Domenica Miele

I candidati al Consiglio Superiore della Magistratura

Domenica Miele

Candidata nel Collegio 3 (giudici del merito) per Magistratura democratica


Sono in magistratura dal 1986: sono stata pretore mandamentale poi pretore circondariale; giudice tutelare e magistrato coordinatore della sezione distaccata di Afragola; giudice monocratico e collegiale a Napoli; giudice monocratico penale, giudice tutelare e magistrato coordinatore della sezione distaccata di Pozzuoli; giudice penale e magistrato coordinatore della sezione stralcio di Napoli; presidente di sezione a Napoli Nord e coordinatore del settore penale di quel tribunale. 


Ora sono presidente di sezione penale della Corte di Appello di Napoli. 


In trentasei anni di servizio sempre e soltanto nella giurisdizione, sono anche stata componente della commissione flussi presso il Consiglio Giudiziario di Napoli dal 2008 al 2012; componente del Consiglio Giudiziario di Napoli dal 2012 al 2016, periodo nel quale ho presieduto in periodi successivi la commissione flussi, la commissione regolamento e il Comitato Pari Opportunità.


Da sempre iscritta alla ANM e a Magistratura democratica, ho sempre partecipato attivamente alla vita associativa pur non avendo mai ricoperto alcuna carica.


Credo che il nostro lavoro non si esaurisca in quello giurisdizionale in senso stretto, ma che sia essenziale la partecipazione alla vita e all'organizzazione dell'ufficio, perché solo attraverso il confronto e con il contributo di tutti si può crescere e si possono trovare soluzioni per rendere effettiva la risposta di giustizia che siamo chiamati a dare. 


E la definizione di “presidente operaio” che molti usano per definirmi, mi inorgoglisce perché penso che questa sia l'essenza della partecipazione, essere e mettersi realmente a servizio della comunità di cui si fa parte, con l'unico obiettivo di rendere effettiva la tutela dei diritti.

17/07/2022

Articoli Correlati

2'MD

La cultura organizzativa (presa sul serio)


Raffaello Magi affronta la “questione tabellare” nella prospettiva del benessere organizzativo, da intendere non come rituale enunciazione ma come elemento di costruzione, negli uffici giudiziari, di una comunità.

2'MD

L'essenza del lavoro del giudice e la deriva aziendalistica


Anna Mori affronta il tema delle caratteristiche essenziali del lavoro giurisdizionale, poste a confronto con richieste di “performance” e derive aziendalistiche.

2'MD

Il giudice riflessivo (non isolato, non “stella”)


Gaetano Campo ci parla della complessità del lavoro giurisdizionale, che richiede al magistrato una dimensione collettiva e di confronto, opposta rispetto alle derive verso l’isolamento o verso la ricerca di personale visibilità.

2'MD

Il lavoro in Consiglio giudiziario


Domenica Miele parla del lavoro in Consiglio giudiziario e del senso della rappresentanza istituzionale dei magistrati.

Elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura

I candidati di Magistratura democratica al CSM


Sono stati presentati, nel corso di una conferenza stampa presso la Fondazione ‘Lelio e Lisli Basso’ a Roma, i candidati di Magistratura democratica per le prossime elezioni dei membri togati del Consiglio Superiore della Magistratura (domenica 18 e lunedì 19 settembre 2022).