Paolo Ramondino

I candidati al Consiglio Superiore della Magistratura

Paolo Ramondino

Candidato nel Collegio 4 (giudici del merito) per Magistratura democratica


Ho seguito i miei ideali entrando in magistratura nel 1999.


A Reggio Calabria sono stato giudice dibattimentale e componente del Tribunale del riesame e della Sezione misure di prevenzione; a seguire, giudice del lavoro e giudice tutelare e poi di nuovo giudice dibattimentale. 


Nel 2005 sono stato eletto componente del Consiglio giudiziario.


Sono stato Gip-Gup fino al gennaio 2010, sempre a Reggio Calabria, in un ufficio con competenza distrettuale chiamato a fronteggiare, nonostante scoperture di organico importanti, carichi di lavoro gravosi; in seguito e fino al febbraio 2017, presso il Tribunale di Palmi.


Ho poi deciso di cambiare nuovamente funzioni, trasferendomi al Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria.


Il contatto con il margine sociale, con la deprivazione affettiva e materiale, con la disperazione dei migranti che sfidano le rotte del Mediterraneo, con il disagio esistenziale che si annida anche nelle famiglie di 'ndrangheta non può lasciare indifferenti: interpella le coscienze e le spinge ad agire attivando risorse sconosciute o sopite.


Il giudice minorile, contaminato da saperi diversi, è un magistrato che si apre al mondo, interagisce con la società civile, immagina e attua percorsi di legalità, di liberazione e riscatto individuale avendo come stella polare l'interesse preminente del minore.


All’attività giurisdizionale ho affiancato collaborazioni sempre vissute come coessenziali al lavoro: ho contribuito alla nascita della Camera minorile di Palmi e alla formazione degli aspiranti curatori speciali e tutori; ho incontrato centinaia di studenti e raccontato le storie tanto drammatiche quanto edificanti conosciute grazie al protocollo d'intesa "Liberi di scegliere", siglato dal Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria con Libera, per offrire ai minori cresciuti in contesti di 'ndrangheta e alle loro famiglie (in particolare alle madri) una possibile alternativa di vita.

17/07/2022

Articoli Correlati

2'MD

La cultura organizzativa (presa sul serio)


Raffaello Magi affronta la “questione tabellare” nella prospettiva del benessere organizzativo, da intendere non come rituale enunciazione ma come elemento di costruzione, negli uffici giudiziari, di una comunità.

2'MD

L'essenza del lavoro del giudice e la deriva aziendalistica


Anna Mori affronta il tema delle caratteristiche essenziali del lavoro giurisdizionale, poste a confronto con richieste di “performance” e derive aziendalistiche.

2'MD

Il giudice riflessivo (non isolato, non “stella”)


Gaetano Campo ci parla della complessità del lavoro giurisdizionale, che richiede al magistrato una dimensione collettiva e di confronto, opposta rispetto alle derive verso l’isolamento o verso la ricerca di personale visibilità.

2'MD

Il lavoro in Consiglio giudiziario


Domenica Miele parla del lavoro in Consiglio giudiziario e del senso della rappresentanza istituzionale dei magistrati.

Elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura

I candidati di Magistratura democratica al CSM


Sono stati presentati, nel corso di una conferenza stampa presso la Fondazione ‘Lelio e Lisli Basso’ a Roma, i candidati di Magistratura democratica per le prossime elezioni dei membri togati del Consiglio Superiore della Magistratura (domenica 18 e lunedì 19 settembre 2022).