Gaetano Campo

I candidati al Consiglio Superiore della Magistratura

Gaetano Campo

Candidato nel Collegio 1 (giudici del merito) per Magistratura democratica


Sono entrato in magistratura nel 1985. 


Ho sempre lavorato in Veneto, come pretore, poi giudice di tribunale a Padova e Vicenza, poi per sei anni consigliere della sezione lavoro della Corte d’Appello di Venezia.


Dal 2015 sono presidente di sezione civile al Tribunale di Vicenza. 


Ho sempre avuto presente il consiglio rivolto ai giudici da Luigi Ferrajoli, di mettersi dal punto di vista dei loro imputati, testimoni, parti del processo civile: ciascuno di essi, scrive Ferrajoli, si ricorderà dei suoi giudici, ricorderà la loro imparzialità o la loro partigianeria, il loro equilibrio o la loro arroganza, la loro sensibilità o la loro ottusità burocratica, la loro umanità o la loro disumanità, la loro capacità o la loro supponenza, l’idea che avranno della giustizia sarà rappresentata dal giudizio che avranno del giudice che avrà esaminato le loro vicende.


Sono iscritto a Magistratura democratica dal 1987 e sono stato iscritto, dalla sua costituzione e fino alla vigilia di queste elezioni, ad AreaDG. 


L’iscrizione a Magistratura democratica è stata per me una scelta conseguente a una formazione culturale che non vede il magistrato isolato dalle dinamiche che si muovono nella società, che esclude l’indifferenza nei confronti dei diritti e dei valori costituzionali. 


Sono stato per due volte componente del Consiglio giudiziario di Venezia. 


Ho fatto parte della Giunta esecutiva distrettuale del Veneto nel periodo della “riforma Castelli” e ho promosso con gli altri componenti della Giunta le iniziative di di critica della riforma e del modello di magistrato che proponeva.


Mi sono sempre interessato al tema dell’immigrazione, fin dalla costituzione del primo gruppo di studio sul tema all’interno di Magistratura democratica; partecipo a incontri sulla tutela dei diritti delle persone senza fissa dimora organizzati dall’associazione Avvocato di Strada; sono iscritto all’associazione Giuristi Democratici, un ulteriore luogo di confronto con altri operatori del diritto.

17/07/2022

Articoli Correlati

2'MD

La cultura organizzativa (presa sul serio)


Raffaello Magi affronta la “questione tabellare” nella prospettiva del benessere organizzativo, da intendere non come rituale enunciazione ma come elemento di costruzione, negli uffici giudiziari, di una comunità.

2'MD

L'essenza del lavoro del giudice e la deriva aziendalistica


Anna Mori affronta il tema delle caratteristiche essenziali del lavoro giurisdizionale, poste a confronto con richieste di “performance” e derive aziendalistiche.

2'MD

Il giudice riflessivo (non isolato, non “stella”)


Gaetano Campo ci parla della complessità del lavoro giurisdizionale, che richiede al magistrato una dimensione collettiva e di confronto, opposta rispetto alle derive verso l’isolamento o verso la ricerca di personale visibilità.

2'MD

Il lavoro in Consiglio giudiziario


Domenica Miele parla del lavoro in Consiglio giudiziario e del senso della rappresentanza istituzionale dei magistrati.

Elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura

I candidati di Magistratura democratica al CSM


Sono stati presentati, nel corso di una conferenza stampa presso la Fondazione ‘Lelio e Lisli Basso’ a Roma, i candidati di Magistratura democratica per le prossime elezioni dei membri togati del Consiglio Superiore della Magistratura (domenica 18 e lunedì 19 settembre 2022).