La dirigenza degli uffici giudiziari

La dirigenza degli uffici giudiziari

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Analisi e proposte

dalla presentazione di Lucia Vignale, segretaria di Md Genova:

"Invio, in allegato, un documento contenente analisi e proposte sulla questione della Dirigenza che la Sezione Ligure di Magistratura Democratica (di cui sono Segretaria) ha elaborato in questi giorni.

  Sono molto orgogliosa di questo documento perché penso che si dovrebbe smettere di  parlare di persone, candidature, organismi rappresentativi e ricominciare finalmente a parlare di idee. Noi abbiamo cercato di farlo discutendo democraticamente,  tutti insieme, di un tema che ci appassiona e riteniamo di importanza fondamentale.

  Abbiamo voluto che il documento fosse pubblicato sulle mailing-list nazionali e sottoposto all’attenzione della dirigenza e del prossimo Consiglio Nazionale di MD perché ci sembra che elaborare contenuti sia la miglior risposta agli interrogativi che in questi giorni ci agitano.

  Abbiamo ritenuto di elaborare il documento come Sezione di MD perché (dopo le vicende che hanno scosso la corrente)  molti di noi ritenevano urgente fare qualcosa, e perché (a torto o a ragione)  ci sembrava più facile  trovare sintonia tra gli iscritti e tra coloro che, pur non iscritti, prendono parte alle iniziative della sezione e ne frequentano le assemblee (da qualche tempo molto partecipate e da sempre aperte a chiunque voglia intervenire).

  Il documento è stato discusso in assemblea e rielaborato sulla base di un’ampia consultazione telematica. Sono concretamente intervenute per proporre idee ed emendamenti più di una ventina di persone. Hanno detto la loro non solo gli iscritti, ma anche i “simpatizzanti”, e costoro non erano spaventati dal fatto che si trattasse di una discussione promossa da MD perché erano interessati al tema.

  Non so se sia una peculiarità dell’esperienza ligure, ma questo mi suggerisce che  per coinvolgere le persone non è importante cambiare nome, ma è necessario essere credibili e fare, di nuovo, quello che fu fatto da coloro che fondarono MD e i Movimenti: elaborare un pensiero politico e condividerlo o discuterlo con tutti coloro che sono interessati.

  Quello che leggerete è il risultato del nostro lavoro.

  Per quanto di mia competenza, spero che l'esecutivo di MD e il prossimo Consiglio Nazionale, vogliano tener conto di ciò che abbiamo scritto perché (come qualcuno di recente  ha sottolineato) il compito dei Segretari di Sezione non è comunicare alla base ciò che si dibatte al vertice, ma trasmettere al vertice i pensieri, le esigenze e le preoccupazioni della base.

  In tempi in cui si lamenta “mancanza d’aria”, noi speriamo che questa sia una piccola boccata di ossigeno".

29/05/2012

Articoli Correlati

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.

Giornata dell'otto marzo

L’eguaglianza di genere: un test per la democrazia

La giornata dell’otto marzo ci richiama ad una riflessione non formale sui diritti e sulla democrazia.

26 marzo 2021, ore 16:30/19:00

In mezzo al fango e alla neve: la rotta balcanica fuori e dentro i tribunali

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 26 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Rotta balcanica.

12 marzo 2021, ore 16:00/18:00

Trattamento rieducativo e giustizia riparativa: per una nuova penalità

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 12 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato dalla Sezione di Firenze di Magistratura democratica, dedicato ai temi del Trattamento rieducativo e della giustizia riparativa.

Diritto e genere

Dal pregiudizio all’orgoglio

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 19 febbraio 2021, su piattaforma Teams, si è tenuto il seminario organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai rapporti tra genere e diritto.

Anniversari

Buon compleanno, Antigone!

Gli auguri di Magistratura democratica all'associazione Antigone, in occasione del suo trentesimo anniversario.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.

Presentazione del libro di Livio Pepino e Nello Rossi

Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Le Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria di Magistratura democratica organizzano, per il 30 gennaio 2021, un incontro di presentazione via Teams del libro di Livio Pepino e Nello Rossi e, nel solco di una tradizione di apertura alla società, sono liete di invitare quanti siano interessati a partecipare all'evento.

Le valutazioni di professionalità dei magistrati

Il sismografo

Il “sismografo” della professionalità non funziona: appiattisce i meriti, resi uniformi dal linguaggio burocratico, e non registra quasi mai le cadute di professionalità. Per rendere effettiva la responsabilità professionale dei magistrati è necessario indicare rimedi credibili, iniziando a “controllare i controllori” e introducendo la facoltà per i cd. componenti laici dei consigli giudiziari (avvocati e professori universitari) di partecipare alle discussioni e deliberazioni relative alle valutazioni di professionalità dei magistrati.