Trattamento cittadini Ue e loro familiari

Il convegno

Trattamento cittadini Ue e loro familiari

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Convegno ASGI a Firenze il 25 novembre

FIRENZE - E' rivolto a tutti gli operatori giuridici interessati alle tematiche collegate al trattamento dei cittadini dell'Unione Europea e dei loro familiari, il seminario promosso all'A.S.G.I. (Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione) Sezione Toscana, con il sostegno di Magistratura Democratica.

Il convegno, in programma il 25 novembre a Firenze, è organizzato in collaborazione con la Fondazione per la Formazione Forense dell’Ordine degli Avvocati di Firenze e con il Dipartimento di Diritto Pubblico “Andrea Orsi Battaglini” dell'Università degli Studi di Firenze, nonché con il sostegno di Magistratura Democratica. L'inizio dei lavori che si terrano presso il Polo delle Scienze Sociali di Novali, è fissato per le 9.00.

Pubblichiamo di seguito la locandina, il programma e la scheda d'iscrizione al seminario:

25/11/2011

Articoli Correlati

Convegno

Europa: migranti e richiedenti asilo - Per una svolta di civiltà

Fondazione Basso, ASGI, Magistratura democratica e i sindacati confederali organizzano un convegno sui rapporti fra Europa e migranti.

Lavoro e immigrazione

La regolarizzazione dei lavoratori irregolari: una misura urgente e opportuna

Regolarizzare i lavoratori stranieri che versano in condizioni di illegalità, per contribuire al controllo della diffusione della pandemia e restituire piena dignità al lavoro, nel rispetto della legalità e favorendo il contrasto a tutte le mafie

MEDEL

Sulle misure di emergenza per la pandemia da Covid-19

Mai, come in un periodo di emergenza, deve essere mantenuto un elevato livello di vigilanza e controllo sulle violazioni dei diritti e delle libertà fondamentali. Da parte di tutti: Istituzioni politiche, tribunali e intera comunità giuridica europea

Europa e coronavirus

Emergenza sanitaria in carcere: l'appello al Consiglio d'Europa

Il Consiglio d’Europa, nell'attuale situazione di grave crisi sanitaria, deve dare impulso a politiche che possano portare a una rapida riduzione del numero dei detenuti. A tutela dei diritti fondamentali di questi ultimi e della salute pubblica