La Scuola che verrà

SSM

La Scuola che verrà

Il rinnovo del Comitato direttivo della Scuola della Magistratura rappresenta, per il CSM, un passaggio importante. Tramite la scelta di sei magistrati e di un professore, infatti, il Consiglio concorre a dare concretezza alla visione che ha della Scuola e della formazione.

La Scuola Superiore della Magistratura è il baluardo insostituibile dell’indipendenza culturale della magistratura e il cardine della formazione, attività che tocca aspetti fondamentali del modo di essere dei magistrati e che concorre a rafforzare la legittimazione dell’intera magistratura, attraverso l’arricchimento costante e continuo della professionalità dei singoli.

La Scuola rappresenta un luogo di crescita culturale collettiva, dove si formano le nuove generazioni di colleghi e dove tutti si confrontano con saperi alti e altri.

L’attività di formazione, non circoscritta alla tecnica e alla perfetta esegesi della norma o all’apprendimento delle tecniche organizzative, deve rispecchiare la complessità del ruolo assunto dalla giurisdizione nel circuito istituzionale e nella società.

Nella difficile fase che stiamo vivendo, la Scuola avrà un ruolo decisivo nel processo di “rigenerazione” etica e culturale che oggi impegna tutta la magistratura associata e il suo sistema di autogoverno.

E nel dibattito sulle importanti riforme che si annunciano – dal processo penale e civile alla crisi d’impresa, dalla separazione delle carriere alla complessa tematica dei diritti fondamentali e delle tutele agli stessi apprestate – la Scuola sarà chiamata a garantire una formazione in grado di originare domande di senso e a formulare risposte su ciò che la magistratura vuole essere, tenendo conto anche dei passaggi giurisprudenziali epocali, correlati al dibattito multilivello tra Corti nazionali e sovranazionali, e delle trasformazioni della contemporaneità che retroagiscono anche sulla magistratura.

Obiettivi ambiziosi e alti, perché alta è la posta in gioco.

La formazione iniziale e permanente dei magistrati – di cui il Consiglio deve farsi carico, ferma l’autonomia della Scuola – dovrà giovarsi non solo della pluralità di competenze, ma anche del pluralismo culturale, perché senza di esso è ben difficile perseguire l’obiettivo di formare un magistrato “costituzionale”, in grado di affrontare le antiche e nuove sfide che attendono la giurisdizione.

Il rinnovo del Comitato direttivo rappresenta, dunque, un passaggio rilevante sotto vari profili, specie per la complessità delle valutazioni da operare, implicanti bilanci e prospettive, sulla base del progetto di formazione che si intende realizzare.

Attraverso la selezione di sei magistrati e di un professore universitario, infatti, il CSM concorre a dare gambe a un progetto, ponendo le basi per un’attività formativa che guardi agli alti principi che devono ispirarla e alle priorità individuate.

Una scelta non “neutra”, questa, perché contribuisce a dare concretezza alla visione che il Consiglio ha della Scuola e del ruolo che deve svolgere la formazione rispetto alle esigenze dei magistrati e alle sfide, attuali e future, che si porranno per la giurisdizione.

Si tratta, dunque, di un momento particolarmente significativo e qualificante di esercizio delle prerogative conferite al CSM in questo ambito.

Dalla delibera approvata – che di tali prerogative è esercizio – si comprende che il Consiglio ha operato la selezione in modo da assicurare la presenza di saperi, provenienze territoriali e competenze diversificate e complementari nel nuovo Comitato direttivo; e che ha deciso di non procedere alla comparazione, prevedendo al contempo – ai fini di un’auspicata maggiore trasparenza della scelta operata fra tanti e così rilevanti profili – la pubblicazione, sul proprio sito, dei curricula di quanti alla selezione hanno partecipato.

Una scelta di trasparenza che, tuttavia, non supplisce all’assenza di indicazioni più utili a chiarire il percorso di selezione intrapreso, dapprima per individuare ventidue magistrati per l’audizione e, successivamente, per designare tra questi i sei componenti del Comitato, partendo dai numerosi aspiranti (novantatré in totale), molti dei quali ritenuti portatori di profili assai elevati e, comunque, di indiscusso valore e di riconosciuta competenza, anche nell’ambito della formazione.

