Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari

Comunicati

Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari


Abbiamo appreso, da organi di stampa, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ha richiesto, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, gli atti del procedimento che ha condotto, tra l’altro, all’applicazione di una misura custodiale domiciliare nei confronti del Presidente della Giunta della Regione Liguria. 


Abbiamo appreso, inoltre, che la stessa Commissione parlamentare antimafia ha convocato il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Genova, affinché riferisca su fatti relativi a quella stessa, delicata, indagine giudiziaria che risulta essere tuttora in corso.


Certi che il rispetto reciproco tra le istituzioni coinvolte sarà la cifra che caratterizzerà lo scambio di informazioni, non è inutile rammentare che il compito delle Commissioni parlamentari di inchiesta non è quello di “giudicare”, né di sostituirsi alla magistratura, nell’attività di accertamento dei fatti.


Il potere d’inchiesta parlamentare, per sua fisionomia, ha infatti natura squisitamente politica, attraverso cui le Camere procedono all’acquisizione di informazioni, notizie e altri dati utili all’esercizio delle funzioni proprie del Parlamento, quali sono quella legislativa e di controllo sull’attività del Governo. Tuttavia, il potere di inchiesta parlamentare, in ragione della composizione delle Commissioni parlamentari di inchiesta, è anche esposto al rischio di essere potenzialmente interpretato come strumento “di parte” e “di maggioranza”. “L’esclusivo scopo della commissione d’inchiesta – secondo le parole offerte dalla Corte costituzionale, con la sentenza n. 231/1975 – è quello di mettere a disposizione del Parlamento elementi utili affinché questo possa deliberare la propria linea di condotta sia promuovendo opportune misure legislative sia invitando il Governo ad adottare, per quanto di sua competenza, provvedimenti opportuni”. Sulla stessa linea di equilibrio costituzionale si mosse nel 2019 il Presidente della Repubblica nel promulgare la legge istitutiva della Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario e finanziario, allorché ricordò che «è precluso all’organo parlamentare l’accertamento delle modalità di esercizio della funzione giurisdizionale».


Siamo fiduciosi che tutti gli attori istituzionali, in uno spirito di leale collaborazione, sapranno contemperare le esigenze e le prerogative parlamentari con quelle di autonomia e indipendenza della magistratura.


È infatti indispensabile che si confermi in ogni passaggio istituzionale – ma anche nella comunicazione mass-mediatica – l’assenza di qualunque interferenza parlamentare nelle scelte esclusive del pubblico ministero. 


Ciò è tanto più necessario oggi, in una contingenza politica in cui alto è il rischio che gli effetti nefasti della annunciata separazione delle carriere, incomincino a fare breccia culturale in un’opinione pubblica persuasa che il pubblico ministero possa essere chiamato a rendere conto al Parlamento delle sue iniziative giudiziarie.

 

L’Esecutivo di Magistratura democratica

29/05/2024

Articoli Correlati

Comunicati

Disciplinare a tutti i costi


Poco più di un anno fa il ministro Nordio chiese alla Procura Generale di promuovere un’azione disciplinare nei confronti di un collegio di giudici di Milano che avevano sostituito la misura della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di un cittadino russo, poi evaso.

Comunicati

Domani potrebbe essere qualunque magistrato


Il Consiglio superiore della magistratura ha deliberato di non riconoscere la settima valutazione di professionalità a Emilio Sirianni. 

Comunicati

La Festa della Repubblica, i pericoli per la Repubblica


Il 2 giugno 1946 gli italiani e, per la prima volta, le italiane andarono alle urne e scelsero la Repubblica. Le frontiere di questa nuova patria erano state tracciate dalla Resistenza e furono poi messe in sicurezza dalla Costituzione. Non si tratta dei confini territoriali, perché la Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo si è da subito dichiarata terra d’asilo per tutti gli stranieri ai quali nei paesi di origine è impedito l’esercizio delle libertà democratiche e ha consentito le limitazioni di sovranità necessarie a creare un ordinamento internazionale di pace e giustizia. Due guerre mondiali avevano insegnato che ogni frammento della Terra doveva essere casa per qualsiasi essere umano.

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.

Nota della Presidente di Magistratura democratica

Gli effetti dell’allargamento dell’elenco dei “Paesi sicuri”


La Presidente di Magistratura democratica, Silvia Albano, ha diffuso una nota in cui si spiegano gli effetti pratici del decreto ministeriale 7 maggio 2024 con il quale è stato allargato l’elenco dei Paesi sicuri a ulteriori Paesi (indicati all’inizio del testo), includendo così i Paesi di origine da cui proviene la maggioranza dei migranti.