Il presidente "inaugura" il sito

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Coniugare storia Md con attualità"

ROMA -  Il bisogno di essere presenti e di "coniugare" la propria storia con l'attualità e con le esigenze di una magistratura moderna. Così Luigi Marini, presidente di Magistratura Democratica, spiega la nascita del nuovo sito della nostra associazione. Ci proponiamo, dice Marini, di "utilizzare le nuove tecnologie per veicolare i nostri contenuti e per rinnovare anche il nostro rapporto con gli utenti e gli interlocutori esterni".

Uno strumento multilivello, che consentirà, inoltre, secondo il presidente di Md, "un rapporto diretto con tutte le articolazioni del gruppo". L'obiettivo, continua Marini, è quello di "un dialogo vero con l'esterno, vogliamo costruire uno spazio dove le persone interessate ai nostri temi possano trovare delle risposte". Questa scelta, d'altronde si inserisce nella tradizione di un gruppo che per primo si è aperto alla società civile.

"Pensiamo", conclude Marini,  "che il nuovo sito possa rispondere al quelle stesse esigenze di apertura e di dialogo", e che sia utile per mettere a disposizione di tante persone un "patrimonio di conoscenze e un pensiero che si è sempre saputo rinnovare".

12/07/2011

Articoli Correlati

Riforme e autogoverno

CSM: una legge elettorale in funzione del suo ruolo costituzionale

Garantire rappresentatività alle diverse idee e visioni che si hanno della giurisdizione, abbandonando le logiche personalistiche; restituire il potere di scelta al magistrato elettore; allargare la partecipazione, smarcandola dall’ipoteca delle correnti; dare cittadinanza alle diverse professionalità, introducendo meccanismi di riequilibrio che assicurino una risposta alla questione, non più eludibile, della corretta rappresentanza di genere. Sono queste le proposte di Magistratura democratica per la riforma del sistema elettorale del CSM, elaborate all’esito di un percorso di riflessione collettiva avviato con il seminario del 3 giugno e proseguito nel Consiglio nazionale dell’11 giugno.

Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo suo bel ritratto di Walter.

Ricordando Walter

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia

L'articolo del Presidente di Medel Filipe Marques

Parliamo di Europa!

Il presidente Marques presenta il ciclo di conferenze di Medel del mese di marzo, la prima a Roma

Dichiarazione dell’Esecutivo nazionale

Né Rosso né bigio ma giusto

È gravissimo che su quotidiani on line, incredibilmente ripresi da testate nazionali, sia stato pubblicato (con nomi cognomi e qualifiche professionali) un elenco di oltre 6.000 magistrati che prestano servizio presso gli uffici giudiziari italiani i quali sarebbero, incredibilmente, tutti iscritti a Magistratura Democratica

Per Pasquale Sibilia

Formidabili quegli anni

Un ricordo di Pasquale Sibilia da parte di un suo uditore

L’intervento

La magistratura torni all’impegno comune sui diritti e sulle garanzie

Corriere della Sera, 31 luglio 2018

Il ricordo

Per Federico Vignale

Scomparso il 2 dicembre, Federico è stato un magistrato democratico che ha ispirato la sua vita professionale ai valori costituzionali