Il dibattito svoltosi in assemblea plenaria sulla proposta avanzata, all’unanimità, dalla commissione e i resoconti dei componenti consiliari, infatti, non restituiscono all’esterno la complessità delle valutazioni compiute e l’importanza che queste rivestono rispetto alla visione che il CSM ha della formazione e all’investimento che intende compiere sulla Scuola, come luogo di crescita culturale per l’intera magistratura.

La scelta, poi, di una procedura diversa dalla prassi adottata sinora dal Consiglio nell’individuare il professore universitario – che ha portato prima alla designazione a Presidente della Scuola del prof. Onida ed in seguito del prof. Silvestri – è stata motivata con la garanzia di maggiore trasparenza assicurata dall’interpello.

La base di quella diversa prassi risiedeva nella necessità per il CSM di contribuire ad assicurare la presenza, nel Comitato direttivo, di figure di nomina consiliare che fossero espressive, al massimo livello, di un profilo di rappresentanza esterna e di una marcata visibilità, non soltanto in ambito accademico, ma anche, e soprattutto, in ambito istituzionale, e per questo necessariamente non soggette alla selezione attraverso una valutazione comparativa dei singoli curricula e dei titoli comprovanti lo spessore accademico posseduto.

Anche rispetto alla scelta dell’interpello, perciò, pensiamo che sarebbe stato importante far emergere più chiaramente le ragioni del cambiamento e la visione che il Consiglio ha del ruolo di Presidente della Scuola e dei profili rilevanti per ricoprirlo – ferma l’autonomia del Comitato direttivo nella designazione di chi tale ruolo andrà a ricoprire, e indipendentemente dalla scelta alla quale si perverrà dopo le indicazioni dei componenti da parte del Ministro.

Proponiamo queste riflessioni nell’ottica di contribuire ad un forte investimento culturale sulla Scuola da parte dell’autogoverno e della magistratura tutta.

23/12/2019

Articoli Correlati

Su improcedibilità, criteri di priorità e nuovo volto della pena

Processo penale: cambiare sì, ma come?

La norma sulla improcedibilità contenuta nella proposta di riforma 'Cartabia', oltre a stridere con l'articolo 112 della Costituzione, è potenzialmente irragionevole, perché 'colpisce' con un'unica e rigida sanzione processuale situazioni e processi molto diversi tra loro, trascurando la diversa gravità dei reati e la diversa complessità degli accertamenti da svolgere. L'improcedibilità così concepita, inoltre, diminuisce la qualità delle garanzie delle persone sottoposte a giudizio e rischia di sacrificare i diritti delle persone offese. Né risponde a pretese esigenze del diritto europeo, ove non si richiede che un processo finisca 'entro un certo termine', ma piuttosto che finisca 'utilmente', ossia con un accertamento del fatto.

Processo Civile Telematico

Una proposta di metodo

Le recenti, gravi disfunzioni nei servizi informatici legati al PCT rendono evidente la necessità di un cambio di paradigma nella programmazione e verifica degli aggiornamenti di sistema, da perseguire mediante una gestione più partecipata dal basso e tramite un maggiore coinvolgimento degli Uffici da parte della DGSIA.

Libia

Il dramma sotto gli occhi

In occasione dell'imminente voto parlamentare sulla cooperazione con la Libia, riteniamo doveroso porre attenzione alle proposte che oggi verranno lanciate nei presidi delle associazioni non governative, riunite sotto lo slogan «Libia, una benda per non vedere?». Ce lo impongono le immagini dei militari libici che inseguono i migranti, sparando colpi di mitraglia ad altezza d'uomo, e le parole spese nelle sentenze dell'autorità giudiziaria italiana sugli orrori subiti dai trattenuti nei centri di detenzione libici.

I fatti di Santa Maria Capua Vetere

L’ennesimo tradimento della democrazia

Le immagini dei pestaggi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere ci richiamano alla necessità di porre al centro della riflessione i temi della tortura, della violenza di polizia e dell’uso eccessivo della forza da parte chi detiene il monopolio della violenza. Nella convinzione che, in questo campo, la prevenzione degli abusi passi anche attraverso una ri-costruzione culturale, politica e simbolica del concetto di "ordine pubblico", oltre che per un serio ripensamento dei modelli organizzativi delle agenzie di polizia. 

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.