Salvare e rilanciare l’accoglienza in Italia dopo il D.L. 113/2018

Convegno

Salvare e rilanciare l’accoglienza in Italia dopo il D.L. 113/2018

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Firenze, 29 marzo 2019 - ore 15
Palazzo di Giustizia - Aula 30
 
 
Presiede
Emilio Sirianni
Presidente sezione lavoro – Corte d’Appello di Catanzaro
 
Coordina
Chiara Favilli
Università di Firenze
 
 
Ore 14.30
Registrazione dei partecipanti

Ore 15.00
Apertura dei lavori e introduzione
 

Interventi

Anna Brambilla
Avvocato foro di Milano
L’accesso al territorio e al sistema d’asilo: un’accoglienza selettiva?
 
Daniela Di Capua
Direttore servizio centrale
Lo SPRAR alla luce della Legge n. 132/2018
 
Oliviero Forti
Responsabile Politiche Migratorie e Protezione Internazionale, Caritas italiana
Il ruolo suppletivo delle associazioni a seguito dell’abrogazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari
 
Paola Miraglia
Responsabile associazione culturale del Bangladesh
Limiti e potenzialità nell’accoglienza in un CAS
 
Paolo Fasano
Dirigente servizio stranieri Comune di Ravenna
È possibile progettare una politica di accoglienza a livello locale?
 
Annalisa Camilli
Giornalista Internazionale
La transizione verso il “nuovo” sistema d’accoglienza
 
Vittorio Bugli
Assessore alle politiche sociali della Regione Toscana
Esiste ancora un modello toscano di accoglienza?
 
Conclude
Luciana Breggia
Presidente sezione immigrazione, Tribunale di Firenze

Informazioni generali

 

Sede del Corso

Aula n. 30 Nuovo Palazzo di Giustizia in Viale A. Guidoni, 61 – Firenze.

 

Modalità di iscrizione

La partecipazione è gratuita. Per iscriversi scrivere a: accoglienza29marzo@gmail.com entro il 28 marzo 2019. Per gli avvocati verranno accettate esclusivamente le richieste ricevute telematicamente attraverso l’area riservata Sfera alla quale si potrà accedere dal link presente sulla pagina dell’evento pubblicato sul sito www.fondazioneforensefirenze.it.

Termine cancellazioni

Si invita a dare notizia di eventuali disdette della partecipazione (attraverso l’area Sfera) entro le ore 19.00 del giorno precedente all’incontro (oltre tale termine è ammessa la comuniazione a mezzo mail all’indirizzo della segreteria organizzativa) per consentire l’ammissione dei colleghi esclusi segnalando che a mancata partecipazione, per 2 volte nel semestre solare e senza che sia stata effettuata la cancellazione, consegue l’impossibilità di iscriversi ad eventi Formativi gratuiti per i 6 mesi successivi dall’ultimo degli eventi disertati.

Attestato di frequenza

Non è previsto il rilascio di alcun attestato posto che potranno verificare la propria situazione crediti aggiornata direttamente dal proprio profilo Sfera.

Crediti formativi

Ai sensi dell’art. 20, comma 2, lettera a) del vigente Regolamento per la formazione continua approvato dal CNF il 16/07/2014 e modificato con delibera del 30/07/2015, per la partecipazione all’evento è stata proposta l’attribuzione di n. 4 crediti formativi in materia non obbligatoria.

L’evento è in corso di accreditamento e quindi la concessione dei crediti è subordinata alla delibera della Commissione Consiliare competente.

Si ricorda che ai sensi dell’art. 20, comma 5 dello stesso regolamento, per la partecipazione agli eventi della durata di una  mezza giornata i crediti formativi verranno riconosciuti solo qualora risulti documentata la partecipzione dell’iscritto all’intero evento.

Modalità di accreditamento

Ricordiamo inoltre che non sarà più possibile l'accreditamento per tutti coloro sprovvisti del tesserino contactless.

 

09/03/2019

Articoli Correlati

Eventi

Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione


Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione
Mercoledì 6 aprile 2022, ore 16.30
Sede Associazione "Volere la Luna", Via Trivero 16 Torino

Sarà possibile seguire l’incontro in diretta streaming sul canale Youtube di Magistratura democratica (https://www.youtube.com/user/MagistraturaDem

Iniziativa della dirigenza nazionale di Magistratura democratica

La gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale


Le problematiche, giuridiche e operative, della gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale, sia nella fase cautelare che in quella processuale - problematiche efficacemente riassunte e argomentate nella recente sentenza della Corte costituzionale n. 22 del 27 gennaio 2022 - sono ampiamente note a tutti gli operatori del diritto. 

Eventi

Lavoro povero e salario minimo


Lavoro povero e salario minimo


Venerdì 25 marzo 2022, ore 15.00


Corte di cassazione, Aula Giallombardo, 2° piano

Dialoghi sulla giustizia

A proposito di Referendum

Sono nove, ad oggi, le richieste di referendum al vaglio della Cassazione e della Corte costituzionale: sei di questi in particolare riguardano argomenti in materia di giustizia, pur molto eterogenei tra loro. La possibilità della sottoscrizione telematica ha ovviamente incentivato il ricorso al mezzo, e con ogni probabilità, si ripeteranno in futuro le occasioni di consultazione popolare sui temi più svariati. Diviene essenziale un’informazione capillare ed una discussione franca che possa evidenziare i risvolti effettivi di un voto che si può esprimere solo con un sì o con un no. Magistratura democratica non si sottrae al dovere di fornire il suo contributo.

In-sicurezza: giustizia, diritti e informazione

Parole di Giustizia

L'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge e la tutela dei diritti di tutti sono il banco di prova delle democrazie contemporanee. Ciò sta scritto nelle Costituzioni del Novecento (a cominciare da quella del nostro Paese) ma spesso – troppo spesso – resta un obiettivo irrealizzato. Così la giustizia sembra talvolta ridursi, da orizzonte di vita decorosa e serena per tutti, a insieme di procedure per risolvere controversie e conflitti.

In questo contesto è nata l’idea di un appuntamento annuale teso a recuperare la consapevolezza del carattere etico e politico oltre (e prima) che tecnico della questione giustizia. Un appuntamento che, dopo nove edizioni a La Spezia, quest’anno si trasferisce a Urbino e a Pesaro, grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino 'Carlo Bo', l’Associazione studi giuridici 'Giuseppe Borrè' e Magistratura democratica, con il coinvolgimento dell’Ordine degli avvocati di Pesaro e di Urbino e di tre istituti superiori: l’istituto Raffaello di Urbino, i licei Mamiani e Marconi di Pesaro.

Al centro della riflessione di questa edizione di “Parole di giustizia” è il senso di in-sicurezza che attraversa la società. Magistrati, avvocati, docenti universitari, giornalisti ed esperti di comunicazione – attraverso dibattiti, lezioni magistrali e interviste – ne analizzeranno sia le ragioni sia gli effetti sulla politica, sui diritti, sulla legislazione, sul modo di amministrare la giustizia.    

Il festival Parole di Giustizia 2021 si aprirà a Urbino venerdì 22 ottobre a Palazzo Battiferri con la lectio magistralis di Ilvo Diamanti e si concluderà domenica 24 ottobre a Palazzo ducale con quella di Tomaso Montanari. Sabato 23 ottobre si trasferirà a Pesaro e vedrà protagonisti, tra gli altri, Vera Gheno, Donatella Di Cesare, Yvan Sagnet, Umberto Ambrosoli.