L'intervento di Diego Loveri

Speciale XXI Congresso

L'intervento di Diego Loveri

di Esecutivo di Magistratura Democratica
INTERVENTO AL XXI CONGRESSO NAZIONALE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA

di Diego Loveri

In occasione del XXI Congresso Nazionale di Magistratura Democratica porgo il saluto di Unità Democratica Giudici di Pace  Onorari e mio personale ,unito al  ringraziamento  per l’invito del Presidente di MD Carlo De Chiara e della Segretaria generale Anna Canepa  a questo importante 21° Congresso con il tema “ Disuguaglianze- Compiti della giurisdizione- Il progetto di MD” .

La condivisione  nelle Associazioni MD ed UDgdpo delle idee ,dei valori e principi  fondamentali ,dello statuto, del rispetto dei principi di legalità , di giustizia e di giurisdizione,  è volta al riconoscimento ed alla tutela dei più deboli e di  coloro che subiscono gli effetti delle disuguaglianze.

“Disuguaglianze” è anche il tema del XXI congresso di MD ed è proprio su questo aspetto della società contemporanea che vorrei far presente che oggi, più di ieri ,si palesano diversità tra coloro ,che pur rispettando la legislazione, si trovano a subire ingiustizie e diversità di trattamento,  mentre coloro che continuano ad eludere gli obblighi giuridici, morali e sociali, nonostante la costituzione della Repubblica italiana preveda  nei minimi particolari tali doveri, accrescono il loro potere economico e politico . E la diseguaglianza continuerà ad aumentare.

E tra le disuguaglianze ricordiamo che la magistratura onoraria di pace, pur avendo avuto qualche recente provvedimento legislativo(Legge n.57/2016) che le ha riconosciuto un ruolo e una specificità ,continua ,purtroppo, ad essere sottovalutata
con  l’attuale funzione non corrispondente alla volontà della stessa Costituzione, riguardo all’articolo 106 della Costituzione stessa   e le interpretazioni giurisprudenziali di questi anni hanno ribadito una  subordinazione ed una  disuguaglianza  con la magistratura ordinaria togata. La legislazione attuale, purtroppo, va in senso contrario ai principi costituzionali in materia , continuando ad ignorare le specificità e le  aspirazioni di coloro che intendono dedicarvici a tempo pieno.

Non a caso UDGDPO pose, tra i primi principi da far rispettare nell’ordinamento della magistratura onoraria, quello dell’incompatibilità ,in tutto il territorio nazionale, della giurisdizione onoraria con l’esercizio della professione forense. D’altra parte la funzione giurisdizionale non poteva essere retribuita con il criterio del cottimo ,collegato all’espletamento quantitativo delle funzioni giurisdizionali, piuttosto che  privilegiare l’aspetto qualitativo collegato ad un  sistema retributivo indennitario fisso.

Il coordinamento degli uffici dei giudici di pace, poi, doveva essere garantito a tempo pieno da coloro che, provenienti dalla magistratura professionale e di carriera, fossero dotati di competenze organizzative  manageriali aggiornate, riuscendo a dare una nuova disciplina della stessa organizzazione degli uffici dei giudici di pace, rispondenti alle istanze della collettività e dell’intera utenza, proprio perché l’esercizio dell’azione giurisdizionale rispondesse a criteri costituzionali ed europei.

La magistratura onoraria di pace , invece ,ha subito un’involuzione legislativa e, pur garantendo l’abolizione del meccanismo nefasto delle proroghe ,il Governo non ha accolto le istanze della categoria ,costretta ripetutamente a interruzioni dovute a programmazioni di astensioni dalle udienze, come sta accadendo in questi giorni con una nuova settimana di sciopero della categoria ,programmata per la fine di novembre ,proprio a ridosso del referendum costituzionale.

Referendum costituzionale al quale Unità democratica giudice di pace Onorari ha già deciso da tempo di rispondere con un secco NO , perché non possono essere alterati ,secondo noi, i valori costituenti del  bilanciamento dei poteri  legislativi  della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica e di un diverso sistema elettorale che non  premiasse una minoranza in modo smisurato tanto da farla diventare maggioranza assoluta.

Con MD Unità democratica giudici di pace  onorari ha  conservato una particolare attenzione agli aspetti umani e giuridici dell’immigrazione  del diritto di asilo e del dovere dell’accoglienza.
La legislazione attuale dell'immigrazione ,pur mitigata da alcune recenti modifiche come la limitazione dei mesi di trattenimento nei CIE degli stranieri espulsi da 18 a 3 , contribuisce negativamente a disciplinare il settore , proprio grazie agli effetti di un modo di legiferare sotto la pressione  di una minoritaria  folla reazionaria, ,che vedeva e vede nell’immigrazione regolare stessa un pericolo e non un contributo all’evoluzione economica del nostro Paese, per non parlare poi degli Hotspot e delle relative accuse di violazioni dei diritti umani, non essendo  sottoposti nemmeno a controllo giurisdizionale.

