La regressione della Corte Suprema Usa

La regressione della Corte Suprema Usa


Assistiamo con estrema preoccupazione all'inaccettabile regressione in tema di diritti civili imposta,  con una forzatura politica senza precedenti, dalla Corte suprema statunitense che, con la sentenza resa il 24 giugno 2022 nel caso Dobbs v. Jackson Women's Health Organization, ha superato, di fatto abolendone l'efficacia vincolante, la storica sentenza Roe v. Wade con cui, nel 1973, la stessa Corte aveva legalizzato l'aborto negli Usa.  


"La Costituzione non conferisce il diritto all'aborto", è il messaggio contenuto nella sentenza che travolge due precedenti sui quali si è basata, per quarantanove anni,  la legalità dell’aborto negli Stati uniti, con la conseguenza di  rimettere ex novo  la questione ai singoli Stati i quali,  in assenza di una legge del Congresso che regoli l’aborto a livello federale, tornano liberi di decidere se e a quali condizioni consentire alle donne l'interruzione della gravidanza. 

È estremamente chiaro il disegno instaurato  sotto la Presidenza Trump, che ha avuto uno dei principali obiettivi di governo proprio  nello smantellamento dell'equilibrio della Corte, sbilanciandone a destra la composizione con la discussa nomina in corner della Giudice Coney Barret, allieva di Antonin Scalia e fautrice della tesi dell'original intent: tesa a neutralizzare ogni evoluzione interpretativa della Costituzione  in tema di diritti civili (ma molto meno, ad esempio, in tema di armi) e a restringerne l'applicazione al significato storico minimo, così bloccando quella che noi definiamo "Costituzione vivente" o "Interpretazione costituzionalmente orientata" in tema di nuovi diritti: dalle tutele dei cittadini migranti e degli apolidi, al restraint della pena di morte, sino alle questioni ambientali e, appunto, ai  diritti delle donne e ai diritti di genere. 

È probabile che fra i prossimi obiettivi di una Corte ormai prigioniera della destra radicale, e che per questo rischia di perdere credibilità,  apparendo ormai come organo giurisdizionale di una parte e non dell'intera cittadinanza, ci saranno il  diritto all'acquisto e all'uso dei contraccettivi e, a seguire, il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Pur nella  sostanziale differenza dei sistemi giuridici e degli ordinamenti giudiziari europei, e di quello italiano in particolare, rispetto al modello americano, non possiamo non vedere che anche in Europa è in atto un tentativo, che apertamente si ispira alla dottrina Trump, di tornare indietro rispetto a diritti di civiltà che tendiamo a considerare ormai acquisiti e indiscussi. 
Sappiamo che è in atto in Europa una crociata fondamentalista contro la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, fatta a Istanbul l'11 maggio 2011 e ratificata in Italia con Legge 27 giugno 2013, n. 77;  e anche la recente vicenda, tutta italiana, del progetto di legge numero 735, meglio conosciuto come "Decreto Pillon", ispirato al diritto alla "bigenitorialità perfetta" e all'abolizione dei provvedimenti economici correlati alla collocazione prevalente del minore, in senso deliberatamente punitivo verso le donne, dovrebbe farci riflettere. 

Non esistono diritti acquisiti una volta per tutte. Anzi, mentre l'opinione progressista occidentale ha  passato gli ultimi decenni seduta sull'erronea convinzione che i diritti acquisiti  non si possano perdere, un movimento fondamentalista globale, radicalmente  conservatore, bellicista, idolatore delle armi e ferocemente  antifemminista, ha invece lavorato ai margini,  non solo in America ma anche in Europa, riuscendo a trovare l'appoggio della componente  cattolica più ideologica e politicizzata. 
In questo momento più che mai la giurisdizione italiana deve stringersi a baluardo della propria indipendenza e a servizio dei diritti civili, affermandone  strenuamente la non negoziabilità  e la non disponibilità  al consenso politico. 

Più che mai sentiamo la necessità di affermare le ragioni e la necessità di una magistratura autenticamente progressista che, proprio in nome della sua indipendenza  dalla politica, non abbia mai timore di stare  dalla parte dei diritti, e di ergere un recinto giuridico  invalicabile alle spinte populiste, fondamentaliste e regressive che cercano di attaccarli.

27/06/2022

Articoli Correlati

Carcere

Report visita al Carcere di Sollicciano


Il carcere è uno dei luoghi in cui un paese democratico misura il suo tasso di aderenza ai diritti universali dell’uomo.

È il fulcro in cui l’uso della forza, regolato dallo Stato nel processo, cerca il suo più difficile equilibrio con l’umanità del trattamento sanzionatorio e con la risposta rieducativa che la Costituzione affida alle pene.

Eventi

Presentazione Rapporto Ecomafia 2022


Anche quest’anno Legambiente organizza il consueto appuntamento con l’analisi e la denuncia dei fenomeni di criminalità ambientale nel nostro Paese: il 15 dicembre, al Centro congressi Cavour di Roma, sarà presentato il Rapporto Ecomafia 2022, a cura dell’Osservatorio nazionale Ambiente e Legalità dell’associazione.

In ricordo di Lilia Gaeta

Le poltrone blu


Le poltrone blu di Lilia Gaeta (“giudice in eterno” calzante definizione coniata da Consolato Minniti, apprezzato e rigoroso giornalista calabrese).