Assistenza alle persone di Palestina

Onu

Assistenza alle persone di Palestina

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Leggi il testo della risoluzione

di LUIGI MARINI

Ancora una volta la EU si è fatta promotrice di una risoluzione che supporta gli interventi di assistenza al popolo palestinese. 

Non si tratta di una risoluzione concentrata soltanto sugli aspetti umanitari e logistici, ma ribadisce l`urgenza di assicurare alla persone di Palestina le libertà fondamentali, a partire da quelle di spostamento sul territorio e di accesso a fonti di reddito.

E` stato l`Ambasciatore italiano, Sebastiano Cardi (foto), a illustrare il 19 Dicembre 2014 in Assemblea generale il senso e i contenuti della risoluzione.In allegato è disponibile il testo inviato in Assemblea dalla Seconda Commissione e poi approvato senza voto, in quanto quello ufficiale non è ancora disponibile.

Come si comprende dal testo, la risoluzione ha, purtroppo, molti precedenti e quanto sta accadendo lascia prevedere che nei prossimi anni l`Assemblea dovrà occuparsi del medesimo problema in termini molto simili.

(9/01/2015)
09/01/2015

Articoli Correlati

mercoledì 9 giugno 2021, ore 17:00/19:00

La Palestina, i Palestinesi: giustizia, pace e libertà

A partire dalle ore 17:00 di mercoledì 9 giugno 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Palestina, tra giustiziapacelibertà.

Il carcere, il virus e noi

Per una penalità umana, diversa e differenziata

Anche nell’attuale situazione di grave crisi sanitaria restano numerosi i detenuti che scontano pene irrisorie, non potendo accedere ad alternative al carcere soltanto perché privi di risorse, a partire da un’abitazione. Queste condizioni di marginalità sociale, troppo frequenti nel carcere, impongono di immaginare una penalità diversa e differenziata, a partire dalla struttura dei reati e dalle ipotesi di sanzione, per arrivare a modelli penitenziari alternativi alla prigione. Rispondere solo con le parole "più carcere" e "più carceri’" significa, infatti, chiudere gli occhi davanti ad una realtà, qual è quella attuale, che troppo spesso vede le prigioni soltanto come luoghi per immagazzinare corpi, senza concrete e realistiche possibilità di risocializzazione.

Una recente decisione del Tribunale di Napoli

Giudici e immigrazione, diritto e non pregiudizio

Un quotidiano attacca la decisione che riconosce la protezione umanitaria per l'emergenza sanitaria nel paese d'origine e accusa il tribunale di Napoli di usare la pandemia come una scusa per "spalancare i porti ai migranti". E la stessa sorte tocca alla nota che commenta il provvedimento. I diritti, però, non possono piegarsi a logiche politiche o di propaganda.

MEDEL

Sulle misure di emergenza per la pandemia da Covid-19

Mai, come in un periodo di emergenza, deve essere mantenuto un elevato livello di vigilanza e controllo sulle violazioni dei diritti e delle libertà fondamentali. Da parte di tutti: Istituzioni politiche, tribunali e intera comunità giuridica europea

Giudici e politica

Sull’intervista di Antonello Racanelli

Nell’intervista al segretario di Magistratura Indipendente la prospettiva fuorviante dell’apoliticità, coniugata a una sostanziale omogeneità alle posizioni della maggioranza di governo

Il “caso Battisti”

Propaganda e spettacolarizzazione di una consegna

Condividiamo le preoccupazioni espresse dall’UCPI e dall’Associazione Antigone per la violazione dei più elementari principi di civiltà giuridica, che impongono il rispetto della dignità delle persone detenute

Immigrazione

Guglielmi: Europa e nostro Paese tornino ad essere fedeli ai propri valori

Cosa resterà dei principi che la Carta dei diritti fondamentali dell’Ue ha proclamato indivisibili e universali?

Immigrazione

Md: Nave Diciotti, un’ulteriore grave violazione della Costituzione

Il blocco dei migranti a bordo dell’imbarcazione suscita interrogativi sui poteri del ministro dell’Interno