Valerio Savio

I candidati al Consiglio Superiore della Magistratura

Valerio Savio

Candidato nel Collegio 2 (giudici del merito) per Magistratura democratica


Sono in Magistratura dal 1987, la professione che ho scelto e che sceglierei ancora (ma mi sarebbe piaciuto fare il giornalista). 


Ho sempre e solo lavorato in primo grado: pretore a Riesi (Caltanissetta) nel 1989; poi pretore del lavoro a Caltanissetta, pubblico ministero a Sulmona, pretore penale a Roma, giudice del dibattimento penale monocratico e collegiale (e per un triennio anche della prevenzione); ora sono Gip/Gup distrettuale a Roma.


Ho trovato ovunque qualcosa di cui appassionarmi. A Riesi riassestare una Pretura congelata da dieci anni. A Caltanissetta affermare in quella sede norme e prassi processuali rimaste sulla carta dal 1973 e l’affrontare l’industria di ciò che ruotava intorno all’INPS ed alle cause per le pensioni di invalidità. A Sulmona svolgere attività di coordinamento investigativo in materia di reati ambientali ed edilizi e sulla sicurezza del lavoro. Alla Pretura di Roma proporre insieme a un’intera Sezione prassi virtuose di gestione dei ruoli e delle udienze inedite a piazzale Clodio. 


Sono seguite le esperienze della maturità, al dibattimento e alla Sezione Gip/Gup.   


Magistratura democratica è il mio gruppo sin dall’ingresso in Magistratura: anzi, sin da quando MD la leggevo sui giornali o la incontravo all’Università.


Ho sempre creduto doveroso svolgere una quota del “lavoro sociale” che c’è da fare in Magistratura: ho lavorato per quattro bienni nei Consigli giudiziari di tre distinti distretti (Caltanissetta, L’Aquila, Roma), in ANM sono stato in Giunta a Roma e per quattro anni nella Giunta Esecutiva Centrale. 


Esperienze intense, che mi hanno arricchito, perché l’ANM è luogo di mediazione, confronto e sintesi con chi ha sensibilità diverse dalle tue, e non sono mai stato capace di chiudermi nel mio gruppo. 


Dovessi essere eletto, non sono in condizione di garantire alcun risultato, ma solo che farò del mio meglio.

17/07/2022

Articoli Correlati

2'MD

La cultura organizzativa (presa sul serio)


Raffaello Magi affronta la “questione tabellare” nella prospettiva del benessere organizzativo, da intendere non come rituale enunciazione ma come elemento di costruzione, negli uffici giudiziari, di una comunità.

2'MD

L'essenza del lavoro del giudice e la deriva aziendalistica


Anna Mori affronta il tema delle caratteristiche essenziali del lavoro giurisdizionale, poste a confronto con richieste di “performance” e derive aziendalistiche.

2'MD

Il giudice riflessivo (non isolato, non “stella”)


Gaetano Campo ci parla della complessità del lavoro giurisdizionale, che richiede al magistrato una dimensione collettiva e di confronto, opposta rispetto alle derive verso l’isolamento o verso la ricerca di personale visibilità.

2'MD

Il lavoro in Consiglio giudiziario


Domenica Miele parla del lavoro in Consiglio giudiziario e del senso della rappresentanza istituzionale dei magistrati.

Elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura

I candidati di Magistratura democratica al CSM


Sono stati presentati, nel corso di una conferenza stampa presso la Fondazione ‘Lelio e Lisli Basso’ a Roma, i candidati di Magistratura democratica per le prossime elezioni dei membri togati del Consiglio Superiore della Magistratura (domenica 18 e lunedì 19 settembre 2022).