Sorry we missed you

Convegno

Sorry we missed you

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Il lavoro, lo sfruttamento, la legge tra vecchie e nuove subordinazioni
 
Firenze, 27 marzo 2020
ore 14.30 - 19.00
Firenze, Nuovo Palazzo di Giustizia - Aula n. 28
Viale Alessandro Guidoni, 61
ore 14.00 - 14.30
Registrazione partecipanti
ore 14.30
Apertura lavori, saluti e introduzioni
Dott. Elisabetta Tarquini
Segreteria toscana di Magistratura Democratica
 
Vita da precario: la giornata di un rider
Camillo Chiappino
studente universitario e rider
Trasformazioni delle imprese e organizzazione del lavoro: in fuga dal rischio
Prof. Joselle Dagnes
Università di Torino
Tutto questo perché? Gli effetti occupazionali delle riforme del lavoro: dal mito alla realtà dei dati
Prof. Emiliano Brancaccio
Università del Sannio
Le nuove subordinazioni: una riflessione sulla sentenza riders
Prof. Patrizia Tullini
Università di Bologna
Organizzazione di un servizio e potere conformativo: appalto lecito e somministrazione illecita nella giurisprudenza di legittimità
Dott. Rita Sanlorenzo
Procura Generale presso la Corte di cassazione
Lo sfruttamento lavorativo come fattispecie penale
Dott. Chiara Stoppioni
Università di Firenze
Dott. Filippo Focardi
Segreteria Toscana di Magistratura Democratica
ore 18.30
Dibattito
ore 19.00
Chiusura dei lavori
13/02/2020

Articoli Correlati

Convegno

Europa: migranti e richiedenti asilo - Per una svolta di civiltà

Fondazione Basso, ASGI, Magistratura democratica e i sindacati confederali organizzano un convegno sui rapporti fra Europa e migranti.

Ciclo d'incontri

Inviolabile.
La libertà personale di fronte alla coercizione istituzionale

#1 TSO - Trattamento sanitario obbligatorio: non c'è cura senza contenzione?

Ciclo d'incontri

Inviolabile.
La libertà personale di fronte alla coercizione istituzionale

#2 CARCERE: l'umanità della pena rende insicuri?

Ciclo d'incontri

Inviolabile.
La libertà personale di fronte alla coercizione istituzionale

#3 CPR - Centri permanenza per il rimpatrio: migranti oltre il confine dei diritti?