Adesione giornata nazionale di mobilitazione per la Pace

Comunicati

Adesione giornata nazionale di mobilitazione per la Pace


Come cittadini europei, abbiamo assistito con sgomento e crescente orrore all’aggressione perpetrata dalla Russia in danno dell’Ucraina e del popolo ucraino.


Come uomini e donne, viviamo come un dramma le vite umane sprecate, l’infanzia calpestata, l’esodo di milioni di profughi e la distruzione che si sparge ovunque.


Come giuristi, non possiamo ignorare i torti e le ragioni; né possiamo trascurare il diritto all’autodeterminazione dei popoli e il diritto di resistenza alle altrui aggressioni.


Ma – proprio perché giuristi – dobbiamo promuovere e alimentare l’idea che la fine della guerra non possa essere affidata solo alle armi, ma debba essere perseguita con gli strumenti di soluzione dei conflitti regolata dal diritto e dalla diplomazia.


È in questo spirito che auspichiamo che tutti coloro che hanno responsabilità di governo – nella comunità nazionale ed internazionale (principalmente ONU e UE) – facciano quanto è in loro potere per riattivare efficaci canali diplomatici per porre fine al conflitto.


È in questo spirito che Magistratura democratica aderirà alla giornata nazionale di mobilitazione per la pace promossa in tutte le città italiane per la giornata del 23 luglio 2022.

La dirigenza di Magistratura democratica

13/07/2022

Articoli Correlati

Comunicati

Libertà costituzionali e ordine pubblico


Ieri mattina, a Pisa, reparti della Polizia di Stato in assetto antisommossa hanno impedito a un corteo di studenti riunitosi in via San Frediano, davanti al liceo artistico Russoli, per una manifestazione di solidarietà nei confronti della popolazione palestinese, di accedere a piazza dei Cavalieri, adottando la cosiddetta “carica di alleggerimento” nel corso della quale diversi manifestanti sono stati colpiti con manganellate e  hanno subìto lesioni personali.

Comunicati

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti


Ormai non è in gioco solo la dignità dei detenuti, si tratta di preservare la loro stessa vita. 

Comunicati

La necessità della pace. La necessità del diritto


Dinanzi a situazioni che violentano e terrorizzano i popoli e scuotono le coscienze e il senso di umanità più elementare, nessuna persona può girare lo sguardo altrove: men che meno i giuristi, per quanto complesse e intricate siano le questioni che chiamano in causa non solo la politica e l’etica, ma anche il diritto, portatore di razionalità, di equilibrio e di moderazione nella regolazione dei rapporti di forza al fine di evitare la deflagrazione e l’aggravamento di conflitti sino ad esiti catastrofici per il mondo intero.

Comunicati

Discrezionalità e regole: quale peso per gli indicatori attitudinali specifici?


Riflessioni a margine della nomina del Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma.

Comunicati

Giudici oggi: ruolo scomodo, ma necessario ad un sano equilibrio costituzionale


La decisione delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione di chiedere la verifica di conformità al diritto UE di alcune norme del decreto Cutro conferma che gli attacchi nei confronti della giudice Apostolico erano privi di senso anche sul piano giuridico.