La gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale

Iniziativa della dirigenza nazionale di Magistratura democratica

La gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale


Le problematiche, giuridiche e operative, della gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale, sia nella fase cautelare che in quella processuale - problematiche efficacemente riassunte e argomentate nella recente sentenza della Corte costituzionale n. 22 del 27 gennaio 2022 - sono ampiamente note a tutti gli operatori del diritto. 


La mancanza, segnalata dalla Corte, di una disciplina normativa organica in materia di previsione, gestione e vigilanza sulle Residenze per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza, l’esiguità dei posti disponibili sul territorio nazionale e il carattere profondamente disomogeneo, tra diverse realtà regionali, dei Servizi per la salute mentale, mettono il giurista davanti a enormi difficoltà nella gestione dei cautelati o condannati con diagnosi di infermità psichica. 


Contestualmente alla Corte costituzionale, anche la Corte europea dei diritti umani ha condannato lo Stato italiano (sentenza Sy v. Italy - 11791/2 del 24.1.2022) per non avere garantito a un imputato affetto da infermità mentale un trattamento custodiale differenziato dalla comune detenzione carceraria e adeguato alle sue condizioni ed esigenze terapeutiche. 


Nell’attesa che i moniti delle Corti inducano il Legislatore a mettere mano a un intervento incisivo di riforma del sistema, il Giudice è chiamato, come sovente accade, a un compito di supplenza; un compito delicatissimo, in quanto consiste nel bilanciamento, da attuare dentro a un vuoto legislativo, tra le garanzie che devono sempre presiedere alla limitazione della libertà personale, soprattutto nei confronti dei soggetti socialmente deboli, quali certamente sono i portatori di un’infermità psichica, e le esigenze di protezione delle vittime e della collettività, quando vi sia  una pericolosità sociale elevata e correlata al rischio psicopatologico.


In questa situazione non possono essere offerte soluzioni standard e adatte a tutti i casi, semplicemente perché non ci sono. 


Abbiamo però fortemente avvertito la necessità di un incontro, di carattere assolutamente informale, che si terrà via Teams il 30 marzo 2022 dalle ore 16,00 alle ore 18,00 circa. 


All’incontro saranno presenti magistrati che si occupano di questa materia, ma anche psichiatri e altri esperti del settore, i quali si scambieranno le proprie esperienze e condivideranno metodologie di lavoro, possibili soluzioni e provvedimenti, in modo da far sentire il Giudice “meno solo” nell’affrontare una casistica molto complessa senza il sostegno di una normativa né di un servizio sociale adeguati.  


L’incontro di lavoro è aperto a tutti, non solo agli iscritti di Magistratura democratica ma a chiunque dei colleghi voglia partecipare per confrontarsi su queste tematiche e per condividere le proprie esperienze e propri metodi di lavoro, senza distinzione di materia, funzione o anzianità, con spirito aperto e propositivo.


Vi aspettiamo numerosi.


La dirigenza di Magistratura Democratica.

 


INFORMAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE
Per essere inseriti nel Team che sarà creato si prega di scrivere ad uno di questi indirizzi:
fabrizio.filice@giustizia.it
fabriziofilice@gmail.com
simone.spina01@giustizia.it

 

21/03/2022

Articoli Correlati

Eventi

Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione


Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione
Mercoledì 6 aprile 2022, ore 16.30
Sede Associazione "Volere la Luna", Via Trivero 16 Torino

Sarà possibile seguire l’incontro in diretta streaming sul canale Youtube di Magistratura democratica (https://www.youtube.com/user/MagistraturaDem

Eventi

Lavoro povero e salario minimo


Lavoro povero e salario minimo


Venerdì 25 marzo 2022, ore 15.00


Corte di cassazione, Aula Giallombardo, 2° piano

Dialoghi sulla giustizia

A proposito di Referendum

Sono nove, ad oggi, le richieste di referendum al vaglio della Cassazione e della Corte costituzionale: sei di questi in particolare riguardano argomenti in materia di giustizia, pur molto eterogenei tra loro. La possibilità della sottoscrizione telematica ha ovviamente incentivato il ricorso al mezzo, e con ogni probabilità, si ripeteranno in futuro le occasioni di consultazione popolare sui temi più svariati. Diviene essenziale un’informazione capillare ed una discussione franca che possa evidenziare i risvolti effettivi di un voto che si può esprimere solo con un sì o con un no. Magistratura democratica non si sottrae al dovere di fornire il suo contributo.

In-sicurezza: giustizia, diritti e informazione

Parole di Giustizia

L'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge e la tutela dei diritti di tutti sono il banco di prova delle democrazie contemporanee. Ciò sta scritto nelle Costituzioni del Novecento (a cominciare da quella del nostro Paese) ma spesso – troppo spesso – resta un obiettivo irrealizzato. Così la giustizia sembra talvolta ridursi, da orizzonte di vita decorosa e serena per tutti, a insieme di procedure per risolvere controversie e conflitti.

In questo contesto è nata l’idea di un appuntamento annuale teso a recuperare la consapevolezza del carattere etico e politico oltre (e prima) che tecnico della questione giustizia. Un appuntamento che, dopo nove edizioni a La Spezia, quest’anno si trasferisce a Urbino e a Pesaro, grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino 'Carlo Bo', l’Associazione studi giuridici 'Giuseppe Borrè' e Magistratura democratica, con il coinvolgimento dell’Ordine degli avvocati di Pesaro e di Urbino e di tre istituti superiori: l’istituto Raffaello di Urbino, i licei Mamiani e Marconi di Pesaro.

Al centro della riflessione di questa edizione di “Parole di giustizia” è il senso di in-sicurezza che attraversa la società. Magistrati, avvocati, docenti universitari, giornalisti ed esperti di comunicazione – attraverso dibattiti, lezioni magistrali e interviste – ne analizzeranno sia le ragioni sia gli effetti sulla politica, sui diritti, sulla legislazione, sul modo di amministrare la giustizia.    

Il festival Parole di Giustizia 2021 si aprirà a Urbino venerdì 22 ottobre a Palazzo Battiferri con la lectio magistralis di Ilvo Diamanti e si concluderà domenica 24 ottobre a Palazzo ducale con quella di Tomaso Montanari. Sabato 23 ottobre si trasferirà a Pesaro e vedrà protagonisti, tra gli altri, Vera Gheno, Donatella Di Cesare, Yvan Sagnet, Umberto Ambrosoli. 

L'inabissarsi dei diritti fondamentali

Un mare di vergogna

Venerdì 1 e sabato 2 ottobre 2021, a Reggio Calabria, si terrà il convegno organizzato da Magistratura democratica, in collaborazione con A.S.G.I., dedicato alle violazioni dei diritti umani fondamentali dei migranti, persone vulnerabili in movimento: dai respingimenti informali alle omissioni di soccorso.