Magistratura democratica aderisce alla manifestazione contro la guerra

Comunicati

Magistratura democratica aderisce alla manifestazione contro la guerra


Ci uniamo ai pacifisti italiani e di tutto il mondo


Le decisioni unilaterali di guerra, l’occupazione militare con l’uso della forza e delle armi di altre nazioni, l’uccisione di altri esseri umani civili o militari, sono la negazione del diritto internazionale e prescindono dalle ragioni del confronto tra potenze economiche ed i relativi equilibri, nonché dai torti e dalle ragioni delle alleanze sopranazionali che si prospettano all’orizzonte, e non ci devono mai trovare arresi all'apatia dell'impotenza.


Auspichiamo che si rendano, da subito, disponibili dei corridoi protetti per consentire alle agenzie internazionali e alle organizzazioni umanitarie interventi efficaci e senza rischi.

24/02/2022

Articoli Correlati

Md e il CSM

Una storia che riprende


Magistratura democratica è tornata a presentare propri candidati alle elezioni del CSM, dopo molti anni in cui ha contribuito in maniera decisiva all'elezione dei rappresentanti di AreaDG.

Noi e Medel

Ricorso associazioni giudici europei a Corte UE su PNRR Polonia: "chiediamo efficace tutela dell'indipendenza dei giudici"


Quattro organizzazioni europee di giudici citano in giudizio il Consiglio dell'UE per aver ignorato le sentenze del Tribunale dell'UE nella decisione di sbloccare i fondi alla Polonia.

Comunicati

Adesione giornata nazionale di mobilitazione per la Pace


Come cittadini europei, abbiamo assistito con sgomento e crescente orrore all’aggressione perpetrata dalla Russia in danno dell’Ucraina e del popolo ucraino.

Penale

A margine di un processo per tortura


Il 20 aprile 2022  il Giudice per l’udienza preliminare presso il Tribunale di Torino ha disposto il rinvio a giudizio di ventidue persone, tra essi numerosi operatori dell’amministrazione penitenziaria accusati tra l’altro del delitto di tortura, commesso, stando all’accusa, in danno di persone detenute nel carcere di Torino; 

Editoriale

Dopo lo sciopero, oltre lo sciopero: restiamo uniti


Crediamo nelle ragioni dello sciopero e ci siamo impegnati per la sua riuscita.