Raffaello Magi

I candidati al Consiglio Superiore della Magistratura

Raffaello Magi

Candidato nel Collegio unico di legittimità per Magistratura democratica


Sono magistrato dal 1993.


Ho lavorato sino al 2012 al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, con funzioni di componente del collegio penale, Gip, giudice a latere in Corte di assise (dove sono stato estensore di rilevanti sentenze in processi di criminalità organizzata, tra cui quella del maxiprocesso Spartacus 1 al c.d. clan dei casalesi a carico di 125 imputati) e presidente del collegio per l’applicazione delle misure di prevenzione negli anni 2009-2012.


Dal 2013 sono consigliere presso la Corte di Cassazione, prima sezione penale, dove mi sono occupato, quale relatore, di numerosi casi di omicidio, di processi di criminalità organizzata, tra cui quello relativo all’operazione Crimine sulle cosche di ‘ndrangheta della provincia di Reggio Calabria, di ricorsi in materia di misure di prevenzione e in tema di ordinamento penitenziario. 


In nove occasioni sono stato estensore di ordinanze di rimessione alle Sezioni Unite e in tre di ordinanze di rimessione alla Corte Costituzionale (la decisione di accoglimento n. 99 del 2019 ha comportato la possibilità di applicazione della detenzione domiciliare ai soggetti portatori di patologìe psichiche). 


Sono stato per un triennio componente del Gruppo di attuazione del Protocollo di intesa tra Corte di Cassazione e CEDU. 


Mi sono dedicato ad attività formative e di produzione scientifica in ambito penale e processuale, tenendo oltre sessanta relazioni tematiche tra formazione centrale e decentrata e pubblicando quarantadue tra articoli, saggi e monografie. Ho pubblicato, nel 2011, il libro “Dentro la giustizia” (Ed. L’ancora del mediterraneo).


Sono stato componente del Consiglio giudiziario di Napoli dal 2008 al 2012.


Ho fatto parte delle commissioni ministeriali Riccio, Fiandaca, Ruotolo, e del gruppo attuazione delega Cartabia, su temi di riforma del sistema processuale, della legislazione in tema di criminalità organizzata e dell’ordinamento penitenziario. 

17/07/2022

Articoli Correlati

2'MD

La cultura organizzativa (presa sul serio)


Raffaello Magi affronta la “questione tabellare” nella prospettiva del benessere organizzativo, da intendere non come rituale enunciazione ma come elemento di costruzione, negli uffici giudiziari, di una comunità.

2'MD

L'essenza del lavoro del giudice e la deriva aziendalistica


Anna Mori affronta il tema delle caratteristiche essenziali del lavoro giurisdizionale, poste a confronto con richieste di “performance” e derive aziendalistiche.

2'MD

Il giudice riflessivo (non isolato, non “stella”)


Gaetano Campo ci parla della complessità del lavoro giurisdizionale, che richiede al magistrato una dimensione collettiva e di confronto, opposta rispetto alle derive verso l’isolamento o verso la ricerca di personale visibilità.

2'MD

Il lavoro in Consiglio giudiziario


Domenica Miele parla del lavoro in Consiglio giudiziario e del senso della rappresentanza istituzionale dei magistrati.

Elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura

I candidati di Magistratura democratica al CSM


Sono stati presentati, nel corso di una conferenza stampa presso la Fondazione ‘Lelio e Lisli Basso’ a Roma, i candidati di Magistratura democratica per le prossime elezioni dei membri togati del Consiglio Superiore della Magistratura (domenica 18 e lunedì 19 settembre 2022).