Eventi

Un confronto che riguarda tutta la magistratura

di Luigi Marini

VIBO VALENTIA - Parlare dei e con i magistrati in tirocinio o che da poco hanno le funzioni è, in realtà, parlare della magistratura tutta. Perché i modi con cui i giovani magistrati vengono formati e immessi nelle funzioni è lo specchio dell’intero sistema giudiziario.

E’ soprattutto con loro che si misurano il principio di pari dignità e quello che antepone le esigenze del servizio alle logiche personalistiche.

Ad esempio, Md ha pubblicato recentemente due volumi dedicati ai diritti e doveri dei magistrati e alla giurisdizione europea; lo ha fatto pensando in primo luogo a coloro che si avviano alla nostra professione, ma ha avuto ben chiaro che la cultura del diritto europeo e quella ordinamentale debbono essere coltivate ad ogni livello e che il dibattito su quei temi costituisce una necessità per tutta la magistratura.

Incontrare a Vibo, in terra di Calabria, i giovani magistrati ha significato mettere allo stesso tavolo con uguale dignità coloro che iniziano il loro percorso, i rappresentanti del Csm, i capi ufficio e molti magistrati già esperti. Il progetto era quello di verificare assieme le relazioni che esistono tra formazione, organizzazione-sistema tabellare e valutazione e l’importanza dell’attenzione continua ai valori legati alla professionalità.

Dai capi ufficio e dai magistrati calabresi è venuto un richiamo forte alla eticità dei comportamenti nel lavoro e fuori dal lavoro e si è sottolineata l’importanza assoluta che i magistrati mostrino un segno chiaro di discontinuità rispetto ad un passato anche prossimo che ha spinto i cittadini a guardare la magistratura come parte di un ristretto gruppo di potere, chiuso e insensibile alle istanze di coloro che non contano o non hanno diritti.

In fondo, confrontarsi coi magistrati più giovani è un momento che abbiamo cercato per far crescere in noi il senso delle cose che accadono e fare della professionalità lo strumento fondamentale che garantisce consapevolezza del ruolo, indipendenza di esercizio, ricerca della legalità per tutte le persone.

La partecipazione elevata e la qualità del dibattito costituiscono la prova che abbiamo intercettato bisogni reali e affrontato temi sensibili.

Se è evidente che la qualità dei capi ufficio assume in Calabria un significato decisivo, e su questo terreno il Csm deve avere piena consapevolezza delle responsabilità che si assume nei confronti dell’intero Paese, è altrettanto importante che i magistrati che iniziano la loro vita professionale in Calabria e in aree difficili non vivano l’esperienza come un intervallo da chiudere prima possibile: considerare i primi anni di esperienza professionale come una parentesi su cui scivolare in modo indolore non solo svuoterebbe quell’esperienza di ogni utilità e crescita, ma finirebbe per rendere insignificante la presenza dei giovani magistrati negli uffici e nella realtà sociale, proprio il contrario di quanto è avvenuto negli anni passati che sono stati segnati da un forte vento di novità proprio grazie ai magistrati giunti in Calabria (come in altre realtà difficili) in prima assegnazione.

Per questo è con soddisfazione che mettiamo a disposizione tutti un estratto degli interventi e dei documenti contenenti alcuni dei passaggi più significativi del dibattito, sperando che stimolino riflessioni e nuovi contributi che lo arricchiscano.

03/11/2011

Articoli Correlati

Eventi

Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione


Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione
Mercoledì 6 aprile 2022, ore 16.30
Sede Associazione "Volere la Luna", Via Trivero 16 Torino

Sarà possibile seguire l’incontro in diretta streaming sul canale Youtube di Magistratura democratica (https://www.youtube.com/user/MagistraturaDem

Iniziativa della dirigenza nazionale di Magistratura democratica

La gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale


Le problematiche, giuridiche e operative, della gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale, sia nella fase cautelare che in quella processuale - problematiche efficacemente riassunte e argomentate nella recente sentenza della Corte costituzionale n. 22 del 27 gennaio 2022 - sono ampiamente note a tutti gli operatori del diritto. 

Eventi

Lavoro povero e salario minimo


Lavoro povero e salario minimo


Venerdì 25 marzo 2022, ore 15.00


Corte di cassazione, Aula Giallombardo, 2° piano

Dialoghi sulla giustizia

A proposito di Referendum

Sono nove, ad oggi, le richieste di referendum al vaglio della Cassazione e della Corte costituzionale: sei di questi in particolare riguardano argomenti in materia di giustizia, pur molto eterogenei tra loro. La possibilità della sottoscrizione telematica ha ovviamente incentivato il ricorso al mezzo, e con ogni probabilità, si ripeteranno in futuro le occasioni di consultazione popolare sui temi più svariati. Diviene essenziale un’informazione capillare ed una discussione franca che possa evidenziare i risvolti effettivi di un voto che si può esprimere solo con un sì o con un no. Magistratura democratica non si sottrae al dovere di fornire il suo contributo.

In-sicurezza: giustizia, diritti e informazione

Parole di Giustizia

L'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge e la tutela dei diritti di tutti sono il banco di prova delle democrazie contemporanee. Ciò sta scritto nelle Costituzioni del Novecento (a cominciare da quella del nostro Paese) ma spesso – troppo spesso – resta un obiettivo irrealizzato. Così la giustizia sembra talvolta ridursi, da orizzonte di vita decorosa e serena per tutti, a insieme di procedure per risolvere controversie e conflitti.

In questo contesto è nata l’idea di un appuntamento annuale teso a recuperare la consapevolezza del carattere etico e politico oltre (e prima) che tecnico della questione giustizia. Un appuntamento che, dopo nove edizioni a La Spezia, quest’anno si trasferisce a Urbino e a Pesaro, grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino 'Carlo Bo', l’Associazione studi giuridici 'Giuseppe Borrè' e Magistratura democratica, con il coinvolgimento dell’Ordine degli avvocati di Pesaro e di Urbino e di tre istituti superiori: l’istituto Raffaello di Urbino, i licei Mamiani e Marconi di Pesaro.

Al centro della riflessione di questa edizione di “Parole di giustizia” è il senso di in-sicurezza che attraversa la società. Magistrati, avvocati, docenti universitari, giornalisti ed esperti di comunicazione – attraverso dibattiti, lezioni magistrali e interviste – ne analizzeranno sia le ragioni sia gli effetti sulla politica, sui diritti, sulla legislazione, sul modo di amministrare la giustizia.    

Il festival Parole di Giustizia 2021 si aprirà a Urbino venerdì 22 ottobre a Palazzo Battiferri con la lectio magistralis di Ilvo Diamanti e si concluderà domenica 24 ottobre a Palazzo ducale con quella di Tomaso Montanari. Sabato 23 ottobre si trasferirà a Pesaro e vedrà protagonisti, tra gli altri, Vera Gheno, Donatella Di Cesare, Yvan Sagnet, Umberto Ambrosoli.