MOROSINI: “Non ho parlato di candidature

MOROSINI: “Non ho parlato di candidature

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Dichiarazioni tratte da documento del 15/12/2012

MOROSINI: “NON HO PARLATO DELLE CANDIDATURE DEI MAGISTRATI IN POLITICA.
DICHIARAZIONI TRATTE DA DOCUMENTO PUBBLICATO SUL SITO DI MD IL 15/12/2012


ROMA – In merito alle dichiarazioni attribuitemi oggi sui rapporti tra magistrati e politica e sulla candidabilità dei magistrati, vorrei precisare che il mio intervento introduttivo di oggi, al Congresso di Magistratura Democratica, ha programmaticamente evitato di affrontare il tema, come facilmente si può evincere dal contributo audiovideo a breve disponibile sul sito di Md.
Inoltre voglio evidenziare che la relazione scritta del segretario generale, da cui è stata tratta la dichiarazione attribuitami, è stata consegnata alle stampe il 14 dicembre del 2012, ossia in epoca antecedente alla divulgazione della notizia delle candidature di magistrati alle elezioni politiche del 2013.

Piergiorgio Morosini

(31 gennaio 2013)

31/01/2013

Articoli Correlati

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.

Magistratura e politica

Il caso Brescia e i chiarimenti del Ministro

Ancora una volta assistiamo ad un cortocircuito, in cui si sovrappongono la reazione pubblica ad una decisione giudiziaria, la risonanza mediatica per un esito diverso da quello atteso e l’annuncio di iniziative del Ministro della Giustizia in relazione al contenuto di tale decisione. Ma, in questi casi, gli effetti del solo annuncio di iniziative in relazione al merito di una decisione giudiziaria rischiano di assomigliare ad un vero e proprio ammonimento della politica all'indipendenza della magistratura e all'autonomia, anche scientifica, del giudizio.

Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019

Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica

Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019

Sequestro fondi Lega

Dichiarazioni del ministro Salvini: inaccettabile contrapporre accertamento giudiziario a volontà espressa dal consenso elettorale

La magistratura è attenta ai limiti delle sue funzioni e non si interessa di chi esercita la funzione di indirizzo politico

Comunicati

"Bene smentita Morosini"

La posizione di Md sul referendum costituzionale