Come ultima nostra partecipazione vi  è quella che va nella direzione della condivisione del documento congressuale“ Il senso di MD” in quanto,  interrogati quotidianamente sulla necessità o meno di difendere i traguardi ,così faticosamente raggiunti, anche noi ci siamo posti questo amletico dubbio se scioglierci ,per rientrare in una diversa forma associativa, o continuare per la tortuosa ma entusiasmante strada conosciuta di un’associazione che si è distinta dalle altre, contrassegnando  vittorie e soddisfazioni con sacrifici personali e di carriera, subendo anche differenti diffamanti campagne di stampa, durante i periodi critici della nostra storia nazionale. Ed abbiamo scelto di continuare così come prima.

Per questi motivi noi siamo con MD perché resti  e rimanga la massima collaborazione in più settori e campi della giurisdizione con il vivo spirito che ci ha animato e fortificato in questi anni come associazioni che  si richiamano ai valori della Costituzione e  del contrasto alle disuguaglianze.

Auguri di buon lavoro congressuale.

BOLOGNA 4/11/2016                                                               Diego Loveri
                                                                                   (presidente UDGDPO)

05/11/2016

Articoli Correlati

In mezzo al fango e alla neve

La rotta balcanica fuori e dentro i tribunali

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 26 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si terrà il seminario organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Rotta balcanica.

Trattamento rieducativo e giustizia riparativa

Per una nuova penalità

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 12 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si terrà il seminario organizzato dalla Sezione di Firenze di Magistratura democratica, dedicato ai temi del Trattamento rieducativo e della giustizia riparativa.

Diritto e genere

Dal pregiudizio all’orgoglio

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 19 febbraio 2021, su piattaforma Teams, si è tenuto il seminario organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai rapporti tra genere e diritto.

Anniversari

Buon compleanno, Antigone!

Gli auguri di Magistratura democratica all'associazione Antigone, in occasione del suo trentesimo anniversario.

Sul libro-intervista di Sallusti e Palamara

Per non falsificare la storia della giurisdizione

Il libro-intervista di Alessandro Sallusti e Luca Palamara amputa ed omette una parte importante della storia della Magistratura e riduce una stagione complessa ad una vicenda “emblematica” dell’aggressione portata per via giudiziaria a presunti avversari dalla magistratura “politicizzata”, rappresentata da Md. Così facendo, si persegue il fine di riabilitare singoli protagonisti interessati da quelle vicende e si attenta al cuore di un valore essenziale per la tenuta della democrazia: la fiducia nell’imparzialità della giurisdizione, quale strumento di tutela dei diritti e delle garanzie, e nel suo ruolo di difesa della legalità e dei principi dello Stato di diritto.

Presentazione del libro di Livio Pepino e Nello Rossi

Il potere e la ribelle. Creonte o Antigone? Un dialogo

Le Sezioni di Catanzaro e di Reggio Calabria di Magistratura democratica organizzano, per il 30 gennaio 2021, un incontro di presentazione via Teams del libro di Livio Pepino e Nello Rossi e, nel solco di una tradizione di apertura alla società, sono liete di invitare quanti siano interessati a partecipare all'evento.

Le valutazioni di professionalità dei magistrati

Il sismografo

Il “sismografo” della professionalità non funziona: appiattisce i meriti, resi uniformi dal linguaggio burocratico, e non registra quasi mai le cadute di professionalità. Per rendere effettiva la responsabilità professionale dei magistrati è necessario indicare rimedi credibili, iniziando a “controllare i controllori” e introducendo la facoltà per i cd. componenti laici dei consigli giudiziari (avvocati e professori universitari) di partecipare alle discussioni e deliberazioni relative alle valutazioni di professionalità dei magistrati.

Il carcere, il virus e noi

Per una penalità umana, diversa e differenziata

Anche nell’attuale situazione di grave crisi sanitaria restano numerosi i detenuti che scontano pene irrisorie, non potendo accedere ad alternative al carcere soltanto perché privi di risorse, a partire da un’abitazione. Queste condizioni di marginalità sociale, troppo frequenti nel carcere, impongono di immaginare una penalità diversa e differenziata, a partire dalla struttura dei reati e dalle ipotesi di sanzione, per arrivare a modelli penitenziari alternativi alla prigione. Rispondere solo con le parole "più carcere" e "più carceri’" significa, infatti, chiudere gli occhi davanti ad una realtà, qual è quella attuale, che troppo spesso vede le prigioni soltanto come luoghi per immagazzinare corpi, senza concrete e realistiche possibilità di risocializzazione.

Zona rosso-cuore

Riduciamo le distanze "sociali" tra pubblico e privato

La raccolta di fondi organizzata dalla cooperativa sociale MAG delle Calabrie è finalizzata al sostegno delle famiglie e delle imprese della regione Calabria, la cui situazione finanziaria, già fortemente in crisi, è peggiorata a causa degli effetti dell'epidemia da Covid-19. Sono molte, infatti, le famiglie a rischio povertà che, indotte a ricorrere a canali di credito informali e pericolosi, rischiano di cadere nella rete dell’usura.