Una proposta di metodo

Processo Civile Telematico

Una proposta di metodo

Le recenti, gravi disfunzioni nei servizi informatici legati al PCT rendono evidente la necessità di un cambio di paradigma nella programmazione e verifica degli aggiornamenti di sistema, da perseguire mediante una gestione più partecipata dal basso e tramite un maggiore coinvolgimento degli Uffici da parte della DGSIA.

La proposta di apertura di una pratica presso la VII Commissione CSM per un confronto urgente con la DGSIA, sollecitata dai consiglieri di AreaDG, stigmatizza – condivisibilmente – una disfunzione che sta creando seri problemi ad una gestione efficiente degli affari civili.

Ieri, infatti, la DGSIA ha comunicato una nuova sospensione dei servizi informatici dalle 18.00 sino alle 9.00 di lunedì 19 luglio. 

La gravità dei problemi che si sono verificati in questa settimana in tutti i settori del civile (compresi fallimenti ed esecuzioni) è ben descritta nella predetta proposta di apertura di una pratica presso la VII Commissione consiliare. 

Il timore che analoghi disservizi si possano ripetere da lunedì è fortissimo e contribuisce a rendere ancora più gravose e insicure le condizioni di lavoro dei giudici e delle cancellerie civili, in questi giorni che precedono l’avvio del periodo feriale, abitualmente contraddistinto da un forte incremento di depositi dei provvedimenti da parte dei giudici e di istanze da parte degli avvocati.

Da un lato è comprensibile la scelta della maggior parte dei giudici civili, che come si legge nella proposta di apertura pratica  “… preferisce non aggiornare consolle temendo conseguenze nefaste…”, alla luce delle esperienze passate in occasione di tutte o quasi tutte le modifiche apportate a Consolle; dall’altro è necessario insistere nella richiesta di un netto miglioramento delle modalità – anche comunicative – con cui tali modifiche vengono introdotte, e nella domanda di cautele adeguate, che pure un tempo erano seguite (quali la prassi di avviare gli aggiornamenti in un solo distretto per svolgervi una fase sperimentale e preservare gli altri dai danni provocati da strumenti testati in modo insufficiente).

Da ultimo destano preoccupazione anche i primi riscontri circa l'avvio del PCT in Cassazione: la lentezza dell'applicativo (diverso da quello utilizzato dai giudici di merito) e le difficoltà nell'introduzione dell'obbligo di deposito telematico degli atti da parte degli avvocati, con la conseguente necessità di tornare a "scansionare" atti oramai tutti nativi digitali, sono solo alcune delle problematiche emerse, rispetto alle quali chiediamo celeri risposte e soluzioni, per permettere anche agli uffici di legittimità di beneficiare dei grandi vantaggi che l'informatica ha portato alla giurisdizione di primo grado, garantendo un armonico sviluppo informatico dell’intero comparto civile.  

Il PCT è cresciuto e si è diffuso sulle gambe di tanti semplici colleghi armati solo di buona volontà, che hanno creduto nell’efficiente strumento della innovazione digitale, investendovi tempo ed energie.

Siamo convinti della necessità di una gestione più partecipata dal basso, e di un maggiore coinvolgimento degli uffici da parte della DGSIA, nel definire adeguate modalità, il più possibile concordate, nella programmazione e nella verifica degli aggiornamenti di sistema.

17/07/2021

Articoli Correlati

Comunicati

Disciplinare a tutti i costi


Poco più di un anno fa il ministro Nordio chiese alla Procura Generale di promuovere un’azione disciplinare nei confronti di un collegio di giudici di Milano che avevano sostituito la misura della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di un cittadino russo, poi evaso.

Comunicati

Domani potrebbe essere qualunque magistrato


Il Consiglio superiore della magistratura ha deliberato di non riconoscere la settima valutazione di professionalità a Emilio Sirianni. 

Comunicati

La Festa della Repubblica, i pericoli per la Repubblica


Il 2 giugno 1946 gli italiani e, per la prima volta, le italiane andarono alle urne e scelsero la Repubblica. Le frontiere di questa nuova patria erano state tracciate dalla Resistenza e furono poi messe in sicurezza dalla Costituzione. Non si tratta dei confini territoriali, perché la Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo si è da subito dichiarata terra d’asilo per tutti gli stranieri ai quali nei paesi di origine è impedito l’esercizio delle libertà democratiche e ha consentito le limitazioni di sovranità necessarie a creare un ordinamento internazionale di pace e giustizia. Due guerre mondiali avevano insegnato che ogni frammento della Terra doveva essere casa per qualsiasi essere umano.

Comunicati

Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari


Abbiamo appreso, da organi di stampa, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ha richiesto, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, gli atti del procedimento che ha condotto, tra l’altro, all’applicazione di una misura custodiale domiciliare nei confronti del Presidente della Giunta della Regione Liguria. 

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.