Comunicato del Consiglio nazionale di Magistratura democratica 1° dicembre 2023

Comunicati

Comunicato del Consiglio nazionale di Magistratura democratica 1° dicembre 2023


Negli ultimi giorni Magistratura democratica è stata oggetto di gravi attacchi da parte di esponenti di primo piano del governo e dei media. Magistratura democratica è stata accusata di avere coltivato “scopi cospirativi” e di voler svolgere un ruolo di “opposizione giudiziaria”.


Magistratura democratica respinge con fermezza tali accuse. Magistratura democratica è un’associazione di magistrati, senza legami con alcun partito e senza ambizioni di condizionare in alcun modo il libero confronto delle rappresentanze politiche. 


Oggetto della nostra riflessione sono i princìpi, i meccanismi istituzionali e le garanzie con le quali gli ordinamenti giuridici e i sistemi legali disegnano il rapporto tra Stati e cittadinanza (Rule of Law).


Oggetto della nostra riflessione è la tutela dei diritti fondamentali della persona; diritti di cui sono “padroni” gli esseri umani in quanto tali e non le contingenti maggioranze politiche. 


Di fronte ad essi anche l’autorità della legge incontra dei limiti, trattandosi di diritti riconosciuti fondamentali e inviolabili dalla Costituzione, dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e da altre fonti UE, dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo.


Oggetto della nostra riflessione è l’attività di interpretazione del diritto. Attività che – sempre nella rigorosa fedeltà al testo – deve costantemente interpellare la lettera della legge, con il metro dei principi scolpiti dalla Costituzione e dalle fonti sovranazionali (che in taluni casi pongono come dovere la disapplicazione della legge non conforme al diritto UE). Siamo giudici italiani; ma siamo anche giudici europei.


Oggetto della nostra riflessione è l’osservazione e l’ascolto della domanda di giustizia che proviene dal mondo in cui viviamo; domanda alla quale – come magistrati associati – proviamo ad offrire una risposta di giustizia, elaborata sul metro delle promesse della Costituzione repubblicana e in coerenza con il dovere di offrire speciale protezione alle persone e alle comunità in condizioni di svantaggio (dovere che l’art. 3, secondo comma, della Costituzione impone a tutte le istituzioni della Repubblica).


Magistratura democratica si impegna sul terreno della riflessione giuridica e dell’associazionismo giudiziario per ottenere un solo risultato: far sì che i diritti fondamentali affermati dalla Costituzione e dalle fonti sovranazionali non siano diritti teorici ed illusori, ma concreti ed effettivi. 


Con questo spirito e questi obiettivi lavoriamo negli uffici giudiziari e teniamo viva la nostra associazione. Lo facciamo in modo pubblico e del tutto trasparente, secondo le modalità previste dallo statuto che è liberamente accessibile sul nostro sito, così come lo sono gli esiti e in molti casi anche le registrazioni delle nostre riunioni, tra le quali il recente congresso tenuto a Napoli dal 10 al 12 novembre 2023. La pubblicità del nostro agire è la miglior confutazione delle accuse di trame cospirative.


L’aggressione politico-mediatica che ci ha investito non ha dunque alcuna giustificazione ma vorrebbe costringerci a rendere conto di una libertà, quella di associarsi e di riunirsi, prevista dalla Costituzione per ogni cittadino e che noi cerchiamo di usare per contribuire alla costruzione di quel percorso sociale e giuridico previsto dagli articoli 2 e 3 della nostra Costituzione.


Non intendiamo rispondere a questa provocazione. Rivendichiamo la nostra indipendenza dal potere politico, la nostra libertà di pensiero e il nostro impegno giuridico, non solo come un diritto ma soprattutto come un obbligo costituzionale: quello di interpretare l’esercizio della giurisdizione, che è soggetta solo alla legge e ha l’obbligo di rispettare la gerarchia tra fonti sovranazionali e fonti nazionali, sempre di più nel senso della reale e migliore attuazione dei diritti umani e universali di ogni persona.

 

Il Consiglio nazionale di Magistratura democratica

1° dicembre 2023 

02/12/2023

Articoli Correlati

Comunicati

Disciplinare a tutti i costi


Poco più di un anno fa il ministro Nordio chiese alla Procura Generale di promuovere un’azione disciplinare nei confronti di un collegio di giudici di Milano che avevano sostituito la misura della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di un cittadino russo, poi evaso.

Comunicati

Domani potrebbe essere qualunque magistrato


Il Consiglio superiore della magistratura ha deliberato di non riconoscere la settima valutazione di professionalità a Emilio Sirianni. 

Comunicati

La Festa della Repubblica, i pericoli per la Repubblica


Il 2 giugno 1946 gli italiani e, per la prima volta, le italiane andarono alle urne e scelsero la Repubblica. Le frontiere di questa nuova patria erano state tracciate dalla Resistenza e furono poi messe in sicurezza dalla Costituzione. Non si tratta dei confini territoriali, perché la Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo si è da subito dichiarata terra d’asilo per tutti gli stranieri ai quali nei paesi di origine è impedito l’esercizio delle libertà democratiche e ha consentito le limitazioni di sovranità necessarie a creare un ordinamento internazionale di pace e giustizia. Due guerre mondiali avevano insegnato che ogni frammento della Terra doveva essere casa per qualsiasi essere umano.

Comunicati

Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari


Abbiamo appreso, da organi di stampa, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ha richiesto, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, gli atti del procedimento che ha condotto, tra l’altro, all’applicazione di una misura custodiale domiciliare nei confronti del Presidente della Giunta della Regione Liguria. 

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.