Una proposta di metodo

Processo Civile Telematico

Una proposta di metodo

Le recenti, gravi disfunzioni nei servizi informatici legati al PCT rendono evidente la necessità di un cambio di paradigma nella programmazione e verifica degli aggiornamenti di sistema, da perseguire mediante una gestione più partecipata dal basso e tramite un maggiore coinvolgimento degli Uffici da parte della DGSIA.

La proposta di apertura di una pratica presso la VII Commissione CSM per un confronto urgente con la DGSIA, sollecitata dai consiglieri di AreaDG, stigmatizza – condivisibilmente – una disfunzione che sta creando seri problemi ad una gestione efficiente degli affari civili.

Ieri, infatti, la DGSIA ha comunicato una nuova sospensione dei servizi informatici dalle 18.00 sino alle 9.00 di lunedì 19 luglio. 

La gravità dei problemi che si sono verificati in questa settimana in tutti i settori del civile (compresi fallimenti ed esecuzioni) è ben descritta nella predetta proposta di apertura di una pratica presso la VII Commissione consiliare. 

Il timore che analoghi disservizi si possano ripetere da lunedì è fortissimo e contribuisce a rendere ancora più gravose e insicure le condizioni di lavoro dei giudici e delle cancellerie civili, in questi giorni che precedono l’avvio del periodo feriale, abitualmente contraddistinto da un forte incremento di depositi dei provvedimenti da parte dei giudici e di istanze da parte degli avvocati.

Da un lato è comprensibile la scelta della maggior parte dei giudici civili, che come si legge nella proposta di apertura pratica  “… preferisce non aggiornare consolle temendo conseguenze nefaste…”, alla luce delle esperienze passate in occasione di tutte o quasi tutte le modifiche apportate a Consolle; dall’altro è necessario insistere nella richiesta di un netto miglioramento delle modalità – anche comunicative – con cui tali modifiche vengono introdotte, e nella domanda di cautele adeguate, che pure un tempo erano seguite (quali la prassi di avviare gli aggiornamenti in un solo distretto per svolgervi una fase sperimentale e preservare gli altri dai danni provocati da strumenti testati in modo insufficiente).

Da ultimo destano preoccupazione anche i primi riscontri circa l'avvio del PCT in Cassazione: la lentezza dell'applicativo (diverso da quello utilizzato dai giudici di merito) e le difficoltà nell'introduzione dell'obbligo di deposito telematico degli atti da parte degli avvocati, con la conseguente necessità di tornare a "scansionare" atti oramai tutti nativi digitali, sono solo alcune delle problematiche emerse, rispetto alle quali chiediamo celeri risposte e soluzioni, per permettere anche agli uffici di legittimità di beneficiare dei grandi vantaggi che l'informatica ha portato alla giurisdizione di primo grado, garantendo un armonico sviluppo informatico dell’intero comparto civile.  

Il PCT è cresciuto e si è diffuso sulle gambe di tanti semplici colleghi armati solo di buona volontà, che hanno creduto nell’efficiente strumento della innovazione digitale, investendovi tempo ed energie.

Siamo convinti della necessità di una gestione più partecipata dal basso, e di un maggiore coinvolgimento degli uffici da parte della DGSIA, nel definire adeguate modalità, il più possibile concordate, nella programmazione e nella verifica degli aggiornamenti di sistema.

17/07/2021

Articoli Correlati

Vaccinazione e certificazione verde

Il dovere di fare chiarezza

Ogni critica rappresenta l’anima del confronto e deve perciò essere sempre tenuta in considerazione: anche se aspra, caricaturale o persino oltraggiosa. Ma altra e diversa cosa dalla critica è l’attribuzione di pensieri ed opinioni mai espressi, per giunta contrari a verità. Quando ciò accade, l’informazione si trasforma in menzogna e la “notizia” in artificio ingannevole, falso ed infamante.

Eguaglianza, donne e diritto

Per le donne afghane

Ad ogni regime autoritario che faccia dell’oscurantismo il paradigma della condizione femminile deve corrispondere una campagna internazionale di mobilitazione delle coscienze e di sostegno umanitario. Con questo auspicio, rivolgiamo un appello a tutti i governi e agli organismi internazionali, affinché mettano al centro dei loro programmi il dovuto ausilio alla popolazione afghana, attivando ogni necessario meccanismo di protezione internazionale per le donne e i profughi di questo Paese.

Vaccinazione e certificazione verde

Il vaccino: un diritto ed un onere

La vaccinazione anticovid è, al tempo stesso, un diritto ed un onere. Uno strumento di liberazione dai più gravi timori per la salute individuale e collettiva, il cui mancato adempimento ben può giustificare una serie di calcolate restrizioni e limitazioni, adottate nell’interesse collettivo, in vari ambiti della vita sociale.

Su improcedibilità, criteri di priorità e nuovo volto della pena

Processo penale: cambiare sì, ma come?

La norma sulla improcedibilità contenuta nella proposta di riforma 'Cartabia', oltre a stridere con l'articolo 112 della Costituzione, è potenzialmente irragionevole, perché 'colpisce' con un'unica e rigida sanzione processuale situazioni e processi molto diversi tra loro, trascurando la diversa gravità dei reati e la diversa complessità degli accertamenti da svolgere. L'improcedibilità così concepita, inoltre, diminuisce la qualità delle garanzie delle persone sottoposte a giudizio e rischia di sacrificare i diritti delle persone offese. Né risponde a pretese esigenze del diritto europeo, ove non si richiede che un processo finisca 'entro un certo termine', ma piuttosto che finisca 'utilmente', ossia con un accertamento del fatto.