Giudici di pace contro la mafia

L'iniziativa

Giudici di pace contro la mafia

di Esecutivo di Magistratura Democratica
A Roma l'incontro alle 15 al Tribunale penale

ROMA - Unità Democratica Giudici di pace (UDGDP) ha indetto e confermato la giornata di agitazione e protesta di tutti i giudici di pace che vorranno aderirvi su tutto il territorio nazionale il 23 maggio 2013 con assemblee e manifestazioni contro la mafia, la delinquenza organizzata, la violenza e la corruzione.

A Roma alle  15,00 Incontro all’Aula “Occorsio” Tribunale Penale, piazzale Clodio, con la partecipazione dei rappresentanti della Procura della Repubblica e del Tribunale di Roma, giornalisti, avvocati, giudici di pace, ecc.

Unità Democratica Giudici di Pace si appella a tutte le alte cariche dello Stato, recentemente rinnovate, perchè possano intervenire in difesa dei Giudici di pace ed al Parlamento perchè riformi urgentemente lo stato giuridico ed economico della categoria con una legge che ridia dignità e tutela a coloro che esercitano una funzione giurisdizionale, non sufficientemente riconosciuta, e, soprattutto, con il rispetto dell’indipendenza e dell’autonomia costituzionalmente garantite.


La Presidenza di Unità Democratica Giudici di Pace

(22 maggio 2013)

22/05/2013

Articoli Correlati

Primo Seminario

“La riforma della giustizia civile”

PRIMO SEMINARIO, 7 marzo 2024 ore 15:30

Il processo di cognizione di primo grado.

Eventi

Un primo bilancio sulla legge 24 novembre 2023 n. 168, in materia di contrasto della violenza sulle donne. Una tutela più efficace per le vittime di violenza o un nuovo irrigidimento simbolico dell’attività di pubblico ministero e giudice?


L’entrata in vigore, il 9/12/2023, della legge 168/2023 che, dopo il “Codice rosso” del 2019, mette nuovamente mano alla normativa penalistica di contrasto alla violenza di genere e alla violenza domestica, ha posto diversi problemi interpretativi e pratici.

Eventi

Consiglio Nazionale Md


Per sabato 3 febbraio 2024, dalle ore 10 alle ore 17.30, presso la Fondazione Basso in Roma (via della Dogana Vecchia n. 5) e con possibilità di collegamento da remoto, è convocato il consiglio nazionale di Magistratura Democratica, in cui si affronterà il tema: I criteri di selezione dei direttivi e dei semidirettivi da parte del CSM tra discrezionalità e trasparenza delle decisioni: un percorso in cerca di una definizione.

Assemblea nazionale Anm del 26 novembre 2023

Non si può spaccare la magistratura richiamando a sproposito il concetto di imparzialità


Buongiorno a tutti, mi piace esordire in questa assemblea raccogliendo l’invito che in apertura ha fatto il Presidente dell’Anm, Giuseppe Santalucia, quando ha focalizzato l’attenzione sul fatto che gli interventi del Governo in tema di giustizia ma anche alcune esternazioni di esponenti di spicco della maggioranza pongono il tema di una ridefinizione dei confini dei rapporti tra organi della rappresentanza politica e la giurisdizione.

Assemblea nazionale Anm del 26 novembre 2023

Sono un magistrato che viene da una regione remota, il Piemonte


E sono qui, oggi, perché ho due preoccupazioni.