Md aderisce all'iniziativa della CILD

No al Muslim Ban

Md aderisce all'iniziativa della CILD

di Esecutivo di Magistratura Democratica

ROMA - Magistratura Democratica, aderisce all'iniziativa della CILD (Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti Civili) No al muslim ban. Dopo l’ordine del presidente Trump che vieta l’accesso a rifugiati e musulmani negli USA, la CILD convoca un sit-in della società civile giovedì 2 febbraio alle 17, davanti all’Ambasciata USA a Roma, in via Vittorio Veneto 121.

Le altre adesioni: A Buon Diritto, Amnesty International Italia, Antigone, ARCI, Arcigay, ASGI, Associazione 21 luglio, Atletico Diritti, Avvocati per Niente, Baobab Experience, Casetta Rossa spa, Certi Diritti, Cipsi, CIR, Cittadinanzattiva, Cittadini del Mondo, Comitato 3 Ottobre, Confronti, Cospe, K_Alma, Fuoriluogo, Green Italia, LasciateCIEntrare, Lunaria, Possibile, Progetto Diritti Onlus, Radicali Italiani, Rete #NoBavaglio, Sinistra Italiana, UCOII – Unione delle Comunità Islamiche d’Italia.

Info: http://www.cilditalia.org

Foto di copertina: Lorie Shaull (CC BY-SA 2.0)

02/02/2017

Articoli Correlati

L'inabissarsi dei diritti fondamentali

Un mare di vergogna

Venerdì 1 e sabato 2 ottobre 2021, a Reggio Calabria, si terrà il convegno organizzato da Magistratura democratica, in collaborazione con A.S.G.I., dedicato alle violazioni dei diritti umani fondamentali dei migranti, persone vulnerabili in movimento: dai respingimenti informali alle omissioni di soccorso.

venerdì 26 marzo 2021, ore 16:30/19:00

In mezzo al fango e alla neve: la rotta balcanica fuori e dentro i tribunali

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 26 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Rotta balcanica.

Una recente decisione del Tribunale di Napoli

Giudici e immigrazione, diritto e non pregiudizio

Un quotidiano attacca la decisione che riconosce la protezione umanitaria per l'emergenza sanitaria nel paese d'origine e accusa il tribunale di Napoli di usare la pandemia come una scusa per "spalancare i porti ai migranti". E la stessa sorte tocca alla nota che commenta il provvedimento. I diritti, però, non possono piegarsi a logiche politiche o di propaganda.

Lavoro e immigrazione

La regolarizzazione dei lavoratori irregolari: una misura urgente e opportuna

Regolarizzare i lavoratori stranieri che versano in condizioni di illegalità, per contribuire al controllo della diffusione della pandemia e restituire piena dignità al lavoro, nel rispetto della legalità e favorendo il contrasto a tutte le mafie

Immigrazione

Memorandum con la Libia e rispetto del diritto internazionale

Sulla base di questo accordo, l’Italia continua a finanziare i centri di detenzione e la Guardia costiera libica, proseguendo nella politica di esternalizzazione delle frontiere e rischiando, così, di aumentare sempre più i pericoli cui sono esposte le persone vulnerabili che attraversano quel paese.