Proposte - Giustizia

I nodi da superare

ROMA, 29 gennaio - La crisi economica mette in luce tutte le difficoltà e le criticità di un Paese che non ha mai brillato per buona amministrazione delle risorse pubbliche e che ha male investito i propri fondi fino a raggiungere un debito insostenibile senza dotarsi delle strutture, dei servizi e delle professionalità che sarebbe stato possibile creare e formare. 

La crisi economica, che è crisi di ceto dirigente e produttivo prima ancora che finanziaria, evoca la necessità di dare tutela a coloro che stanno perdendo o non hanno mai avuto pari dignità e pari opportunità, e non solo la necessità di risposte giudiziarie che accompagnino la ripresa economica e il sostegno a chi produce. I due versanti non possono procedere disgiunti, perché solo la garanzia dei diritti e della dignità delle persone può assicurare un sistema complessivamente equilibrato e una "ripresa" del Paese che non si misuri esclusivamente in quantità di moneta circolante, di consumi e di esportazioni.

Perché questo avvenga,  occorre procedere a interventi positivi e rimuovere ostacoli al pieno dispiegarsi delle potenzialità che il sistema giustizia possiede e non riesce ad esprimere, in parte per limiti propri e in parte per carenze di sistema. Nel corso delle cerimonie di inaugurazione dell'anno giudiziario sono stati indicati percorsi importanti per dare più efficienza, credibilità ed efficacia alla giurisdizione. Ma restano nodi inespressi che hanno, invece, grande rilievo per la qualità della giustizia e i bisogni del Paese e delle singole persone. 

Non possiamo allora passare sotto silenzio la necessità di superare una visione politica che accresce le diseguaglianze, impoverisce  i diritti personali e sociali, accentua il ricorso alla giustizia come ultima difesa di beni che dovrebbero trovare sostegno nelle politiche pubbliche prima che nella aule dei tribunali civili e penali.

Allo stesso modo va ripensato un  sistema di regole, di autorità e di controlli pubblici che non riesce a intercettare gli abusi finanziari e amministrativi le cui conseguenze ricadono innanzitutto su risparmiatori, utenti e lavoratori. Da tempo molti commentatori evidenziano come l'attuale sistema penale concorra a rendere i processi lunghi, favorisca la prescrizione di reati gravi ma puniti con pene modeste e, in fondo, operi a due velocità penalizzando i soggetti meno garantiti.

La risposta a queste criticità dei settori civili e penali può venire solo dal superamento definitivo di una politica sulla giustizia costruita su singoli interventi in assenza di un disegno complessivo che si articoli su priorità, su risparmi oculati e su investimenti lungimiranti.

Diventa allora indispensabile porre rimedio tempestivo alla scopertura così elevata degli organici dei magistrati, che penalizza il funzionamento degli uffici, frustra molti degli sforzi di miglioramento e rischia di rendere in parte inutile la revisione delle circoscrizioni. Senza dimenticare che l'ormai più che decennale blocco totale delle assunzioni del personale amministrativo e tecnico del settore giustizia si dimostra incompatibile con le esigenze minime di funzionalità e con la necessaria innovazione tecnologica che richiede l'immissione di professionalità adeguate. E, più in generale, dobbiamo evidenziare i rischi che deriverebbero dall'assenza di risorse necessarie per rendere operative le  innovazioni introdotte in tema di processo civile telematico, di notificazioni, di programmi organizzativi.

Molto la magistratura può fare  in un contesto positivo, assumendosi responsabilità chiare per i miglioramenti che le competono, a partire dal sistema di nomina dei capi ufficio, troppo spesso condizionato da logiche estranee alla selezione e alla valutazione su base di attitudini e qualità.

Infine, e soprattutto, soprattutto non possiamo permetterci una ritorno al clima di diffidenza e di avversione verso i controlli di legalità e la magistratura che una parte dei rappresentanti politici periodicamente contribuisce a creare,  con effetti disastrosi per la collettività.

