Che cosa è più importante per i magistrati e per l’Anm?

Comunicati

Che cosa è più importante per i magistrati e per l’Anm?


Oggi il Cdc dell’Anm avrebbe dovuto affrontare alcuni temi di stretta attualità e particolarmente delicati. 


Oltre alle valutazioni in ordine alla proposta di aumentare l’età pensionabile dei magistrati a 72 anni, erano stati inseriti punti relativi:

-        alla richiesta al Ministero della Giustizia di stabilizzare i funzionari Upp;

-        alla richiesta al Csm di attivarsi per adottare la disciplina dei carichi esigibili;

-        alle iniziative da adottare in seguito all’anticipazione dell’entrata in vigore dell’obbligo di deposito telematico dei provvedimenti e dei verbali di udienza (proponente il gruppo di Upc);

-        alle valutazioni dell’Anm a seguito della tragedia di Cutro (proponente il gruppo di Area);

-        alla modifica della disciplina sulla trattazione da remoto delle sedute del Cdc (proponenti A&I e Lista 101).


Alla precedente seduta era stato unanimemente concordato di riservare una seduta apposita, già fissata al 18 marzo prossimo, alla trattazione dei numerosi disciplinari e iniziarne comunque la trattazione nella giornata di domani se fossero stati esauriti i punti precedenti, diversi dal disciplinare.


A prescindere da tale accordo, basta leggere i punti predetti per comprendere, senza grandi difficoltà, quanto fosse urgente la trattazione, senza alcun pregiudizio per i diritti degli incolpati, che sapevano già dall’ultima seduta che la trattazione sarebbe cominciata il 5 marzo per proseguire, se necessario, il 18 marzo.


A sorpresa, su proposta di Alessandra Maddalena, vicepresidente della Gec e rappresentate di Unicost, tutti i gruppi (MI, Unicost, Area, A&I, Lista 101, pur con un paio di astensioni) hanno votato per posporre la trattazione dei punti che gli stessi gruppi avevano proposto, tutti con richiesta di trattazione urgente, gli ultimi due, addirittura, fra il 2 e il 3 marzo.


Solo i tre componenti che aderiscono a Magistratura Democratica hanno argomentato e insistito non solo per rispettare l’accordo, ma soprattutto per trattare come previsto quei punti che sono davvero qualificanti l’azione dell’Anm, perché incidono sul lavoro quotidiano dei magistrati o toccano temi fondamentali, come quelli drammaticamente venuti alla ribalta (se mai se ne fossero allontanati) dopo il naufragio di Cutro. Nonostante ciò la proposta è stata approvata con soli quattro voti contrari.


Il risultato è che il Cdc si occuperà solo di procedimenti disciplinari, sicuramente rilevanti, dei quali tuttavia, anche a seguito delle singolari determinazioni in materia di tutela della riservatezza, non sarà dato ad alcuno conoscere l’esito, neppure se sfavorevole, indipendentemente dalla gravità delle condotte accertate. Con la conseguenza, anch’essa davvero singolare, che l’Anm è probabilmente l’unica associazione in cui i soci non conoscono l’esito dei procedimenti disciplinari, anche su gravi condotte, che riguardano i colleghi associati.


Ci si concentra così su un rito che è stato quasi svuotato di significato, e non si parla né si parlerà di argomenti scottanti, sia per il lavoro quotidiano dei magistrati, come l’ufficio per il processo e la determinazione dei carichi esigibili, nonché la disciplina del processo civile, sia per temi di rilevanza e interesse pubblico, la tragedia dei migranti e del mancato soccorso, temi su cui da sempre l’Anm ha fatto sentire la sua voce.


E il paradosso è che quegli stessi gruppi che avevano chiesto l’inserimento urgente si sono nei fatti rimangiati la richiesta, così rivelandone la strumentalità.


Dal paradosso di un comportamento dei gruppi che hanno così rinunciato a trattare le questioni rilevanti per ciascun magistrato e per la Magistratura nella sua posizione tra le istituzioni e nella società, vorremmo che invece si ritornasse a una centralità dell’Anm e della Magistratura su questi temi.

 

Il Gruppo di Magistratura Democratica in Cdc

04/03/2023

Articoli Correlati

Comunicati

Carcere e gravidanza


È di questi giorni la notizia di una giovane donna tunisina, tratta in arresto a novembre per possesso di stupefacente, sottoposta a custodia cautelare presso la Casa circondariale di Sollicciano, in stato di gravidanza e costretta dopo quattro mesi ad abortire per motivi di salute.

Giornata internazionale delle donne in magistratura, 10 Marzo 2024

MEDEL celebra la Giornata del 10 Marzo, sottolineando ancora una volta l'impegno delle donne per la giustizia e per lo Stato di diritto.


Ovunque, le donne hanno portato un cambiamento democratico all'interno dei sistemi giudiziari: una nuova idea di uguaglianza che ha favorito il progresso della cultura dei diritti; una nuova concezione dell'apertura e della rappresentatività - e una maggiore legittimità democratica - dei sistemi giudiziari in tutto il mondo.

Comunicati

Sulla designazione del Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura, guardando avanti


La designazione dei componenti del Comitato direttivo della Scuola Superiore della Magistratura da parte del CSM giunge con ritardo rispetto alle scadenze fissate dal calendario istituzionale ed è stata preceduta da forti rilievi critici sulla trasparenza della procedura seguita. Le preoccupazioni espresse in corso di procedura – che erano alla base delle critiche – non hanno trovato adeguate risposte nelle motivazioni della delibera poi approvata a maggioranza dal Plenum (soprattutto per quanto riguarda la delibera relativa ai componenti provenienti dalla magistratura, che è stata approvata a maggioranza, con sei voti contrari e due astensioni).

Comunicati

Libertà costituzionali e ordine pubblico


Ieri mattina, a Pisa, reparti della Polizia di Stato in assetto antisommossa hanno impedito a un corteo di studenti riunitosi in via San Frediano, davanti al liceo artistico Russoli, per una manifestazione di solidarietà nei confronti della popolazione palestinese, di accedere a piazza dei Cavalieri, adottando la cosiddetta “carica di alleggerimento” nel corso della quale diversi manifestanti sono stati colpiti con manganellate e  hanno subìto lesioni personali.

Comunicati

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti


Ormai non è in gioco solo la dignità dei detenuti, si tratta di preservare la loro stessa vita.