2'MD

La sicurezza che domina la paura. La sicurezza fondata sulla paura

Tomaso Montanari parla a 2'MD dell'immagine della sicurezza: dalla visione classica di dominio della paura attraverso le virtù civiche all'inganno della "sicurezza" fondata sulla paura.  

“Sin dai tempi di Dante era impossibile separare le parole dalle immagini”. Questo concetto, declinato al significato che oggi ha assunto la parola ‘sicurezza’, è stato analizzato dal professor Tomaso Montanari, storico dell’arte e rettore dell’Università per Stranieri di Siena. Nel corso della lectio magistralis, tenuta a Pesaro-Urbino lo scorso ottobre, ospite del convegno ‘Parole di Giustizia’, l’illustre accademico ha invitato tutti a riflettere su come possa essere utilizzata nelle moderne democrazie l’immagine legata alla parola sicurezza. E di come questo termine, nato come dominio della paura, possa invece diventare, artatamente, uno strumento di paura per creare consenso.

Guarda il video realizzato per 2’MD a Urbino il 24 ottobre 2021. Al seguente link potete vedere il video integrale della lezione https://youtu.be/qhpbDcLoicI

15/11/2021

Articoli Correlati

2'MD

Giustizia minorile e riforme


Paolo Ramondino sintetizza i temi sensibili che l’istituzione del tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie, imporrà di affrontare.

2'MD

Difendere il Consiglio Superiore della Magistratura


Valerio Savio affronta il tema della crisi del Consiglio superiore della magistratura, invitando ad una difesa dell'Istituzione attraverso una consapevole partecipazione.

2'MD

La cultura organizzativa (presa sul serio)


Raffaello Magi affronta la “questione tabellare” nella prospettiva del benessere organizzativo, da intendere non come rituale enunciazione ma come elemento di costruzione, negli uffici giudiziari, di una comunità.

2'MD

L'essenza del lavoro del giudice e la deriva aziendalistica


Anna Mori affronta il tema delle caratteristiche essenziali del lavoro giurisdizionale, poste a confronto con richieste di “performance” e derive aziendalistiche.

2'MD

Il giudice riflessivo (non isolato, non “stella”)


Gaetano Campo ci parla della complessità del lavoro giurisdizionale, che richiede al magistrato una dimensione collettiva e di confronto, opposta rispetto alle derive verso l’isolamento o verso la ricerca di personale visibilità.