Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Presentazione del libro di Livio Pepino e Nello Rossi

Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Le Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria di Magistratura democratica organizzano, per il 30 gennaio 2021, un incontro di presentazione via Teams del libro di Livio Pepino e Nello Rossi e, nel solco di una tradizione di apertura alla società, sono liete di invitare quanti siano interessati a partecipare all'evento.

Il 30 gennaio 2021, alle ore 15.30, su piattaforma Teams, gli iscritti delle Sezioni di Magistratura democratica di Catanzaro e di Reggio Calabria incontreranno i colleghi Livio Pepino e Nello Rossi per discutere in merito ai contenuti della loro più recente iniziativa editoriale: "Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo" (Edizioni Gruppo Abele, 2019).

Sarà il Segretario della Sezione di Catanzaro, Emilio Sirianni, a stimolare la discussione con gli autori, a conclusione della quale verrà assicurato un ampio spazio per quanti vorranno intervenire.

Il tema della dialettica autorità-libertà, mai come in questo momento di estrema attualità, in presenza di preoccupanti tendenze ad uno sbilanciamento dell’equilibrio in favore della prima, con evidente rischio per la tenuta del modello dello stato di diritto, è affrontato da Pepino e Rossi ricorrendo ai personaggi della tragedia di Sofocle, che ci insegnano come, a distanza di oltre due millenni, l’uomo manifesta le medesime passioni, incorre negli stessi errori ed è guidato da vizi e da virtù che si ripropongono con analoghe fattezze, a testimonianza che la storia non è altro che la riproposizione di cicli, in ragione della quali certi “mostri” sono pronti a risorgere dalle ceneri in cui l’umanità aveva creduto di averli sepolti per sempre.

Gli autori non hanno certamente bisogno di presentazione, essendo noto a tutti, da un lato, il pluriennale impegno quali magistrati e storici componenti di Magistratura democratica, dall’altro, la profondità delle riflessioni che permeano le loro molteplici pubblicazioni.

Nel solco di una tradizione di apertura alla società, i magistrati delle Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria sono lieti di invitare all’evento quanti interessati a partecipare, che potranno accreditarsi comunicando il loro account di posta elettronica all’indirizzo francesco.jacinto@gmail.com, indicando quale oggetto “presentazione 30 gennaio 2021”.

09/01/2021

Articoli Correlati

Zona rosso-cuore

Riduciamo le distanze "sociali" tra pubblico e privato

La raccolta di fondi organizzata dalla cooperativa sociale MAG delle Calabrie è finalizzata al sostegno delle famiglie e delle imprese della regione Calabria, la cui situazione finanziaria, già fortemente in crisi, è peggiorata a causa degli effetti dell'epidemia da Covid-19. Sono molte, infatti, le famiglie a rischio povertà che, indotte a ricorrere a canali di credito informali e pericolosi, rischiano di cadere nella rete dell’usura.

Perfezionare la riforma Orlando

Al fianco della magistratura onoraria

Magistratura democratica esprime il suo sostegno ai magistrati onorari e alle loro richieste di una retribuzione più adeguata e di un regime previdenziale e assicurativo che riconosca alla magistratura onoraria lo status che merita.

Magistratura e politica

Il caso Brescia e i chiarimenti del Ministro

Ancora una volta assistiamo ad un cortocircuito, in cui si sovrappongono la reazione pubblica ad una decisione giudiziaria, la risonanza mediatica per un esito diverso da quello atteso e l’annuncio di iniziative del Ministro della Giustizia in relazione al contenuto di tale decisione. Ma, in questi casi, gli effetti del solo annuncio di iniziative in relazione al merito di una decisione giudiziaria rischiano di assomigliare ad un vero e proprio ammonimento della politica all'indipendenza della magistratura e all'autonomia, anche scientifica, del giudizio.

Associazione Nazionale Magistrati

La nuova Giunta unitaria

Con la ritrovata unità associativa si è realizzato un obiettivo che in questi mesi abbiamo sempre indicato come prioritario per avviare un percorso di profondo rinnovamento, in grado di coinvolgere e mettere in gioco tutta la magistratura associata in un progetto comune e condiviso: quello di dare linfa ad una nuova etica professionale e di ricostruire una comune identità collettiva, basata sui valori della Costituzione.

Pubblico ministero e Costituzione

Il documento delle Procure e la necessità di un confronto

Il recente documento siglato tra alcuni Procuratori e l'UCPI costituisce un'occasione preziosa per riflettere sui cambiamenti culturali che hanno interessato la magistratura requirente e che ne hanno determinato il progressivo allontanamento dal suo progetto costituzionale di potere diffuso, in favore di un modello individualistico e verticistico, improntato alla logica della performance, della burocrazia e dei numeri.