Il segretario si autosospende

La decisione

Il segretario si autosospende

di Esecutivo di Magistratura Democratica
La lettera di Piergiorgio Morosini

Piergiorgio Morosini, segretario generale del gruppo, ci ha comunicato ieri formalmente che in questo momento non è in grado di far fronte agli impegni che tale incarico comporta. L'assegnazione, quale gup, del c.d. "processo trattativa" (Bagarella + 11) richiede un lavoro assorbente per l'eccezionale difficoltà e complessità che presenta,  a fronte del brevissimo tempo a disposizione. L'esecutivo del gruppo ha preso atto della decisione e, a termini di statuto, ho già convocato il consiglio nazionale. Comprendiamo di trovarci in presenza di una situazione "extra ordinem", che richiede a Piergiorgio di dare priorità all'impegno istituzionale e di concentrarsi sul lavoro di un ufficio complesso e oggi in prima linea. Siamo sicuri che il gruppo ha le risorse per affrontare una situazione del tutto inattesa e che Piergiorgio saprà gestire al meglio anche questa vicenda professionale.

Luigi Marini


LA LETTERA

Caro Presidente,

come avevo anticipato a te e all'esecutivo, con provvedimento del 25 luglio 2012 sono stato designato giudice della udienza preliminare del processo Bagarella Leoluca + 11 (cosiddetto "Trattativa tra Stato e mafia").

Ho cominciato, da subito, ad esaminare il relativo fascicolo e, in data 31 luglio, ho provveduto a fissare l'udienza preliminare per il giorno 29 ottobre 2012.

Ebbene, dopo oltre un mese di lavoro e di lettura delle carte processuali, posso affermare, senza timore di smentita, che si tratta di un procedimento professionalmente assai impegnativo per l'entità dell'incartamento (oltre 100 faldoni), la tipologia delle imputazioni, la natura eterogenea delle fonti di prova, le questioni di fatto e di diritto che potenzialmente possono essere sollevate dalla parti.

Si tratta di un processo "extra ordinem", peraltro oggetto di straordinaria attenzione pubblica, che, per essere doverosamente affrontato con scrupolo e definito in tempi ragionevoli, richiede grande dedizione e concentrazione sin da queste prime battute preparatorie.

Peraltro, a differenza dei magistrati impegnati nella indagini, che hanno avuto modo di seguire "passo dopo passo" la formazione del fascicolo dell'udienza preliminare, il giudice viene a conoscenza degli atti solo dopo la richiesta di rinvio a giudizio.

Per questi motivi, chiedo a te e ai componenti dell'Esecutivo di Magistratura democratica di valutare con una attenzione particolare questa situazione vista la mia posizione di Segretario Generale.

In altri termini, già il carico di lavoro di un giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Palermo comporta per il sottoscritto grandi difficoltà a portare avanti l'incarico di Segretario Generale per un periodo superiore ai due anni, motivo per il quale già vi avevo espresso serie perplessità sulla possibilità di ricandidarmi a quella carica associativa; ma su tale situazione ora incombe un ulteriore gravoso compito istituzionale che renderebbe assai complicato uno svolgimento efficace ed effettivo del ruolo di rappresentante del gruppo.

Proprio con riferimento a tale ultimo aspetto, permettimi di ricordare, Presidente, che, nei prossimi mesi, abbiamo scadenze importanti e appuntamenti di notevole importanza per la nostra associazione. Ne ricordo alcuni di particolare urgenza: le prime assemblee di Area, le iniziative pubbliche su "processo e garanzie", sui rapporti tra "magistratura e politica" e sulla evoluzione delle relazioni industriali, la preparazione del congresso già fissato per la fine di gennaio e gli inizi di febbraio.

Come è noto a tutti, il ruolo di Segretario Generale, al di là delle specifiche scadenze statutarie, si svolge anche attraverso continue trasferte "fuori sede", lunghe riunioni e una particolare duttilità quotidiana per la preparazione di documenti e interventi pubblici.

In altri termini, uno scrupoloso espletamento dell'impegno istituzionale, che naturalmente ha la priorità su ogni altro impegno di natura extra-giurisdizionale, mi sembra difficilmente compatibile con un efficace svolgimento dei compiti di rappresentanza del gruppo associativo a cui aderiamo.

Pertanto ritengo indispensabile nell'interesse del gruppo che io mi autosospenda con decorrenza immediata dalle funzioni di Segretario generale sino al termine del processo che mi è stato assegnato.

Sono convinto che Tu e l'esecutivo comprendiate e condividiate le ragioni della mia decisione e che, con il contributo di tutti, potrà superarsi questa straordinaria contingenza.

Palermo, 14 settembre 2012

Piergiorgio

15/09/2012

Articoli Correlati

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.

Giornata dell'otto marzo

L’eguaglianza di genere: un test per la democrazia

La giornata dell’otto marzo ci richiama ad una riflessione non formale sui diritti e sulla democrazia.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.

Il "caso Calabria"

Il Pubblico Ministero, il giudice e la comunicazione

Crediamo nel ruolo del Pubblico Ministero che, quale primo tutore delle garanzie e dei diritti costituzionali, agisce nella consapevolezza della necessaria relatività delle ricostruzioni accusatorie e della necessità di verificarle nel contraddittorio, e non in quello di parte interessata soltanto al conseguimento del risultato, lontano dalla cultura della giurisdizione e dall’attenzione all’accertamento conseguito nel processo. E crediamo nell’impegno dei magistrati che, anche nei contesti territoriali più difficili, continuano a svolgere con questa consapevolezza le loro funzioni, incarnando una giurisdizione terza e imparziale, vera precondizione per un esercizio corretto del difficile compito di giudicare.