Ufficio per il Processo

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.


Alle spalle dell’ufficio per il processo c’è un’ampia elaborazione, patrimonio prezioso della magistratura progressista, che nel tempo ha creduto e investito nel valore dell’organizzazione del lavoro giudiziario e nella promozione di una mentalità aperta rispetto a nuove pratiche e modelli di lavoro in grado di rendere l’operato del giudice meno isolato, con l’obiettivo di contribuire a dare ai cittadini una giustizia rapida e di qualità.


Nel perseguimento di questi obiettivi molto è stato fatto, anche grazie al prezioso contributo di realtà come gli osservatori per la giustizia civile e grazie proprio all’ufficio del processo, che in alcuni uffici giudiziari è già una realtà e rappresenta uno strumento di grande efficacia e un modello positivo.

Oggi siamo chiamati a confrontarci con l’ufficio per il processo disegnato dalla riforma e con lo sforzo che richiede, organizzativo e di mentalità, con i cambiamenti che determinerà per il nostro lavoro e siamo convinti che si tratti di una sfida da cogliere in positivo

Siamo di fronte ad uno straordinario investimento economico, di personale, sugli strumenti di coordinamento e digitalizzazione, messo in campo per affrontare lo storico problema dell’arretrato civile e penale e dell’eccessiva durata dei processi.

Senza retrocedere nelle garanzie e senza abdicare alla complessità dei giudizi, ma con l’aspirazione al contenimento dei tempi di definizione dei processi, dobbiamo cimentarci con la novità, mettendo a frutto pienamente le potenzialità dello strumento, per il miglioramento della qualità della giustizia.

La qualità della giustizia rappresenta senza dubbio la posta in gioco, in questa fase come sempre, per cui insieme all’entusiasmo e al convinto investimento sul nuovo, si impone un atteggiamento vigile e lucido, rispetto alle difficoltà che ci saranno e alle criticità che l’ufficio per il processo pone.

La fibrillazione che percorre gli uffici giudiziari per la novità che attende è tangibile, così come le preoccupazioni dei colleghi.

Come si concilierà la formazione degli addetti con le incombenze del lavoro quotidiano, tanto più gravose per i colleghi più giovani e nei contesti più disagiati; come inciderà lo strumento nelle diverse realtà territoriali, negli uffici di grandi e in quelli di piccole dimensioni; quali le problematiche che si porranno a seconda del diverso stato di partenza degli uffici e quali i risultati che ragionevolmente si possono attendere; il problema delle infrastrutture, per cui non in tutti gli uffici c’è lo spazio per dare una sistemazione agli addetti che arriveranno; il ruolo dei dirigenti e quello dei singoli giudici; quali i compiti, concretamente, da affidate agli addetti; il problema dell’aumento della produttività, connesso alle scadenze del piano e come conciliarlo con la qualità dei provvedimenti.

Queste sono soltanto alcune delle questioni sul tavolo, sulle quali cui vi invitiamo a riflettere e a dare un contributo.

Al di là di quello che sarà fatto dai singoli magistrati, dalle sezioni e dai tribunali, crediamo che ci sia uno spazio per una riflessione più ampia da portare avanti, non solo in termini generali, ma anche per approdare a proposte concrete, coltivando anche una rete di supporto.

Con questo spirito, il gruppo di lavoro si propone un work in progress, un osservatorio, per seguire in concreto l’implementazione dell’ufficio per il processo nel corso del tempo e adeguare la riflessione e le proposte.


Partiremo con un incontro di brainstorming, assolutamente informale, che si terrà il giorno venerdì 11 febbraio, a partire dalle ore 17:00.

Il gruppo di lavoro è aperto a tutti, agli iscritti di Magistratura Democratica e a chiunque dei colleghi voglia partecipare e confrontarsi su queste tematiche, senza distinzione di materia, funzione o anzianità, con spirito aperto e propositivo.

Vi aspettiamo numerosi.

La dirigenza di Magistratura Democratica.

INFORMAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE
Gli incontri del gruppo di lavoro si svolgeranno su Teams.
Per essere inseriti nel Team che sarà creato si prega di scrivere ad uno di questi indirizzi:
silvia.albano@giustizia.it
ottavia.civitelli@giustizia.it
mariaantonietta.ricci@giustizia.it 
simone.silvestri@giustizia.it 

17/01/2022

Articoli Correlati

Per un pubblico ministero non separato

Per un pubblico ministero primo tutore dei diritti costituzionali e delle garanzie individuali


Sono all’esame del Parlamento diversi progetti di legge costituzionale in «materia di separazione delle carriere giudicante e requirente della magistratura» (proposta di legge costituzionale Costa, A.C. 23-2022; Giachetti ed altri, A.C. 434-22; Calderone e altri, A.C. 806-23; Morrone ed altri, A.C. 824-23; altre sono annunciate e non ne è ancora noto il testo).

Ordinamento

Il 2023: un anno senza nuovi magistrati negli uffici giudiziari


Il 2023 non vedrà l'immissione in possesso di nuovi magistrati nelle funzioni giurisdizionali. In una situazione di scopertura dell'organico magistratuale negli uffici giudiziari di circa 1.500 unità su 10.900 e pur nell'immissione in ruolo dei magistrati ordinari in tirocinio di cui al D.M. 23.11.2022, questi ultimi - gli unici attualmente in tirocinio - immessi nello scorso mese di dicembre, termineranno il tirocinio generico nel novembre di quest’anno e quello mirato nel luglio del 2024 per poi prendere possesso nei vari uffici giudiziari. 

Editoriale

Non è di Md, ma ci dispiace lo stesso


Ricevo l’ennesima telefonata in cui l’interlocutrice mi manifesta tutto il suo sdegno per le affermazioni attribuite a Luca Poniz a proposito della moglie del calciatore portoghese Ronaldo, in un articolo apparso sul quotidiano “La Verità”. 

Chi è cosa. Chi pensa cosa

La conversione in legge del decreto no vax/ergastolo/rave


L’interpretazione della legge passa anche attraverso l’esame, quando è necessario, dei lavori preparatori. Non è quello che intendiamo fare qui, proponendo brevi estratti degli interventi per dichiarazione di voto alla Camera dei Deputati sulla fiducia posta dal Governo sul “decreto No vax/rave/ergastolo”. Ma crediamo che la lettura, sia pure per sintetico estratto, di ciò che i rappresentanti dei diversi partiti hanno detto, consenta a tutti di vedere “chi è cosa” e “chi pensa cosa”.

Editoriale

L'azione governativa in materia di giustizia. In attesa di argomentazioni consapevoli della complessità dei temi


Le ultime esternazioni del Ministro della Giustizia vanno lette non solo alla luce delle specifiche proposte di riforma che vengono - in vero un po' maldestramente - avanzate e in relazione alle quali va apprezzato e condiviso l’opportuno e tempestivo intervento critico della GEC ANM, ma anche provando ad andare oltre il pur inquietante dettaglio, per tentare di comprendere quale sia la bussola che orienta l’azione governativa in materia di giustizia.