Un anno dopo la strage

Lampedusa

Un anno dopo la strage

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Il ricordo e una speranza per il futuro

I familiari e i superstiti del naufragio di Lampedusa torneranno sull’isola nel primo anniversario della tragedia del 3 ottobre. Per tutti loro sarà l’occasione per conoscere dove sono sepolti i propri cari e avviare le procedure di riconoscimento, finora incompiute. Per ricordare le 368 vittime della strage si svolgerà anche la giornata della Memoria e dell’Accoglienza.

Magistratura democratica si unisce nel ricordo alle famiglie delle vittime e ai superstiti del naufragio. Non dobbiamo dimenticare, ma - più di tutto - l’orrore per questi tragici fatti non deve mai trasformarsi in assuefazione e abitudine. Guerre, povertà ed epidemie continuano, infatti, a spingere nel mar Mediterraneo e sulle nostre coste migliaia di migranti. Soltanto dall’inizio dell’anno sono più di 2500 ad aver perso la vita.
 
Per questo desta preoccupazione anche l’annunciata cessazione dell’operazione Mare Nostrum, un’iniziativa – pur perfettibile – che però grazie al coraggio degli uomini della Marina ha consentito il salvataggio di 140mila persone, ponendo il nostro Paese all’avanguardia nella politica europea dell’immigrazione e dei diritti umani. Auspichiamo che – con lo stesso impegno - il semestre italiano di presidenza dell’Ue sia l’occasione per promuovere politiche di protezione e accoglienza, che sappiano tutelare in maniera effettiva la vita e la dignità dell’uomo.

Anna Canepa (segretario generale Magistratura democratica)

02/10/2014

Articoli Correlati

Festa della Liberazione

Perché il 25 aprile ci è indispensabile

Da sempre il senso di questa ricorrenza va oltre la volontà di ricordare la Liberazione dal nazifascismo. Ribadire la forza di principi fondamentali quali la libertà e la giustizia è una necessità ed un momento di “ricostruzione”, che passa anche dalla condivisione di valori, e da una giornata che li celebri.

Dichiarazioni della Segretaria generale di Md

Vaccini: la magistratura deve dimostrare unità con il Paese

In un momento in cui è urgente porre rimedio alle iniquità causate da scelte di alcune regioni di dare precedenza a categorie diverse da quelle più deboli ed esposte, senza arretrare minimamente rispetto alle richieste di interventi necessari per “mettere in sicurezza” la giustizia e tutti gli operatori di giustizia, la magistratura deve dimostrare di essere e di sentirsi parte della nostra comunità, e partecipe del senso di solidarietà e di unità che, soprattutto in questo momento, deve sostenerla.

Giornata dell'otto marzo

L’eguaglianza di genere: un test per la democrazia

La giornata dell’otto marzo ci richiama ad una riflessione non formale sui diritti e sulla democrazia.

venerdì 26 marzo 2021, ore 16:30/19:00

In mezzo al fango e alla neve: la rotta balcanica fuori e dentro i tribunali

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 26 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Rotta balcanica.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.