Ufficio per il Processo

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.


Alle spalle dell’ufficio per il processo c’è un’ampia elaborazione, patrimonio prezioso della magistratura progressista, che nel tempo ha creduto e investito nel valore dell’organizzazione del lavoro giudiziario e nella promozione di una mentalità aperta rispetto a nuove pratiche e modelli di lavoro in grado di rendere l’operato del giudice meno isolato, con l’obiettivo di contribuire a dare ai cittadini una giustizia rapida e di qualità.


Nel perseguimento di questi obiettivi molto è stato fatto, anche grazie al prezioso contributo di realtà come gli osservatori per la giustizia civile e grazie proprio all’ufficio del processo, che in alcuni uffici giudiziari è già una realtà e rappresenta uno strumento di grande efficacia e un modello positivo.

Oggi siamo chiamati a confrontarci con l’ufficio per il processo disegnato dalla riforma e con lo sforzo che richiede, organizzativo e di mentalità, con i cambiamenti che determinerà per il nostro lavoro e siamo convinti che si tratti di una sfida da cogliere in positivo

Siamo di fronte ad uno straordinario investimento economico, di personale, sugli strumenti di coordinamento e digitalizzazione, messo in campo per affrontare lo storico problema dell’arretrato civile e penale e dell’eccessiva durata dei processi.

Senza retrocedere nelle garanzie e senza abdicare alla complessità dei giudizi, ma con l’aspirazione al contenimento dei tempi di definizione dei processi, dobbiamo cimentarci con la novità, mettendo a frutto pienamente le potenzialità dello strumento, per il miglioramento della qualità della giustizia.

La qualità della giustizia rappresenta senza dubbio la posta in gioco, in questa fase come sempre, per cui insieme all’entusiasmo e al convinto investimento sul nuovo, si impone un atteggiamento vigile e lucido, rispetto alle difficoltà che ci saranno e alle criticità che l’ufficio per il processo pone.

La fibrillazione che percorre gli uffici giudiziari per la novità che attende è tangibile, così come le preoccupazioni dei colleghi.

Come si concilierà la formazione degli addetti con le incombenze del lavoro quotidiano, tanto più gravose per i colleghi più giovani e nei contesti più disagiati; come inciderà lo strumento nelle diverse realtà territoriali, negli uffici di grandi e in quelli di piccole dimensioni; quali le problematiche che si porranno a seconda del diverso stato di partenza degli uffici e quali i risultati che ragionevolmente si possono attendere; il problema delle infrastrutture, per cui non in tutti gli uffici c’è lo spazio per dare una sistemazione agli addetti che arriveranno; il ruolo dei dirigenti e quello dei singoli giudici; quali i compiti, concretamente, da affidate agli addetti; il problema dell’aumento della produttività, connesso alle scadenze del piano e come conciliarlo con la qualità dei provvedimenti.

Queste sono soltanto alcune delle questioni sul tavolo, sulle quali cui vi invitiamo a riflettere e a dare un contributo.

Al di là di quello che sarà fatto dai singoli magistrati, dalle sezioni e dai tribunali, crediamo che ci sia uno spazio per una riflessione più ampia da portare avanti, non solo in termini generali, ma anche per approdare a proposte concrete, coltivando anche una rete di supporto.

Con questo spirito, il gruppo di lavoro si propone un work in progress, un osservatorio, per seguire in concreto l’implementazione dell’ufficio per il processo nel corso del tempo e adeguare la riflessione e le proposte.


Partiremo con un incontro di brainstorming, assolutamente informale, che si terrà il giorno venerdì 11 febbraio, a partire dalle ore 17:00.

Il gruppo di lavoro è aperto a tutti, agli iscritti di Magistratura Democratica e a chiunque dei colleghi voglia partecipare e confrontarsi su queste tematiche, senza distinzione di materia, funzione o anzianità, con spirito aperto e propositivo.

Vi aspettiamo numerosi.

La dirigenza di Magistratura Democratica.

INFORMAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE
Gli incontri del gruppo di lavoro si svolgeranno su Teams.
Per essere inseriti nel Team che sarà creato si prega di scrivere ad uno di questi indirizzi:
silvia.albano@giustizia.it
ottavia.civitelli@giustizia.it
mariaantonietta.ricci@giustizia.it 
simone.silvestri@giustizia.it 

17/01/2022

Articoli Correlati

Comunicati

Disciplinare a tutti i costi


Poco più di un anno fa il ministro Nordio chiese alla Procura Generale di promuovere un’azione disciplinare nei confronti di un collegio di giudici di Milano che avevano sostituito la misura della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di un cittadino russo, poi evaso.

Comunicati

Domani potrebbe essere qualunque magistrato


Il Consiglio superiore della magistratura ha deliberato di non riconoscere la settima valutazione di professionalità a Emilio Sirianni. 

Comunicati

La Festa della Repubblica, i pericoli per la Repubblica


Il 2 giugno 1946 gli italiani e, per la prima volta, le italiane andarono alle urne e scelsero la Repubblica. Le frontiere di questa nuova patria erano state tracciate dalla Resistenza e furono poi messe in sicurezza dalla Costituzione. Non si tratta dei confini territoriali, perché la Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo si è da subito dichiarata terra d’asilo per tutti gli stranieri ai quali nei paesi di origine è impedito l’esercizio delle libertà democratiche e ha consentito le limitazioni di sovranità necessarie a creare un ordinamento internazionale di pace e giustizia. Due guerre mondiali avevano insegnato che ogni frammento della Terra doveva essere casa per qualsiasi essere umano.

Comunicati

Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari


Abbiamo appreso, da organi di stampa, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ha richiesto, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, gli atti del procedimento che ha condotto, tra l’altro, all’applicazione di una misura custodiale domiciliare nei confronti del Presidente della Giunta della Regione Liguria. 

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.