Ordin. Sala Consilina

Il caso

Ordin. Sala Consilina

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Esempio stato di crisi sistema giudiziario

ROMA - Il Tribunale di Sala Consilina nei giorni scorsi ha sollevato questione di legittimità costituzionale della legge  n.148/11, con la quale è stata prevista la soppressione di alcuni Tribunali minori. Al di là del merito della questione di costituzionalità, tutto incentrato sulla pertinenza del tema introdotto dal Parlamento in sede di conversione di un decreto-legge in materia di riduzione di spesa, appare particolarmente interessante il fatto che il procedimento nel quale è stata sollevata la questione rappresenti un esempio "solare" dello stato di crisi del sistema giudiziario e, in qualche modo, dimostri la bontà dell'intervento legislativo oggetto di censura:

a) per due anni il processo non inizia perchè assegnato ad un G.O.T. (Giudice onorario), che si limita a rinviare il processo in attesa del giudice titolare
b) i rinvii sono sempre superiori ai sei mesi;
c) le udienze sono talmente cariche da imporre una trattazione frammentata del processo.

Chi continua a parlare, con riferimento al nuovo codice, di oralità e immediatezza dovrebbe confrontarsi con questa dura realtà.
Sicuramente una migliore distribuzione delle risorse sul territorio, ragione per la la quale la ANM ha sempre chiesto una riduzione del numero dei Tribunali, potrebbe aiutare a migliorare le cose. Sarebbe poi interessante sapere quanti giudici del Tribunale di Sala Consilina abitano lì e quanti, invece, viaggiano da Salerno.
Il pendolarismo dei giudici, infatti, non è certo un fattore che aiuta l'efficienza.

Dovrà, però, arrivare un momento in cui i magistrati, soprattutto i dirigenti, comincino a pensare che questo modo di lavorare, sia nel penale che nel civile, non è l'unico possibile. E che una  riflessione sui moduli organizzativi, sui criteri di priorità, sulla distribuzione degli affari tra le udienze, sulla concentrazione dei processi in poche udienze potrebbe favorire un rilevante miglioramento dell'efficienza del servizio, sia in termini di durata che di riduzione dei costi, che infine di rispetto delle persone coinvolte (per esempio citando i testi all'udienza in cui verranno effettivamente sentiti e fissando un orario).
Fino a quando, invece, i magistrati, e, lo ripeto, soprattutto i dirigenti, continueranno a disinteressarsi al tema della organizzazione, forti del fatto che l'alibi dei numeri consente di coprire qualsiasi inefficienza, difficilmente le cose miglioreranno.

Su questo terreno, la riforma ordinamentale sulla temporaneità dei dirigenti e sul controllo dopo il primo quadriennio, rappresenta, a nostro avviso, una occasione straordinaria che il CSM non sembra aver colto del tutto. Ci pare, infatti, che siano stati molto pochi i casi di  non conferma di direttivi e semidirettivi e pochissimi  quelli dovute a carenze sul piano organizzativo. Proviamo dunque ad avanzare una proposta.
Il CSM prenda tutti i casi in cui un magistrato è finito sotto procedimento disciplinare per ritardi e vada a verificare le condizioni organizzative di quegli uffici, cercando di capire cosa hanno fatto i dirigenti e se per caso non hanno una qualche corresponsabilità nei ritardi del giudice. E poi utilizzino queste acquisizioni in sede di valutazioni sulla conferma.

E' vero che molti direttivi e semidirettivi sono impegnati sia nel servizio che nella organizzazione. Ma è vero anche che una parte dei dirigenti continua a concepire la funzione come "meritato riposo" al termine di una onorata carriera, lavora poco e, soprattutto, non sa assolutamente nulla di organizzazione.
Lo scopo della legge era di dare al CSM uno strumento per "stanarli" e mandarli a casa. Sarebbe buona cosa che il CSM provasse a utilizzarlo.

Il Comitato esecutivo di Magistratura democratica

5 marzo 2013

05/03/2013

Articoli Correlati

Processo Civile Telematico

Una proposta di metodo

Le recenti, gravi disfunzioni nei servizi informatici legati al PCT rendono evidente la necessità di un cambio di paradigma nella programmazione e verifica degli aggiornamenti di sistema, da perseguire mediante una gestione più partecipata dal basso e tramite un maggiore coinvolgimento degli Uffici da parte della DGSIA.

Libia

Il dramma sotto gli occhi

In occasione dell'imminente voto parlamentare sulla cooperazione con la Libia, riteniamo doveroso porre attenzione alle proposte che oggi verranno lanciate nei presidi delle associazioni non governative, riunite sotto lo slogan «Libia, una benda per non vedere?». Ce lo impongono le immagini dei militari libici che inseguono i migranti, sparando colpi di mitraglia ad altezza d'uomo, e le parole spese nelle sentenze dell'autorità giudiziaria italiana sugli orrori subiti dai trattenuti nei centri di detenzione libici.

I fatti di Santa Maria Capua Vetere

L’ennesimo tradimento della democrazia

Le immagini dei pestaggi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere ci richiamano alla necessità di porre al centro della riflessione i temi della tortura, della violenza di polizia e dell’uso eccessivo della forza da parte chi detiene il monopolio della violenza. Nella convinzione che, in questo campo, la prevenzione degli abusi passi anche attraverso una ri-costruzione culturale, politica e simbolica del concetto di "ordine pubblico", oltre che per un serio ripensamento dei modelli organizzativi delle agenzie di polizia. 

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.