Appello dei magistrati europei al presidente della Repubblica francese per ricostituire lo stato di diritto in Polonia

Noi e Medel

Appello dei magistrati europei al presidente della Repubblica francese per ricostituire lo stato di diritto in Polonia


Signor Presidente, 
il 9 marzo, in occasione della presidenza francese dell’Unione Europea, una delle organizzazioni firmatarie ha scritto al Suo Ministro di Giustizia per metterlo a conoscenza dell’importanza di intervenire con decisione per lo stato di diritto e l’indipendenza del potere giudiziario in un momento in cui tali pilastri sono sottoposti a offensive eccezionali in alcuni Stati Membri dell’Unione, in particolare in Ungheria e Polonia. 


In seguito ai recenti sviluppi, volgendo al termine la presidenza francese, siamo onorati di invitarLa a tradurre in pratica questo programma, consapevoli dello specifico impegno storico della Francia a difesa dei valori dell’Europa, tra cui lo Stato di Diritto. Come sa, la Commissione Europea e il governo polacco attualmente stanno discutendo le modalità di erogazione di fondi comunitari dovuti alla Polonia. Alle condizioni poste dalle istituzioni europee, è impellente la necessità che lo stato polacco rispetti le decisioni della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 14 e 15 luglio 2021 che hanno dichiarato contrarie al diritto europeo le riforme con cui il governo ha istituito una commissione disciplinare, che non rispetta le necessarie garanzie di indipendenza, per cui i giudici potrebbero essere ritenuti responsabili per il merito delle proprie decisioni. 

 


Per ricevere i fondi pattuiti, il governo polacco ha recentemente sottoposto alla Commissione europea un disegno di legge che avrebbe lo scopo di rimediare alle gravi violazioni dello stato di diritto. Mentre le autorità polacche affermano di aver rispettato i requisiti europei, l’analisi degli emendamenti proposti dimostra che così non è: il Consiglio Giudiziario Nazionale rimarrebbe composto da una maggioranza di membri nominati dal potere esecutivo e da quello legislativo, e la “legge-bavaglio” che punisce i giudici che danno precedenza all’applicazione della legge europea su quella domestica non verrebbe abrogata. 

 


Mentre la Commissione Europea ha recentemente dichiarato di essere sulla buona strada per il raggiungimento di un accordo con il governo polacco, è responsabilità della Francia, nel suo ruolo di Presidente dell’Unione ma anche in quanto stato fondatore della Comunità Europea, garantire che tale accordo non comporti un sacrificio dei suoi valori fondamentali. In particolare, deve assicurarsi che, prima di qualsiasi erogazione di fondi europei, le autorità polacche implementino riforme che ricostituiscano efficacemente l’indipendenza del potere giudiziario, ristabilendo la parità tra i giudici all’interno del Consiglio Nazionale di Giustizia, ed eliminando ogni possibilità di mettere in discussione, direttamente o indirettamente, la responsabilità dei giudici per il merito delle proprie decisioni. 

 


Lavorare così per ricostituire lo stato di diritto non solo è una necessità intrinseca alla luce dei valori democratici dell’Unione Europea; l’esistenza in ciascuno Stato Membro di un sistema giudiziario che garantisca il completo rispetto dei diritti e delle libertà dei cittadini è una condicio sine qua non per l’ordinamento giuridico europeo. Il riconoscimento reciproco delle decisioni giudiziali e del sistema legale di ciascuno stato presuppone che ogni stato garantisca ai propri equivalenti il rispetto degli stessi standard e garanzie, a partire dal diritto di ogni persona a una giustizia pienamente indipendente. Infatti, la legittimità delle decisioni pronunciate dai giudici polacchi che sono stati nominati da un consiglio nazionale giudiziario ora asservito al governo è messa in discussione. Se permettiamo che tale situazione persista – rischiando di vederla diffondersi in altri stati – è proprio il principio di una costruzione europea basata sull’integrazione per mezzo del diritto che viene messo in discussione. 

 


Non osiamo credere che la Francia, madrepatria dei diritti umani, non stia facendo quanto in suo potere per prevenire questo processo di disintegrazione. Le federazioni che raccolgono la stragrande maggioranza delle associazioni di giudici e pubblici ministeri in Europa, le organizzazioni firmatarie, rimangono pronte a supportare e accompagnare le iniziative del governo francese in questa direzione. 

 

Edith Zeller

Presidente di Association of European Administrative Judges (AEAJ)

 

Duro Sessa

Presidente di European Association of Judges (AEJ/EAJ)

 

Tamara Trotman

Presidente di Judges for Judges

 

Felipe César Marques 

Presidente di Magistrats Européens por la Démocratie et les Libertés (MEDEL)

08/06/2022

Articoli Correlati

Noi e Medel

Mariarosaria Guglielmi eletta presidente di Medel


Nell’assemblea tenutasi ieri a Barcellona, Medel (Magistrats Européens pour la Democratie et les Libertés), l’associazione di magistrati europei, ha eletto presidente una magistrata italiana, Mariarosaria Guglielmi. La neoeletta è stata Segretaria di Magistratura democratica sino al 2021. Il nuovo vertice di Medel, ha visto l’elezione di un’altra  magistrata, la polacca Monika Krackoviak. 

Noi e Medel

Libertà per Murat Arslan e per tutti i giudici destituiti e arrestati in Turchia

 
Le associazioni europee di magistrati, riunite nella "Platform for an independent Judiciary in Turkey" chiedono l’immediata liberazione di Murat Arslan e di tutti gli altri giudici e pubblici ministeri destituiti e arrestati.

Noi e Medel

Ricorso associazioni giudici europei a Corte UE su PNRR Polonia: "chiediamo efficace tutela dell'indipendenza dei giudici"


Quattro organizzazioni europee di giudici citano in giudizio il Consiglio dell'UE per aver ignorato le sentenze del Tribunale dell'UE nella decisione di sbloccare i fondi alla Polonia.

Noi e Medel

La lettera della Platform for an Indipendent Judiciary in Turkey


La lettera della Platform for an Independent Judiciary in Turkey del 15 luglio 2022 indirizzata a 


Presidente della Commissione Europea,  Ursula von der Leyen, 
Commissario Europeo per il Vicinato e l’allargamento, Olivér Várhelyi 
Commissario Europeo per la Giustizia, Didier Reynders 
Presidente del Consiglio  Europeo, Charles Michel 
Presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola 
Segretario Generale del Consiglio d’ Europa, Marija Pejčinović Burić 

Noi e Medel

23 maggio - Giornata di allerta per l'indipendenza della giustizia


Ancora una volta Medel celebra il 23 maggio come Giornata di Allerta per l'Indipendenza della Giustizia, ricordando che l'indipendenza del Potere Giudiziario è la pietra angolare di ogni società libera e democratica.