Sulle dimissioni di G. Caselli

Comunicati

Sulle dimissioni di G. Caselli

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Scelta ci addolora, ma è ingiustificata"

ROMA - La scelta di Giancarlo Caselli di lasciare Magistratura Democratica ci addolora profondamente. Giancarlo è una parte importante della storia del nostro gruppo e un uomo cui il paese intero deve gratitudine per il coraggio, la rettitudine, il rigore e le straordinarie capacità che ha dimostrato in tutta la sua carriera di magistrato, anche in tempi in cui ciò costava, oltre che fatica e sacrificio, gravissimi rischi personali.

Siamo altrettanto profondamente convinti, però, che la sua scelta, motivata dalla pubblicazione sull’“Agemda 2014” di un brano dello scrittore Erri De Luca, non sia giustificata. “Agemda” è andata in stampa il 15 luglio 2013, allorché De Luca non aveva ancora rilasciato le interviste sul “Notav” del 1° e dell’8 settembre, delle quali dunque nulla si poteva sapere. E in merito  alle quali Md non può che rifiutare qualsiasi aggressione a chi opera negli uffici giudiziari e ribadire vicinanza e solidarietà a coloro che sono impegnati nell'esercizio della giurisdizione.

Del brano pubblicato su “Agemda” che peraltro si riferisce agli anni Settanta e non alle recenti vicende della Val di Susa, è giusto che ognuno dia la valutazione che ritiene più adeguata. Ma non si può certamente attribuire a Magistratura Democratica la paternità – e dunque la responsabilità – del contenuto di esso per il solo fatto di averlo ospitato in una sua pubblicazione, tanto più in presenza della esplicita presa di distanza pubblicata a margine del medesimo.

E’ legittimo, tuttavia, che ci si chieda di dar conto se l’ospitalità concessa fosse opportuna. A noi è parso di sì, perché il brano di De Luca non è e non va letto come un saggio politico: è un’opera letteraria e come tale va considerato. E’ la rappresentazione, con il linguaggio e il punto di vista di un artista, del sentimento di giustizia di parte di una generazione, i giovani degli anni ’70. Un sentimento estremo e per molti versi, secondo noi, delirante, e tuttavia un sentimento reale.

Certo, non ci è sfuggito il taglio anche provocatorio del brano di De Luca, che non lesina giudizi trancianti sulla magistratura. Ma abbiamo deciso di raccogliere la provocazione sia perché ci è difficile, per cultura, “censurare” un artista, sia – soprattutto – perché siamo talmente convinti della bontà e superiorità della nostra idea democratica e liberale di giustizia, saldamente ancorata alla legalità e aliena dalle semplificazioni e dalle scorciatoie del puro sostanzialismo, che non temiamo il confronto con nessuno.


L’esecutivo di Magistratura Democratica

6 novembre 2013


IL BRANO DI ERRI DE LUCA

06/11/2013

Articoli Correlati

Comunicati

Disciplinare a tutti i costi


Poco più di un anno fa il ministro Nordio chiese alla Procura Generale di promuovere un’azione disciplinare nei confronti di un collegio di giudici di Milano che avevano sostituito la misura della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di un cittadino russo, poi evaso.

Comunicati

Domani potrebbe essere qualunque magistrato


Il Consiglio superiore della magistratura ha deliberato di non riconoscere la settima valutazione di professionalità a Emilio Sirianni. 

Comunicati

La Festa della Repubblica, i pericoli per la Repubblica


Il 2 giugno 1946 gli italiani e, per la prima volta, le italiane andarono alle urne e scelsero la Repubblica. Le frontiere di questa nuova patria erano state tracciate dalla Resistenza e furono poi messe in sicurezza dalla Costituzione. Non si tratta dei confini territoriali, perché la Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo si è da subito dichiarata terra d’asilo per tutti gli stranieri ai quali nei paesi di origine è impedito l’esercizio delle libertà democratiche e ha consentito le limitazioni di sovranità necessarie a creare un ordinamento internazionale di pace e giustizia. Due guerre mondiali avevano insegnato che ogni frammento della Terra doveva essere casa per qualsiasi essere umano.

Comunicati

Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari


Abbiamo appreso, da organi di stampa, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ha richiesto, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, gli atti del procedimento che ha condotto, tra l’altro, all’applicazione di una misura custodiale domiciliare nei confronti del Presidente della Giunta della Regione Liguria. 

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.