2'MD

La condanna di Lucano: rispetto della sentenza e interrogativi

Stefano Musolino, segretario di Magistratura democratica, sugli interrogativi suscitati dalla condanna di Mimmo Lucano: rispetto per la sentenza ma senza chiusure alle reazioni che ha suscitato nell’opinione pubblica, per evitare la percezione di una magistratura chiusa e del tutto autoreferenziale.

Non possiamo valutare la sentenza che ha condannato Mimmo Lucano e le altre persone impegnate nella gestione dell’accoglienza dei migranti, senza prima conoscerne le motivazioni. Il rispetto della sentenza è questo. Possiamo interrogarci, però, sul perché una sentenza abbia suscitato tanto clamore nell’opinione pubblica. Sembra, quasi, che sia stata percepita come una condanna inflitta non soltanto agli imputati coinvolti, ma all’intero sistema di accoglienza organizzato a Riace. Non comprendere le ragioni delle reazioni contrarie alla sentenza, accresce nell’opinione pubblica la percezione di una magistratura chiusa. Autopercepita come casta sacerdotale che tutela i suoi riti e le sue pronunce e che non si interroga sugli inevitabili effetti sociali dei suoi provvedimenti e, perciò, non ne tollera la critica.

19/11/2021

Articoli Correlati

2'MD

Violenza sulle donne: il dominio e il linguaggio

Elisabetta Tarquini parla di violenza sulle donne: non solo un problema criminale ma un problema sociale. E - anche - una questione di linguaggio.

2'MD

Politiche per le vittime: il processo Bataclan

Marco Bouchard, presidente di Rete Dafne Italia, parla del processo Bataclan, che si sta celebrando in Francia, come esempio di iniziative organizzative e di gestione delle udienze in una prospettiva di tutela delle vittime.

2'MD

La sicurezza che domina la paura. La sicurezza fondata sulla paura

Tomaso Montanari parla a 2'MD dell'immagine della sicurezza: dalla visione classica di dominio della paura attraverso le virtù civiche all'inganno della "sicurezza" fondata sulla paura.  

2'MD

Le 'egolibertà' e (invece) la Costituzione

Le ‘egolibertà’ indeboliscono i principi fondamentali della nostra Costituzione: un ‘virus culturale’ che distorce la narrazione sui flussi migratori, anestetizzando la sensibilità sociale. Magistratura democratica è composta da magistrati che si propongono di interpretare il principio di indipendenza ed autonomia della magistratura come strumento a garanzia della tutela dei diritti fondamentali.

2'MD

Un consumo consapevole, contro il caporalato

Magistratura democratica vuole continuare a intervenire nel dibattito pubblico a tutela dei diritti e per una giurisdizione costituzionalmente orientata, con una nuova iniziativa editoriale: "2’MD" (che si può leggere anche “due minuti di”). 

Un modo concreto per dare voce alle idee e favorire la discussione, attraverso dei brevi video di due minuti ciascuno o poco più: una comunicazione chiara, sintetica ma non semplificatoria.