizzazione del proprio operato".

"Intende pertanto continuare a fornire contributi tecnici, mediante proposte concrete e di contenuto, ad ogni iniziativa legislativa che possa migliorare l’esercizio della giurisdizione, la tutela dei diritti, le condizioni di lavoro dei magistrati e, con esse, il servizio ai cittadini, compito esclusivo della magistratura.

L’ANM vigilerà in maniera rigorosa e determinata a tutela dell’autonomia e dell’indipendenza della magistratura, nello spirito di dialogo e collaborazione con le Istituzioni. Per questo, valuta positivamente le ultime dichiarazioni del Ministro della Giustizia aperte al confronto ed è pronta a discutere ogni proposta finalizzata a rendere più efficiente la giustizia.

A tal proposito, la Giunta Esecutiva Centrale evidenzia l’urgenza di riforme strutturali del settore civile e di quello penale e tra esse ritiene prioritari interventi organici finalizzati a combattere efficacemente la corruzione, che sempre più investe settori della Pubblica Amministrazione; ciò anche attraverso un’indifferibile e complessiva riforma dell’istituto della prescrizione, la quale non si esaurisca nell’adozione di norme che si limitino ad innalzare i termini per i diversi gradi di giudizio, misura che non impedirebbe comunque la vanificazione dell’azione giudiziaria.

La Giunta intende porre l’attenzione anche sulle gravi condizioni di lavoro che vivono quotidianamente i giudici del settore civile, costretti a gestire un contenzioso numericamente insostenibile, tra le difficoltà derivanti dall’insufficienza delle risorse materiali e del personale e dalle disfunzioni connesse all’introduzione del processo civile telematico".


(27 aprile 2016)
28/04/2016

Articoli Correlati

Ordinamento

Comitato direttivo centrale dell’ANM

L'intervento del segretario Morosini

Proposte di modifica normativa statuto ANM

Verso Assemblea generale 1 ottobre

Ordinamento

Retribuzioni e Anm, serve riflessione collettiva

Marini: "Sciopero danneggerebbe immagine magistrati"

Eventi

Assemblea Generale dell'Anm

Sii discutono modifiche statuto

Comunicati

Scandaloso paragonare casi Narducci-Miller

"Non si capisce iniziativa su collega Napoli"

Comunicati

Vicenda Giglio, il commento di Morosini

"Eguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge"

Reggio Calabria, l'intervento dell'Anm

"Fatti gravi e sconcertanti"

Governo

L'Anm incontra Paola Severino

"Servono interventi per giustizia"

Verso elezioni

Assemblea Area Lazio

I candidati e il programma