LUIGI MARINI presidente di Magistratura Democratica

29/01/2013

Articoli Correlati

Eventi

Sistema Penale e Marginalità Sociale


Venerdì 18 novembre 2022 ore 15.00-17.30 - Tribunale di Milano, Aula Gualdoni

Eventi

Intelligenza artificiale, giustizia e diritti umani


Martedì 20 settembre 2022, ore 14.30, Palazzo Bo' - Aula E, Via VIII Febbraio 2, Padova

Eventi

Intelligenza artificiale, giustizia e diritti umani


Martedì 20 settembre 2022, ore 14.30, Palazzo Bo' - Aula E, Via VIII Febbraio 2, Padova

Presentazione di

"Per Motivi di Giustizia" - di Marco Omizzolo (People Editore)


Magistratura democratica – Baobab Experience e Arci nazionale invitano alla presentazione dell’ultimo libro di Marco Omizzolo Per motivi di giustizia(People editore)

Intervento al Consiglio nazionale di Md

Tracciare una strada

Relazione scritta dell’intervento tenuto da Fabrizio Filice al Consiglio nazionale di Md dell’11 dicembre 2021. 

Intervento al Consiglio nazionale di Md

Quale Magistratura democratica

Esiste una saldatura ineliminabile tra un autogoverno legittimato, efficace, virtuoso e trasparente, l’organizzazione degli uffici e la tutela dei diritti, la capacità della giurisdizione di fare giustizia.
Questa saldatura non può essere ignorata, o sottovalutata, anzi, va tenuta ben presente per scegliere quale magistratura vogliamo essere.
Oggi, in particolare, per scegliere quale Magistratura democratica vogliamo essere.

 

Intervento al Consiglio nazionale di Md

L'affanno della giustizia

Una giustizia in affanno è quotidianamente impegnata, senza risorse adeguate, nel rendere il proprio servizio, molto spesso in uffici che vivono grandi disagi in termini di carenza di organico e di arretrato storico, anche in territori difficili. Una giustizia composta anche da magistrati giovani e in prima linea, che fanno quotidianamente fronte alle carenze ataviche del sistema giustizia. È nostra responsabilità rappresentare all’opinione pubblica questa realtà ed evidenziare un rischio: non ci sarà riforma del processo, penale e civile, valorizzazione dei meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie, o ufficio del processo che potrà produrre il risultato sperato, finché la situazione dei carichi di lavoro, del numero dei magistrati togati e del personale amministrativo non sarà modificata in modo tangibile e non sarà operata una seria razionalizzazione della geografia giudiziaria. Occorrono interventi di riforma ambiziosi e audaci, in grado di consegnare realmente a questo paese una giustizia efficiente, capace di conciliare tempi congrui con un’adeguata tutela dei diritti e delle persone. Cambiare sì, ma in questa direzione.

Politica e processi

I danni dell'«individualismo penale»

Riforma della giustizia, toghe 'star' e referendum: dal protagonismo di alcuni procuratori, che ne ha penalizzato il compromesso finale, alla proposta di riforma del processo penale, quale grande occasione persa. Ne parlano, in un'intervista, la nuova presidente e il nuovo segretario generale di Magistratura democratica.

Su improcedibilità, criteri di priorità e nuovo volto della pena

Processo penale: cambiare sì, ma come?

La norma sulla improcedibilità contenuta nella proposta di riforma 'Cartabia', oltre a stridere con l'articolo 112 della Costituzione, è potenzialmente irragionevole, perché 'colpisce' con un'unica e rigida sanzione processuale situazioni e processi molto diversi tra loro, trascurando la diversa gravità dei reati e la diversa complessità degli accertamenti da svolgere. L'improcedibilità così concepita, inoltre, diminuisce la qualità delle garanzie delle persone sottoposte a giudizio e rischia di sacrificare i diritti delle persone offese. Né risponde a pretese esigenze del diritto europeo, ove non si richiede che un processo finisca 'entro un certo termine', ma piuttosto che finisca 'utilmente', ossia con un accertamento del fatto.