La Russa al congresso nazionale di Md a Napoli: “È la prima volta di un presidente del Senato”

da Repubblica - Napoli

La Russa al congresso nazionale di Md a Napoli: “È la prima volta di un presidente del Senato”


“L’associazionismo non sia riflesso di divisioni politiche, già facciamo tanti danni noi politici...” “Ho risposto a un invito molto cortese che mi onora. Credo che sia la prima volta che un un presidente del Senato partecipa a un congresso di Md”. Esordisce così Ignazio La Russa, tra le toghe di Magistratura democratica, la corrente di sinistra di giudici e pm, riunite a congresso a Napoli per discutere di “conflitti in un mondo in movimento”.


Sul palco della stazione marittima, La Russa prende la parola per un intervento di una decina di minuti stando ben attento a mantenere un profilo istituzionale, si dice “orgoglioso dell’invito perché dimostra una volontà di confrontarsi con le istituzioni più alte”, sottolinea l’importanza di “partecipazione, dialogo, l’apertura all’ascolto ad ogni livello”, rimarca “l’irrinunciabile ruolo costituzionale della magistratura” e sulle riforme sollecita un “confronto sereno scevro da ogni pregiudizio”.


La Russa ricorda un discorso del sottosegretario Alfredo Mantovano che citava una frase del giudice Rosario Livatino, assassinato dalla mafia, che indicava il magistrato come “riflesso della legge che è chiamato ad applicare” e argomenta: “Oggi Livatino sarebbe più cauto, la realtà cambia ed è giusto che i magistrati si sforzino di interpretarla”. Il presidente del Senato invita a “mettere da parte preconcetti e pregiudizi, siamo tutti chiamati a lavorare al meglio nell’interesse dei cittadini” e dice di auspicare “un’Italia più moderna competitiva, sicura, libera, giusta. E auspico che l’associazionismo, anche all’interno di una fondamentale istituzione dello Stato, sia utile a contribuire a questo scopo, non sia il riflesso delle divisioni politiche. Già ne facciamo tanti di danni noi politici, voi metteteci il rimedio, non ne aggiungere altri”, conclude. Solo in apertura La Russa si concede una digressione personale, ricordando i 40 anni da avvocato penalista e di essere passato, con la militanza nel centrodestra, da un’immagine di grande estimatore dei magistrati a quella di “mangia magistrati”. E rivela un aneddoto degli anni di Mani Pulite, quando un articolo di stampa lo aveva descritto come in buoni rapporti con l’allora pm di Milano Piercamillo Davigo e “decine di imputati si erano presentati alla porta del mio studio per farsi assistere. Non ne difesi neanche uno”.


Prima di uscire dalla sala, a chi gli chiedeva se la sua visita tra le toghe di sinistra possa essere interpretata cone un “segnale di pace”, il presidente del Senato replica: “Mai stati in guerra”.

 


Leggi sul sito di Repubblica

10/11/2023

Articoli Correlati

Comunicati

Carcere e gravidanza


È di questi giorni la notizia di una giovane donna tunisina, tratta in arresto a novembre per possesso di stupefacente, sottoposta a custodia cautelare presso la Casa circondariale di Sollicciano, in stato di gravidanza e costretta dopo quattro mesi ad abortire per motivi di salute.

Giornata internazionale delle donne in magistratura, 10 Marzo 2024

MEDEL celebra la Giornata del 10 Marzo, sottolineando ancora una volta l'impegno delle donne per la giustizia e per lo Stato di diritto.


Ovunque, le donne hanno portato un cambiamento democratico all'interno dei sistemi giudiziari: una nuova idea di uguaglianza che ha favorito il progresso della cultura dei diritti; una nuova concezione dell'apertura e della rappresentatività - e una maggiore legittimità democratica - dei sistemi giudiziari in tutto il mondo.

Comunicati

Sulla designazione del Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura, guardando avanti


La designazione dei componenti del Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura da parte del CSM giunge con ritardo rispetto alle scadenze fissate dal calendario istituzionale ed è stata preceduta da forti rilievi critici sulla trasparenza della procedura seguita. Le preoccupazioni espresse in corso di procedura – che erano alla base delle critiche – non hanno trovato adeguate risposte nelle motivazioni della delibera poi approvata a maggioranza dal Plenum (soprattutto per quanto riguarda la delibera relativa ai componenti provenienti dalla magistratura, che è stata approvata a maggioranza, con sei voti contrari e due astensioni).

Comunicati

Libertà costituzionali e ordine pubblico


Ieri mattina, a Pisa, reparti della Polizia di Stato in assetto antisommossa hanno impedito a un corteo di studenti riunitosi in via San Frediano, davanti al liceo artistico Russoli, per una manifestazione di solidarietà nei confronti della popolazione palestinese, di accedere a piazza dei Cavalieri, adottando la cosiddetta “carica di alleggerimento” nel corso della quale diversi manifestanti sono stati colpiti con manganellate e  hanno subìto lesioni personali.

Comunicati

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti


Ormai non è in gioco solo la dignità dei detenuti, si tratta di preservare la loro stessa vita.