Per Mario Amato

Per Mario Amato


Oggi, 42 anni fa, veniva ucciso Mario Amato. Era solo, disarmato, in attesa di un autobus per recarsi al lavoro; e venne freddato da un colpo alla nuca.


Venne ucciso perché per primo iniziò a indagare in modo sistematico sulla galassia del terrorismo nero, cercando di comprenderne i legami, le strategie e i meccanismi e di elaborare un metodo. 
Venne ucciso perché il suo ripetuto grido di dolore non venne mai ascoltato.
Chiese più risorse per fare quelle indagini e più sicurezza, e nessuno si attivò.
Non i dirigenti del suo ufficio, non il Consiglio superiore della magistratura, l'ultima audizione davanti al quale, a leggerla oggi, sembra un estremo saluto e un durissimo atto d'accusa.

Mario Amato è un eroe che non avrebbe voluto essere tale.
Tenere vivo il suo ricordo anche nelle generazioni più giovani, di colleghi e non, è solo un piccolo e doveroso gesto per riconoscere e onorare il suo sacrificio.

23/06/2022

Articoli Correlati

La regressione della Corte Suprema Usa


Assistiamo con estrema preoccupazione all'inaccettabile regressione in tema di diritti civili imposta,  con una forzatura politica senza precedenti, dalla Corte suprema statunitense che, con la sentenza resa il 24 giugno 2022 nel caso Dobbs v. Jackson Women's Health Organization, ha superato, di fatto abolendone l'efficacia vincolante, la storica sentenza Roe v. Wade con cui, nel 1973, la stessa Corte aveva legalizzato l'aborto negli Usa.  

Dal Consiglio nazionale

Non esiste un dovere di transizione “decorosa”


La morte di Cloe Bianco non può lasciare indifferenti.


Non ci lascia indifferenti, non solo come cittadini e cittadine, ma prima come magistrati e magistrate di questa Repubblica cui spetta di rimuovere gli ostacoli di fatto che impediscono una vera uguaglianza.

Società liquide e nuove soggettività collettive


Un connotato molto comune del lavoro come oggi lo conosciamo, e ben prima del distanziamento sociale che il COVID ha imposto, è la solitudine.